Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le persone hanno sempre ragione, tranne quando hanno torto – VG

“The People”: durante la manifestazione anti-vaccinazione “Forbidden Green Corridor” in Italia ad ottobre, lo slogan era: “Noi siamo il popolo, siamo una democrazia”. Riferirsi al “popolo” è nel linguaggio populista come dire che qualcosa è ragionevole e vero. L’editorialista scrive che quasi tutto il populismo si basa sulla percezione delle persone da una parte (cosa intendiamo) e dei loro avversari dall’altra.

Le persone possono pensare male.

Questa è storia. Il verbale esprime la posizione dello scrittore. Puoi inviare articoli e post a VG qui.

Baird Larsen, Storico e direttore di progetto presso il Centro per il pensiero liberale Civita

Le persone non sono né migliori né peggiori della somma di persone diverse che vivono nello stesso paese. La storia ci ha mostrato in modo definitivo che le persone possono scegliere leader politici che hanno perseguito politiche disastrose. Inoltre, l’esito di un’elezione non ci dice cosa pensano tutti in un paese, ma cosa pensa la maggioranza di coloro che votano (forse). In effetti, è assolutamente necessario immaginare che le persone possano commettere errori. Questo è il motivo per cui facciamo regolarmente cambiamenti al governo, il che dimostra che molti sono ben consapevoli di aver “commesso un errore” l’ultima volta.

Tutta gloria a chi cerca la verità, ma sempre attenti a chi dice di averla trovata. Questo è più o meno quello che ha detto l’autore francese Andre Good stessi molto tempo fa. E con questo intendeva dire che lo scetticismo, cioè l’apertura a te di avere torto e agli altri di avere ragione, è ciò che distingue il vero pensiero. Lo stesso vale con la conoscenza. Ma le parole indicano anche almeno qualcosa di importante: che movimenti e politici che pensano di aver trovato l’unico diritto non è necessariamente una buona notizia. Li conosciamo dalla storia e dal presente attraverso il falso argomento che qualcosa deve essere vero, perché molte o la maggior parte delle persone ci credono.

Filosofi, alcuni RousseauHa coniato il fenomeno con il termine “volontà generale”. In parole povere, la volontà generale significa che il politico si esprime in “persone” nel profondo e realmente desiderose (anche quando esse stesse non lo capiscono), come la “manifestazione oggettiva della natura morale umana”.

READ  Gli utenti NICFI si muovono per ridurre e invertire le perdite delle foreste tropicali

I populisti parlano molto delle persone. Fare riferimento alla “maggior parte delle persone” è nel linguaggio populista come dire che qualcosa è ragionevole e vero. Quasi tutto il populismo è costruito attorno alla percezione delle persone da un lato (cosa intendiamo) e dei loro avversari dall’altro.

I populisti totalitari, cioè i populisti del tipo pericoloso, usano spesso un linguaggio simile alla guerra civile per enfatizzare il conflitto tra persone reali ed élite sospettose, tra i cittadini istruiti delle città del mondo e i veri popoli del villaggio e la classe operaia. Ciò significa che i loro avversari non sono realmente parte del popolo. Alcuni sono persone e altri no. È più spesso (ma non sempre) che la maggioranza nelle democrazie liberali voti per partiti molto diversi da quelli che usano tale retorica. Quindi le autorità non sono a conoscenza dei risultati elettorali. Vogliono stabilire quello che chiamano un governo popolare, composto da persone reali, che sopprimerebbe altre forme di volontà popolare.

È una vecchia idea che giace nel profondo, l’idea completamente illogica che lo stato sia il popolo e che il popolo sia lo stato. Possiamo chiamarlo “un paese, un modo di pensare di un popolo”, cioè l’opposto del pluralismo e della diversità nella democrazia liberale. Questo significa che se sei contro ciò che lo stato e le autorità inventano, non fai più parte del popolo. diventare un emarginato. Dimostra che l’idea di persone reali non ha senso e che tali pensieri non dovrebbero mai acquisire forza.

C’è una differenza piuttosto cruciale tra l’idea di un popolo reale e l’idea di un’enfasi liberale sull’individuo come pietra angolare dello stato.

Cosa si intende veramente per “classe operaia” quando il Partito Rosso, ad esempio, parla a suo favore? L’ipotesi di Rødt è che, anche nella più ingenua delle interpretazioni, la classe operaia è una classe operaia socialista, e quindi socialisti sono anche gli organismi “controllati dai lavoratori”. Infatti, né nella classe operaia né nella storia c’è un’entità univoca, né qui né là.

Ha perfettamente senso che una democrazia liberale pluralistica perda la sua ragion d’essere se è vero che qualcosa – come un’ideologia o un popolo chiaro – è vero per sempre. Uno degli elementi del marxismo è che la storia passa per tappe ed è destinata a finire con il comunismo. Pertanto, i comunisti nella storia sono stati in larga misura in una guerra costante contro la diversità di opinioni e le “deviazioni della destra”. Il problema con questa “scienza” era che non era scienza, ma credenza, immune da esperienze reali. Non ci sono basi per tali leggi universali.

