Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le regole doganali impediscono alle navi da crociera di donare cibo: – Terribile

Distribuzione di cibo: ogni settimana il cibo in eccedenza della nave da crociera “Costa Fascinova” viene donato ai centri alimentari locali nell’arcipelago della Guadalupa e nell’isola della Martinica. Il cibo viene distribuito alle persone bisognose. Foto scattata lo scorso dicembre nell’isola caraibica della Martinica.

Le normative doganali norvegesi non possono impedire alle navi da crociera di regalare cibo in eccesso, ritengono MDG e FRP. – Burocrazia invasa, Rasmus Hansen era furioso.

Pubblicato da:

Lunedì VG ha scritto di una compagnia di spedizioni italiana che voleva donare cibo al centro alimentare, ma è stata fermata dalle regole doganali norvegesi.

Invece, hanno buttato via il cibo.

Il caso fa infuriare Rasmus Hansen del Partito dei Verdi (MDG):

– Troppa burocrazia non può ostacolare la lotta allo spreco alimentare, afferma in una e-mail tramite il consulente per le politiche commerciali Håkon Lindahl.

– Le linee di crociera qui cercano di assumersi la responsabilità di garantire che il buon cibo non vada perso. Abbiamo efficienti centri alimentari in Norvegia pronti a ricevere generi alimentari.

Insoddisfazione: a Rasmus Hansen non piacciono le regole doganali norvegesi che impediscono alle navi da crociera di consegnare cibo in eccesso a chi ne ha bisogno.

In molti paesi, le eccedenze alimentari delle navi da crociera vengono donate a persone che hanno difficoltà a sbarcare il lunario, senza che le compagnie di navigazione debbano pagare dazi doganali e tasse.

In Norvegia, le aziende devono sdoganare i dazi doganali sul cibo portato a terra, anche se intendono andare a una buona causa.

READ  Movimento per porre fine alla pubblicità cittadina sul controverso quotidiano italo-canadese

– Non ha senso buttare via il buon cibo di cui si è fatto buon uso a causa di regole di etichetta prive di significato, dice Hanson.

Il politico MDG ha chiesto al ministro della Giustizia Emily Enger Mehl Spiegare Cosa farà per evitare che il buon cibo venga buttato via da complicate normative doganali?

– Sono sicuro che il governo risolvera’ la cosa. L’eccessiva burocrazia non può e non deve ostacolare la lotta allo spreco alimentare, afferma Hanson.

Frp: – Terribile

Il Ministero della Giustizia sottolinea che l’Agenzia delle Dogane dipende dal Ministero delle Finanze e sono loro a rispondere alle domande relative a questo argomento.

Hans Andreas Limmy, portavoce per la politica fiscale del Partito Progressista (Frp), Limmy Ha inviato una domanda scritta Il ministro delle finanze Drikwe Slacksvold Vedham (SP) a questo proposito.

– Questo è sicuramente un problema che deve essere affrontato, dice Limy a VG.

Limmy chiede a Wada se vorrebbe prendere l’iniziativa per un programma di distribuzione in termini doganali, ad esempio, in futuro le compagnie di crociera potrebbero consegnare il cibo in eccesso al centro alimentare.

Il Ministero delle Finanze scrive in una e-mail a VG che devono rispondere allo Storting prima di poter rispondere alla stampa.

Ascolta le risposte: Frps Hans Andreas Limi vuole un piano di distribuzione per le navi da crociera che altrimenti butterebbero via il cibo in eccesso.

– È terribile che il cibo debba essere buttato via mentre le file alimentari proliferano in Norvegia e sempre più persone hanno problemi a cavarsela nella loro vita quotidiana. La protezione all’importazione è forte in Norvegia, ma Lim afferma che qui si possono concedere esenzioni quando l’alternativa è buttare via il cibo.

READ  Gli hacker attaccano il marchio italiano di abbigliamento maschile Boogie Milano con un ransomware

– I centri alimentari svolgono un ottimo lavoro aiutando i meno privilegiati e le donazioni di cibo in eccesso dalle navi da crociera possono essere un’aggiunta preziosa al lavoro che svolgono. Non credo che influenzi l’agricoltore norvegese.

Tanto cibo: nel 2022 sono previsti più di 2.200 scali marittimi nei porti norvegesi. In totale, le navi trasportavano più di quattro milioni di passeggeri.

– Cibo che mantiene alta la qualità

Anche l’industria marittima vuole regolamenti più semplici.

– Siamo rimasti delusi per molto tempo dal fatto che sia necessario buttare via il cibo non consumato, ha affermato Tor Kristian Sledner, rappresentante norvegese della Cruise Lines International Association (CLIA). Lunedi a VG.

— È un alimento di alto livello, lavorato a bordo secondo tutte le regole dell’arte.

Pubblicato da: