Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le superpotenze annunciano la produzione di massa di robot umanoidi

Le superpotenze annunciano la produzione di massa di robot umanoidi

Il paese è la Cina. La Cina ha annunciato che inizierà la produzione di massa di robot umanoidi entro il 2025.

Secondo l’annuncio, entro il 2027 centinaia di migliaia di robot cinesi saranno al lavoro e influenzeranno l’economia cinese.

Questo annuncio deve essere visto nel contesto della lotta delle potenze internazionali per controllare il rapido sviluppo nel campo della robotica e dell’intelligenza artificiale.

I robot possono migliorare la vita

Le conseguenze della produzione di massa sono di vasta portata.

Gli esperti hanno previsto che il mercato della robotica umanoide varrà 150 miliardi di dollari all’anno in tutto il mondo nei prossimi 15 anni e che i robot potrebbero diventare una parte normale della forza lavoro nelle fabbriche tra il 2025 e il 2028 e in un’ampia gamma di altri lavori nel 2030. .

“La produzione di robot in Cina copre molti settori commerciali diversi. La qualità di questi robot non è ancora elevata, ma sta iniziando a migliorare”, dice a Illustrert Vitenskap Henrik Iskov Christensen, professore di robotica all’Università della California.

Robot simili a quelli umani sono già presenti in alcuni magazzini cinesi e si prevede che la tecnologia in costante miglioramento rivoluzionerà molti settori.

Invece di fornire assistenza umana, i robot saranno in grado di prendersi cura degli anziani, eseguire delicati interventi chirurgici nelle sale operatorie e fungere da assistenti didattici nelle aule.

C’è una certa preoccupazione tra i cittadini per l’invasione dei robot.

Questa preoccupazione può essere giustificata: le proiezioni indicano che fino a un quarto dei posti di lavoro potrebbero essere influenzati dai robot e dall’intelligenza artificiale nei prossimi trent’anni.

Tesla sta sviluppando Optimus, che secondo il CEO Elon Musk, dovrebbe essere in grado di svolgere tutti i compiti che un essere umano può svolgere.

Tuttavia, gli esperti di robotica temono soprattutto che le persone spendano le proprie energie nella paura piuttosto che nella realizzazione del proprio potenziale.

“È importante rendersi conto che anche nelle fabbriche altamente automatizzate ci sono più di 10 persone per robot. Quindi siamo lontani da una realtà in cui la maggior parte della produzione viene sottratta alle mani umane”, afferma il ricercatore di robotica Henrik Iskov Christensen.

Lavorare con le persone

Attraverso una roadmap governativa da 59 miliardi di dollari, la Cina sta espandendo la propria leadership nella corsa globale alla robotica.

Ciò ha fatto suonare il campanello d’allarme in Occidente.

All’inizio di quest’anno, l’Unione Europea ha vietato l’esportazione di alcune tecnologie di intelligenza artificiale in Cina e gli Stati Uniti hanno vietato la vendita di chip per computer basati sull’intelligenza artificiale alle aziende cinesi.

L’Unione Europea ha lanciato il progetto RoboCom++ per sviluppare una nuova generazione di robot in grado di lavorare a fianco degli esseri umani nelle fabbriche. Da molti anni gli Stati Uniti lavorano con robot umanoidi in grado di svolgere compiti complessi nelle zone disastrate.

Né l’Unione Europea né gli Stati Uniti hanno fissato una data per una possibile produzione di massa, e qui i robot restano principalmente una questione riservata alle aziende private.

Aziende come Agility, Tesla e Hanson Robotics hanno introdotto robot umanoidi negli ultimi anni e anche le università hanno iniziato a lavorare su progetti simili.

American Agility dovrebbe aprire un impianto di produzione di massa nel 2024, ma non ha annunciato quando prevede di vendere i robot.

READ  Asilo nido privato