READ  Cinque anni di lavori forzati per aver insultato l'Islam - Dagsavisen

Quindi il marxismo presuppone che una certa classe della classe operaia diventi governante. In questo senso, la stessa lingua è parlata tra i nazionalisti di estrema destra. Che il sovrano sia un imperatore o un generale o un partito o qualunque cosa sia irrilevante, si tratta del potere controllato da un particolare gruppo di persone.

L’una è in relazione con l’altra: se si crede nelle verità assolute e che questa si manifesta nella volontà generale, allora logicamente è giusto e ragionevole fare un’operazione breve con chi non si fa prendere la mano. Quindi non sei solo contro il partito, lo stato o il popolo, ma sei anche contro te stesso. Il risultato è la tirannia della maggioranza, ma difficilmente. Si tratta piuttosto di regimi politici in cui il potere statale autoritario si giustifica con la volontà generale, ma in cui non parlano né la maggioranza né le minoranze.

Inutile dire che non è facile essere accusati di essere un nemico del popolo. Ciò che si intende con queste accuse è che stai commettendo un crimine contro l’intero paese e tutti coloro che ci vivono. È così che funzionano gli stati autoritari: in paesi come Russia, Turchia e Polonia, ci sono leggi che praticamente significano che criticare il presidente e le politiche di coloro che decidono è punibile, perché poi si insultano tutti i cittadini. Quindi sei giudicato duramente perché hai insultato lo stato e l’intero popolo. Il capo dello Stato può ordinare ai tribunali di etichettare gli estremisti dell’opposizione.

Poiché la democrazia liberale e il pluralismo presuppongono che il nostro sistema non abbia un obiettivo finale, ma piuttosto debba essere visto come un processo continuo, spesso sbagliato, molti si sono annoiati. Semplicemente non è abbastanza eccitante o ambizioso, dobbiamo crederci, fa parte della ricerca sulla democrazia.

Le forti critiche dei populisti contro le élite e la globalizzazione sono spesso rivolte all’intero spettro politico, che costituisce quello che potremmo definire un importante centro politico, dalla socialdemocrazia al conservatorismo. La parola “liberale” qui è una specie di codice populista per il malcontento. Il populismo sta guadagnando terreno non solo nei paesi che sono effettivamente caratterizzati da un’elevata disuguaglianza, ma anche nei paesi con un forte welfare state e democrazie ben funzionanti.

READ  Dibattito Corona | Non c'è ancora spazio per il rilascio a Fredrikstad

In Occidente, l’attrattiva della democrazia liberale come sistema di governo si è indebolita tra molti negli ultimi decenni. Ci sono molti che trovano che presentarsi a un seggio ogni tanto non ha senso. Il sostegno per le elezioni in molti luoghi è stato inferiore rispetto a molto tempo fa. I partiti stanno perdendo membri su vasta scala e i partiti populisti e i partiti di interesse speciale stanno proliferando. Il discorso pubblico è stato in gran parte dominato dai social media, poiché la mentalità del gregge e le idee estremiste abbondano, incluso un massiccio aumento di teorie cospirative selvagge.

Parte della spiegazione è che i gruppi di interesse vogliono un’azione più rapida e assoluta. Si tratta di disordini e paura del futuro. Riguarda anche la politica dell’identità e il pensiero di gruppo in un mondo più diversificato, dove molti non sono a proprio agio con la diversità.

I paroloni delle democrazie liberali sulla libertà e la democrazia possono sembrare una cosa ovvia e arrogante. Potrebbe anche avere a che fare con il fatto che la maggior parte delle persone nelle democrazie liberali conduce una vita relativamente buona e quindi desidera qualcosa di nuovo ed eccitante.

Quindi vale la pena ricordare l’antico detto cinese “Che tu possa vivere in tempi piacevoli”. Anche se vivere momenti divertenti può sembrare una benedizione, in realtà può essere una maledizione. Il termine è usato ironicamente, perché in quei “tempi non importanti” (pace e sicurezza) molto meglio che in “tempi piacevoli” (conflitti e possibilmente guerra).

In questo senso, la democrazia liberale può essere vista come una disciplina o un addomesticamento della politica. Non ultime tendenze ideologiche autoritarie, violente o comunque distruttive. La democrazia liberale aguzza i bordi e restringe lo spazio di manovra della politica avida e rivoluzionaria, ma in gran parte senza vietarla.

Quando questa “disciplina” viene meno, possiamo finire in guai seri. Questo è il motivo per cui la polarizzazione che stiamo vedendo in così tanti posti in Occidente è così allarmante. La democrazia liberale è un progetto moderato. Se un numero sufficiente di cittadini perde la fiducia nel pluralismo e nelle istituzioni indipendenti e cerca intermediari demagogici, possiamo finire rapidamente in un bel posticino.