Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le navi italiane e spagnole sono in arrivo mentre le squadre internazionali intensificano i soccorsi

Le navi italiane e spagnole sono in arrivo mentre le squadre internazionali intensificano i soccorsi

Una nave della marina italiana e un’altra nave sono salpate dalla Spagna alla Turchia per aiutare con i soccorsi in caso di calamità dopo che due enormi terremoti hanno ucciso quasi 9.000 persone in 10 province del sud-est.

Il Molo per il Trasporto Anfibio San Marco (LPD) della Marina Militare Italiana si è unito alla fregata spagnola Blas de Lezo e alla nave di supporto logistico Cantabria.

annuncio

La nave italiana poteva trasportare un battaglione di truppe e fino a 36 veicoli corazzati. Il molo allagabile di poppa ospita tre mezzi da sbarco. Può fornire un supporto logistico significativo e svolgere un ruolo nelle operazioni di soccorso in caso di calamità.

Anche la Protezione Civile italiana ha fornito assistenza alla Turchia, inviando una squadra di vigili del fuoco come mezzi di trasporto aereo, personale sanitario e altro.

Martedì scorso, la Spagna ha inviato due navi militari in Turchia, la nave d’assalto anfibia Juan Carlos, che ha una piena capacità ospedaliera.

Le navi spagnole dovrebbero raggiungere il relitto del terremoto di Hatice Iskenderun mercoledì.

Insieme a loro, paesi di tutto il mondo hanno rafforzato la risposta della Turchia ai disastri con squadre di ricerca e soccorso, vigili del fuoco e unità di supporto militare.

I soccorritori israeliani dopo aver soccorso una vittima più di 40 ore dopo il terremoto che ha colpito Kahramanmaraş, Turchia, 8 febbraio 2023 (Foto IHA)
I soccorritori israeliani dopo aver soccorso una vittima più di 40 ore dopo il terremoto che ha colpito Kahramanmaraş, Turchia, 8 febbraio 2023 (Foto IHA)

I vicini si precipitano ad aiutare

Squadre di soccorso provenienti da numerosi paesi europei sono state attivamente coinvolte nel lavoro di soccorso in corso.

L’Unità militare di emergenza spagnola (UME) ha twittato mercoledì che le sue squadre hanno continuato a cercare tra le macerie degli edifici crollati alla ricerca di possibili sopravvissuti nell’area di riparazione della provincia di Gaziantep.

READ  Scioperi in tutta Italia contro le politiche di tagli sociali e di guerra della Meloni

Madrid aveva annunciato il giorno prima che avrebbe mobilitato operatori sanitari e un ospedale da campo nella zona sismica.

Finora, quattro persone, tre delle quali bambini, sono state salvate dall’EMAK, la squadra speciale per i disastri dei vigili del fuoco ellenici, dalle macerie degli edifici nella provincia di Hatay.

L’emittente pubblica ERT ha riferito che un totale di 18 dipendenti dell’EMAK del paese e dei servizi di emergenza EKAV saranno inviati in Turchia.

La Grecia è anche tra i primi paesi ad ascoltare la richiesta di sostegno internazionale della Turchia, inviando una seconda squadra di Unità speciali di risposta ai disastri (EMAK).

Dalla Polonia, un totale di 15 soccorritori hanno lavorato in quattro squadre del National Fire Service (PSP) nel distretto di Besni della contea di Adıyaman.

Il presidente della PSP Andrew Bartkowiak ha dichiarato mercoledì su Twitter che finora le squadre hanno salvato otto vite.

I vigili del fuoco polacchi si preparano a un'operazione di salvataggio dopo il terremoto in Turchia, a Lodz, Polonia, 6 febbraio 2023 (foto EPA)
I vigili del fuoco polacchi si preparano a un’operazione di salvataggio dopo il terremoto in Turchia, a Lodz, Polonia, 6 febbraio 2023 (foto EPA)

Inoltre, l’esercito polacco invia anche 52 personale medico, inclusi medici, infermieri e medici.

Un’unità italiana di 50 soccorritori dei Vigili del Fuoco e del Ministero della Protezione Civile è al lavoro ad Hatay da lunedì sera.

