Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Napoleone – grandioso ed epico – ma esagera

Napoleone – grandioso ed epico – ma esagera

Quando esci dal cinema dopo l’ultimo dramma epico di Ridley Scott, sei quasi sopraffatto dalla violenza, dalle scene di combattimento spettacolarmente sanguinose e dal ritmo frenetico della storia. Ma condensare la vita di quasi un uomo intero, soprattutto di uno che ha nel suo curriculum tanto quanto Napoleone, in due ore e mezza è un esercizio laborioso.

L’uomo si considerava suo pari e seguiva le orme di uomini della storia come Alessandro Magno e Cesare, un uomo destinato alla grandezza. L’obiettivo finale di Napoleone a quel tempo era anche quello di ripristinare la grandezza, il potere e il prestigio della Francia.

Poche persone (se non nessuna) hanno avuto un’influenza maggiore sulla storia europea moderna, costruendo alleanze e strutture di potere di Napoleone Bonaparte.

Francia, Esercito, Giuseppina

Nell’era conosciuta come Guerre napoleoniche (1803-1815) Il generale leggermente fanatico condusse 61 battaglie militari in tutta Europa e anche oltre i confini del continente.

Quando l’inverno passò alla primavera e la nebbia di sangue si diradò, più di 3 milioni di soldati morti rimasero a terra. L’Europa non è mai stata la stessa.

Come piccolo aneddoto, possiamo menzionare che la Danimarca-Norvegia era alleata con la Francia napoleonica durante questo periodo turbolento: quando le acque si calmarono, la Danimarca-Norvegia si disintegrò e la Norvegia entrò in una guerra civile. Unione personale con la Svezia.

Ma il destino attuale dei paesi nordici non è certamente al centro del dramma storico d’azione di Scott. Come nel suo film del 2021, L’ultimo duelloci ritroviamo ancora una volta nel paese mangiatore di rane, noto per i suoi cappelli e le sue baguette, anche se qualche secolo dopo.

Nel caos delle strade, seguito alla Rivoluzione senza testa dei francesi (1789), che lasciò un vuoto di potere in cui furono giustiziati la famiglia reale e la maggior parte della nobiltà, il giovane ufficiale corso Bonaparte (Joaquin Phoenix) vede un’opportunità.

Attraverso alleanze intelligenti, macchinazioni, giochi di potere spietati e persino veri e propri colpi di stato, salì al potere in Francia; Che culminò con la sua incoronazione (!) di se stesso come imperatore nel 1804.

Napoleone (Immagine: Apple TV+)

Un abile stratega e militarmente superiore, ma sempre con in mente gli interessi della Francia. Napoleone non fece alcuno sforzo per cambiare improvvisamente i partner della coalizione se pensava che ciò sarebbe servito alla Repubblica.

Scott ritrae l’omino (era alto solo 1,62 metri) come un essere umano complesso. Uno stratega militare, un pratico alleato e una cinica figura autoritaria, ma anche un solitario che conta interamente sull’affermazione delle due donne testarde della sua vita: sua madre, Letizia Ramolino, e la moglie ribelle, Josephine (la brillante e la famigerata Vanessa). Kirby, la corona, Missione impossibile).

READ  "Taylor Swift - The Eras Tour" è stato presentato in anteprima in precedenza
Vanessa Kirby, “Napoleone” (Immagine: Apple TV+)

Stabilisce un nuovo standard

Ci sono molti impegni e campagne militari nella vita di Napoleone, molti dei quali sono inclusi nel dramma biografico di Scott, ma uno si distingue sorprendentemente dalla massa.

La ricreazione di Scott di Battaglia di Austerlitz (1805) Una delle scene di combattimento più brutte della storia del cinema!

Mentre i francesi combattono insieme contro i nemici russi e austriaci, nel mezzo dell’inverno, siamo immersi nel caldo, nel freddo, nel sangue, negli arti lacerati, nei brividi e nell’orrore infinito e disumano della battaglia. È visivamente sbalorditivo, progettato e fotografato così brillantemente che persino lo stesso Napoleone si toglierebbe il suo caratteristico cappello in segno di ammirazione.

Napoleone (Immagine: Apple TV+)

Vediamo, sentiamo e sperimentiamo il caos infernale che regna sul campo di battaglia, e mentre assistiamo (dalla prospettiva a volo d’uccello) ai proiettili di artiglieria che rimbombano nel ghiaccio, ai corpi umani contorti e ai cavalli dilaniati, ci troviamo in una miscela esilarante di disgusto, shock e una scarica di adrenalina.

