Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le persone non hanno intenzione di rendere le loro case più efficienti dal punto di vista energetico.  Hanno bisogno di aiuto per iniziare.

Le persone non hanno intenzione di rendere le loro case più efficienti dal punto di vista energetico. Hanno bisogno di aiuto per iniziare.

Un nuovo sondaggio ha mostrato risultati deludenti.

Il barometro degli acquirenti di case di quest’anno mostra che c’è molta strada tra i regimi di sovvenzione e le esigenze delle persone, ha scritto lo storico.
Questo è un appuntamento. Eventuali opinioni espresse nel testo sono di responsabilità dell’autore. Se desideri inviare una proposta di articolo, puoi leggere le istruzioni qui.

La crisi energetica europea ha dato vita all’efficienza energetica. L’uso di elettricità in misura minore e più efficiente è un buon barometro del clima e ridurrà i prezzi dell’elettricità e preverrà un imminente deficit energetico.

L’enoic Energy Commission è la chiave per il sistema energetico della Norvegia in futuro. Il comitato ritiene che dovremmo produrre altri 40 TWh – e risparmiare altri 20 TWh – entro il 2030. È una sfida enorme per i politici, le imprese e le famiglie norvegesi.

Le disposizioni odierne non stanno creando l’ondata monouso di cui abbiamo bisogno

Al Boligkjøperbarometeret, un rappresentante dei norvegesi è stato interrogato da Mesterhus sui loro piani enøk. La conclusione non è incoraggiante: pochi hanno attuato efficaci misure monouso negli ultimi due anni e molti meno prevedono di attuare le misure nel prossimo anno. Le misure più utilizzate sono anche tra le meno efficaci, come la sostituzione delle lampadine e la riduzione della luce e del calore nelle stanze sottoutilizzate.

Lo strumento eneok leader nello stato è Enova. Sfortunatamente, il sondaggio ha mostrato che meno della metà è a conoscenza dei piani di sostegno esistenti e solo il 6% li considera sufficienti. Allo stesso tempo, l’indagine ha mostrato che la soglia per l’attuazione di misure monouso più ampie è molto alta. Di coloro che hanno dichiarato che le loro case necessitavano di maggiori misure di risparmio energetico, il 48% ha affermato che avrebbe avuto bisogno di un sussidio del 50% per avviare la misura di 500.000 NOK.

READ  La stalla dei maiali è irriconoscibile:

E qui arriviamo al succo: Enøk costa denaro. Se vogliamo risparmiare per il futuro, dobbiamo investire oggi. Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di un aumento delle tasse nazionali che offra ai proprietari di case migliori incentivi per agire. L’interesse dei consumatori è ben posizionato: sette norvegesi su dieci affermano di enfatizzare l’efficienza energetica quando acquistano la loro prossima casa. I numeri mostrano anche che ristruttureremo durante una pandemia, ma l’aggiornamento visivo viene enfatizzato prima dell’efficienza energetica.

Ciò suggerisce che molti vedono le misure monouso come un enorme investimento e che la maggior parte delle persone ha bisogno di aiuto per iniziare.

La promessa di Enøk deve includere denaro

Il mandato aggiuntivo proposto dal Parlamento europeo per Enova garantirebbe il sostegno alla tecnologia matura. Ciò porterà a una rapida diminuzione del consumo di energia. Esempi nella proposta sono le pompe di calore, l’isolamento aggiuntivo, la sostituzione di finestre e batterie, il riscaldamento a roccia e simili.

Il nostro sondaggio mostra che questi programmi di sostegno sono urgenti. Andando avanti, pochissimi proprietari di case prevedono di adottare misure rispettose dell’ambiente, come nuove finestre (7%), pompe di calore (6%), nastro sigillante e post-isolamento (entrambi 5%) e installazione di docce ad alta efficienza energetica (4% ), forni di gestione del tempo (3 percento) e riscaldamento della roccia (1 percento).

Questa settimana il governo si è riunito al Klækken Hotel per la conferenza sul bilancio di quest’anno. Il nostro messaggio è chiaro: il denaro dovrebbe seguire l’ambizione. Se vogliamo gestire un aumento maggiore del monouso, non possiamo aspettare un piano aziendale monouso che potrebbe arrivare in autunno.

READ  Partecipa al concorso storico forskning.no!

Rigidità articolare, responsabilità congiunta

In Norvegia, abbiamo una tradizione di sforzi congiunti. Lo Stato non può e non deve risolvere tutto. Ciò significa che altri attori devono contribuire ove possibile. In qualità di costruttore di case, il nostro più grande contributo è che svolgiamo attività di riabilitazione, ristrutturazione e ampliamento. I precedenti regolamenti edilizi prevedevano requisiti di isolamento inferiori rispetto a quelli odierni, conferendo alle case più vecchie una perdita di calore molto maggiore.

Dal momento che molte case norvegesi risalgono agli anni ’60, ’70 e ’80, ci sono guadagni significativi da realizzare nel reisolamento di tetti e pareti, nuove finestre e sistemi di ventilazione con scambiatori di calore. Ma dobbiamo anche ripensarci, come nel caso delle celle solari, delle batterie domestiche e dei collettori di calore.

Molte misure rispettose dell’ambiente, come il riscaldamento della roccia, le pompe di calore, i pannelli solari e il post-isolamento, sono costose. Il finanziamento è fondamentale e quindi le banche hanno un ruolo centrale nella promessa monouso. Prestiti verdi favorevoli offrono interessi inferiori a condizione che l’aggiornamento fornisca un miglioramento del 30% del consumo energetico.

Oggi questo è offerto da molte banche norvegesi e le condizioni sono molto buone con i singoli giocatori. Il tasso di interesse di Husbanken sui prestiti verdi a febbraio era di un buon punto percentuale inferiore al tasso bancario, al 2,75%.

Tutti parlano di investimenti monouso, ma i numeri mostrano che non sta accadendo. Per questo dobbiamo favorire dove lo Stato, l’edilizia e le banche rendono più economico e facile per le famiglie. In Norvegia promettiamo di fare meglio insieme, ma quella promessa deve iniziare dal bilancio nazionale.

READ  Line Elvsåshagen è tornata con un nuovo podcast