Anche le squadre dell’Agenzia internazionale tedesca di ricerca e salvataggio (ISAR), composta da 50 soccorritori, sono ad Hatay.

ISAR ha dichiarato su Twitter che il suo personale nel distretto di Kerekhan ha salvato un ragazzo e una donna di 16 anni.

Il Direttorio generale francese per la protezione civile e la gestione delle crisi ha twittato che una squadra di 73 persone sta lavorando con i soccorritori turchi locali e “facendo tutto il possibile per salvare le vittime intrappolate sotto le macerie” nella provincia di Osmaniye.

READ  L'inflazione può erodere un forte aggiustamento salariale

Separatamente, il ministero degli Esteri belga ha annunciato mercoledì che il paese si sta preparando a inviare un’équipe medica di emergenza per allestire un ospedale da campo e fornire assistenza medica ai bisognosi.

Il mondo unisce

Diverse squadre erano in viaggio da tutto il mondo quando un’unità di supporto militare dalla Corea del Sud è arrivata in Turchia mercoledì.

L’Oman, dopo l’Arabia Saudita, era in procinto di istituire un corridoio di aiuti aerei verso la Turchia e la Siria per sostenere le aree colpite dal terremoto.

Nel frattempo, un corpo dei vigili del fuoco dal Kuwait era in viaggio verso la Turchia per prendere parte ai soccorsi nell’area del disastro.

Il Kazakistan ha inviato una seconda squadra di ricerca e soccorso di 60 persone, mentre la Mongolia ha anche inviato in Turchia una squadra di ricerca e soccorso di 35 persone e personale medico.

L’Australia si sta inoltre preparando a inviare un team di esperti per sostenere gli sforzi di ricerca e soccorso del Paese, oltre agli aiuti finanziari.

Una squadra di ricerca e soccorso azera lavora a Kahramanmaraş, Turchia, 8 febbraio 2023 (foto IHA)
Una squadra di ricerca e soccorso azera lavora a Kahramanmaraş, Turchia, 8 febbraio 2023 (foto IHA)

L’Azerbaigian, che è stato uno dei primi paesi a mobilitare le sue unità per sostenere la Turchia, ha inviato in Turchia una nuova squadra di 227 persone. Ben 420 dipendenti azeri lavorano già in Turchia.

Anche una squadra ucraina, composta da 87 membri del personale di emergenza del paese, specialisti di ricerca e soccorso, medici, addestratori di cani e vigili del fuoco, è in viaggio verso la Turchia.

Il team comprende anche cani da ricerca e salvataggio, veicoli di soccorso, attrezzature e assistenza medica.

Nel frattempo, il Venezuela sta inviando squadre di ricerca e soccorso di 50 persone in Turchia e Siria.

READ  La sinistra ha bisogno di una nuova politica europea - Dagsavisen

Anche la squadra cinese di ricerca e soccorso è arrivata in Turchia mercoledì.

Un aereo che trasportava una squadra di ricerca e soccorso britannica composta da 76 persone è arrivato mercoledì in Turchia.

Un aereo da trasporto militare C17 Globemaster III della US Air Force era in rotta verso la Turchia con una squadra di ricerca e soccorso di 161 persone.

Mercoledì scorso, una seconda squadra di ricerca e soccorso taiwanese è partita per la Turchia con 2 milioni di dollari in aiuti di emergenza.

In totale, più di 96.670 persone in diverse squadre di ricerca e soccorso stanno conducendo operazioni sul campo, secondo l’Autorità per la gestione delle emergenze e dei disastri (AFAD).

Il presidente del paese Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato mercoledì che almeno 8.574 persone sono state uccise e altre 49.133 ferite dopo che due potenti terremoti hanno colpito la Turchia meridionale lunedì.

I terremoti di magnitudo 7.7 e 7.6, centrati nella provincia di Kahramanmaraş, hanno colpito 10 province e colpito più di 13 milioni di persone.

Il terremoto ha anche devastato molti paesi della regione, in particolare la Siria, dove si contano oltre 2.600 morti.