Ma Scott certamente non ha dedicato l’intero film al campo di battaglia; ha dedicato molto tempo ad approfondire il carattere del complesso generale, non ultima la sua dipendenza quasi patologica di amore-odio dalla sua prima moglie, l’Imperatrice. Giuseppina.

Napoleone (Immagine: Apple TV+)

Scortese, fresco, divertente e intelligente

Sul campo di battaglia, e nelle stanze politiche chiuse, non c’è dubbio su quale leader abbia l’ultima parola. In patria, Napoleone incontra la sua controparte.

Josephine ha perso il marito durante la rivoluzione e viene mostrata come una donna molto forte, orgogliosa e indipendente. Sa che Napoleone la vuole e ha bisogno di lei, e non fa di tutto per provocarlo, nemmeno per umiliarlo pubblicamente.

I giornali godono delle relazioni extraconiugali, mentre la leadership politica è più interessata al fatto che l’Imperatrice sia sterile e quindi incapace di produrre un erede. Dopo le pressioni, e “per il bene della nazione”, finisce con un divorzio complicato, ma Napoleone non dimentica mai il suo vero amore.

Napoleone (Immagine: Apple TV+)

La loro relazione è il filo conduttore del film, ma è anche un po’ una sorta di contrasto storico in due parti, poiché vediamo la coppia litigare/fare l’amore tra loro, o ci ritroviamo su un campo di battaglia freddo e bagnato di pioggia mentre il il fiducioso generale scrive un’altra sontuosa e dolce lettera al suo amore. Mentre si aggira intorno ad un’altra brillante vittoria militare.

Sceneggiatura (scritta da David Scarpa, Tutti i soldi del mondo) a volte è sorprendentemente fresco, esilarante e divertente. Ha dato al rapporto della coppia imperiale, caratterizzato da frustrazione, rispetto e desiderio giocoso, un ambito particolarmente ampio.

Joaquin Phoenix, “Napoleone” (Immagine: Apple TV+)

Qui, ma non meno importante, Joaquin Phoenix ha la possibilità di brillare e mostrare lati diversi da quelli del grande tattico di guerra Napoleone. Questa è la prima volta da allora Gladiatore (2000) che Scott e Phoenix lavorano insieme, invecchiando alieno– Il regista ancora una volta tira fuori il meglio da uno degli attori più grandi e versatili del nostro tempo.

READ  Cultura e Spettacolo, Skrelex | Così sarà la finale del Grand Prix Melody di sabato

Phoenix ritrae Napoleone con grazia, grazia e coraggio, ma mette anche in risalto gli aspetti più vulnerabili dell’orgoglio francese e dell’iconografia nazionale. Recita la parte e non fa di tutto per fare la caricatura di un uomo pieno di arroganza e con un’immagine grandiosa di sé.

Anche il percorso musicale è complesso, con musica moderna mescolata in modo non uniforme con quella dell’inizio del XIX secolo – e funziona in modo eccellente.

Napoleone (Immagine: Apple TV+)

Arroganza

Dopo il successo della sua incursione contro gli inglesi a Tolone (1793), Napoleone passò da un successo militare all’altro. Dopo la sua prima vittoria, sembrò quasi stupito di come fossero andate bene le cose, ma da allora fino alla disastrosa sconfitta del generale a Waterloo (1815), il generale Scott fu assolutamente sicuro di sé.

Al punto che la sua capacità di prendere decisioni è accecata dalla sua incomparabilità e arroganza.

Quando nel 1812 i francesi, per la prima volta da quando gli svedesi invasero Mosca nel 1610, conquistarono la capitale russa, si trovarono di fronte ad una città deserta. Sia l’esercito che la popolazione fuggirono a San Pietroburgo, e i pochi rimasti diedero fuoco alla città piuttosto che a Napoleone.

Napoleone (Immagine: Apple TV+)

Ma invece di permettere alle truppe di riposare durante l’inverno, Napoleone insistette per andare avanti, provocando la morte dell’80-90% dei soldati di freddo e fame. Di conseguenza, fu deposto ed esiliato nell’isola italiana dell’Elba. Ma chi conosce la sua storia sa che non ha ancora deciso.

