Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le parti provengono dalla Cina e la pelle dall'Italia.  Tutto deve essere messo in quarantena.

Le parti provengono dalla Cina e la pelle dall'Italia. Tutto deve essere messo in quarantena.

Sikaelfen (Aftenposten): Il “pacchetto Corona” del governo è stato accolto molto più favorevolmente dagli attori del settore dell'aviazione e del turismo. Anche le aziende industriali norvegesi si trovano ad affrontare tempi difficili.

Øystein Vikingsen Fauske (tv) e Edvard Lie del gruppo di mobili Ekornes ritengono che molte industrie dovrebbero essere preparate per i tempi difficili dovuti all'epidemia di Corona. I licenziamenti potrebbero diventare una realtà nel settore del mobile.

-Siamo preparati perché sarà dura e difficile. Pertanto, le nuove regole sui licenziamenti proposte saranno di grande importanza, afferma Øystein Vikingsen Foske, vicepresidente esecutivo delle risorse umane e del digitale presso il produttore di mobili Ekornes.

Sottolinea che il governo ha proposto di ridurre il numero dei giorni salariali obbligatori da 15 a due giorni, oltre ad annullare i giorni di attesa per ricevere l'indennità di disoccupazione.

Non sono le uniche industrie direttamente colpite dalle misure legate al coronavirus che si stanno preparando a licenziare i lavoratori.

– Potrebbe diventare realtà, ma ora è impossibile dirlo con certezza. C'è molta incertezza, dice Fawski.

Attualmente, la produzione procede normalmente nello stabilimento di Sikkelvin. Ogni giorno vengono prodotte quasi mille sedie Stressless, ma Ekornes ha registrato ordini falliti dall'Asia ed è pronta per lo stesso sviluppo in Europa centrale e negli Stati Uniti – e nel mercato interno.

– Considerando la situazione nel mondo, non credo che la gente stia correndo a comprare sedie adesso. Quindi questo ci riguarderà, dice Edward Li, direttore di negozio per 550 dipendenti del sindacato LO IndustriEnergi.

Misure adottate più di un mese fa

Il gruppo dei mobili è riuscito a far fronte tempestivamente alla minaccia del virus. Dal 2018, Ekornes è di proprietà del gruppo cinese di mobili Qumei Home Furnishings Group, con sede a Pechino.

Abbiamo interrotto le operazioni di viaggio da e per la Cina sei settimane fa. Le parti provenienti dalla Cina sono state messe in quarantena per dieci giorni prima di entrare in produzione. La stessa cosa sta accadendo adesso con la pelle italiana, dice il direttore di Ecoronis.

Inoltre, a quasi tutto il personale dello stabilimento di Skelvin è stato chiesto di lavorare da casa. Questo per proteggere la produzione. Nessuno dall'esterno entra nell'impianto di produzione. Da lunedì è stato introdotto anche un “punto di ingresso” da altri comuni. Ciò significa che solo i dipendenti che vivono a Seakelvin possono entrare nei locali della fabbrica.

– Il consiglio di amministrazione e la proprietà in Cina erano preoccupati che non ci stessimo esponendo ad alcun rischio.

Poche industrie sono immuni dalle conseguenze

Anche l’industria della costruzione navale potrebbe risentire dell’impatto delle misure adottate contro il coronavirus. Potrebbero essere colpiti sia la produzione che il lavoro per garantire nuovi contratti.

– Ciò vale per le consegne di attrezzature e l'accesso a persone con competenze specializzate, afferma il direttore delle comunicazioni Hegi Axelvoll presso Vard Shipbuilding Group.

Vard, di proprietà italiana, possiede nove cantieri, cinque dei quali in Norvegia.  Questo è il cantiere navale Langsten sul Tomrejord a Romsdal.

Vard, di proprietà italiana, possiede nove cantieri, cinque dei quali in Norvegia. Questo è il cantiere navale Langsten sul Tomrejord a Romsdal.

Fino ad ora, la produzione negli stabilimenti del gruppo di cantieri navali è continuata come al solito, ma Axelvoll è pronta a cambiare la situazione.

Come Ecoronis, anche le FARD hanno un forte legame con uno dei primi paesi colpiti. La società è di proprietà del colosso italiano della costruzione navale Fincantieri.

– Ma finora non abbiamo avuto casi confermati di Corona né nei nostri dipartimenti in Norvegia né in Italia, spiega il Direttore della Comunicazione.

READ  - L'Oslo Bors avrebbe dovuto agire - E24