Il successo gli aveva dato alla testa ed era sicuro che l’esercito e il popolo lo avrebbero seguito fino alla fine del mondo. È anche un meraviglioso ritratto che Scott dipinge dell’omino con grandi ambizioni; Ma è molto Questo per quanto riguarda spremere la durata del film.

Napoleone (Immagine: Apple TV+)

Divari elevati e ampi

Si può sempre discutere se una scena o un dialogo siano storicamente corretti al 100%, ma in tal caso la discussione non è né interessante né produttiva. Questo è Scott Spiegazione Dalla vita di Napoleone.

E sì, ammettiamo subito che ci sarebbe piaciuto che i dialoghi fossero in francese, ma poi avrebbe potuto essere un film completamente diverso, con forse il 20% di un budget astronomico.

Quindi è ancora più attraente seguire Napoleone attraverso tutte le sue battaglie decisive, le principali battaglie e gli eventi dal 1793, fino al loro culmine a Waterloo 22 anni dopo. C’è molto da vedere in un tempo relativamente breve.

Napoleone (Immagine: Apple TV+)

Ma Napoleone È una produzione Apple TV+ e anche il film ne soffre. Per il cinema, quella storia non è Scott In realtà Ti mostrerà che arriverà l’anno prossimo, come miniserie di quattro ore su Apple TV. Ciò si traduce in molti sussulti rapidi, brevi sequenze con strani tagli e alcuni salti improvvisi nella sequenza temporale.

READ  La pelle intreccia il giornalista Prince Harry

Molto tempo è dedicato alla straordinaria battaglia di Austerlitz e al rapporto pieno di conflitti tra la coppia imperiale. Ma in particolare, molti altri importanti eventi storici vengono menzionati di sfuggita, mentre ci affrettiamo alla prossima battaglia, colpo di stato o espulsione.

Napoleone (Immagine: Apple TV+)

È abbastanza chiaro che nella sala di montaggio è rimasto molto materiale interessante che non vedremo fino all’uscita della miniserie. Ma Scott avrebbe dovuto essere più bravo “Ha ucciso i suoi cari”rimuovendo completamente alcune sequenze dal film.

Invece spesso non è né uccello né pesce. Anche la polemica con storicamente interessante Robespierre (Sam Troughton) È finita prima ancora di essere appena iniziata.

Napoleone (Immagine: Apple TV+)

Dramma classico e storico di Hollywood

Con film come Gladiatore, Regno del Paradiso E Uscita Nel suo portfolio da regista, non c’è dubbio che Scott sia affascinato dai grandi eventi storici. Ama esporlo, rappresentarlo in un dramma epico e crearne la magia cinematografica.

L’86enne ha sempre avuto uno stile visivo distintivo, senza compromessi, crudo e talvolta brutale. Nonostante la sua forte abilità artistica, non ha nemmeno paura di “commercializzare” i suoi film. Lui fa intrattenimento, non il triste teatro televisivo finlandese, dovrebbe saperlo.

Napoleone In questo senso soddisfa la maggior parte dei requisiti, ma soffre notevolmente del fatto che nella versione cinematografica devono essere incluse così tante vite e morti. Per quelli di voi che hanno visto il taglio del regista Regno del Paradiso So che la versione molto più lunga sarebbe stata un film molto migliore.

Stiamo già aspettando con ansia la miniserie NapoleoneNel frattempo, ti invitiamo vivamente a visitare il cinema più vicino (preferibilmente IMAX), perché questo film dovrebbe assolutamente essere goduto in grande Tela.

5 stelle deboli, per un film un po’ discontinuo. La prima è stata il 24 novembre.

Napoleone (Immagine: Apple TV+)

una personalità

Napoleone

fatti:

  • Cinema
  • Uscita: 24 novembre 2023
  • Regia: Ridley Scott
  • Con: Joaquin Phoenix, Vanessa Kirby, Tahar Rahim, Rupert Everett, Mark Bonnar, Paul Reiss, Ben Miles, Ludivine Sagnier, Édouard Philippont, Miles Jupp, Abu Bakr Slim, Julian Rhind-Tut, Rihanna Doss, John Hodgkinson, Sam Troughton, Caterina. Camminatore
  • Genere: Drammatico
  • Paese: Regno Unito/Stati Uniti d’America
  • Anno: 2023
  • Tempo: 2:38
  • Grado 5
  • IMDb