Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Leader della discussione |  128 anni di cambiamento

Leader della discussione | 128 anni di cambiamento

capo Questo è un leader. Il direttore esprime la posizione del giornale.

Caro lettore! Sono trascorsi ormai 128 anni da quando il giovane Bernt Selland si trovava nella piccola tipografia di Müllerwegen, nel centro di Haugesund, e preparava Il primo numero dell’Avis di Haugesund. 3 dicembre 1895. C’erano quattro pagine piene di testo e circa la metà dello spazio era utilizzata per la pubblicità.

“Le casalinghe guardano qui!!” Questo è l’indirizzo dove l’imprenditore Daniel Andersen pubblicizza il sapone Sapolia. Sadelmager Jacobsen introduce i “mobili imbottiti”, mentre Mikkel Næss cerca di presentare un testo convincente: “Per favore sii gentile” è il titolo dell’annuncio del negozio, prima di continuare: “E vai da Mikal Næss e fai i tuoi acquisti natalizi, visto che sto bene rifornito di articoli per la casa.” . Vinhandel M. Haurbach tenta con vino di Porto bianco extra per due corone, mentre l’idromele costa solo una corona.

Da allora sono successe molte cose per quanto riguarda l’Avis di Haugesund e il mondo dei media. E con tutto il resto. appena.

Quando fu fondato il giornale Haugesunds Avis, in città esistevano già altri tre giornali, e da allora ne sono sorti molti altri. Solo l’Avis di Haugesund è stata qui tutto il tempo. Ci sono state crisi anche per il nostro giornale, ma il personale, i proprietari, gli abbonati e gli inserzionisti hanno salvato il giornale nella tempesta.

Siamo sopravvissuti perché la regione ci ha sostenuto e perché siamo cambiati con i tempi e le persone. A volte abbiamo corretto la rotta legalmente in ritardo, altre volte siamo stati troppo frettolosi – o abbiamo oscillato un po’ nella direzione sbagliata. La gestione dei giornali non è una scienza esatta.

READ  - Dopo la guerra di aggressione, abbiamo apportato modifiche per aumentare la consapevolezza

Negli ultimi dieci anni si è assistito a un cambiamento epocale nel modo in cui le persone leggono le notizie. Il redattore Bernt Selland era appassionato di tecnologia, ma quando stampò con cura le pagine del giornale a Müllerwegen, non poteva immaginare che sarebbe arrivato un momento in cui la maggior parte delle persone avrebbe letto il giornalismo del suo giornale sul cellulare. Penso che ne sarebbe stato entusiasta. Immagina di avere l’opportunità di raggiungere istantaneamente l’intero Haugalandet con le notizie; Proprio quando sono accaduti!

Forse l’imprenditore non sarebbe stato così sicuro di osare scommettere sugli affari se avesse saputo che ora chiunque può pubblicare qualcosa da solo e per chiunque, ad esempio sui social media. La gente allora pagherà per leggere quello che pubblichiamo?

I media editoriali sono sotto pressione in tutto il mondo, ma credo che sia più importante che mai. Quando il mondo trabocca di disinformazione, in parte progettata per fuorviare, quando i principali paesi fabbricano “notizie” per provocare disordini o influenzare le elezioni, quando le teorie del complotto abbondano e l’intelligenza artificiale costruisce storie senza conoscere le nostre fonti – questa è una necessità assoluta per noi. Avere redattori e giornalisti che abbiano un forte quadro etico all’interno del quale lavorare e che siano indipendenti.

Noi che facciamo questo lavoro non siamo esenti da errori. Abbiamo anche convinzioni personali che modellano le nostre scelte e ci sono cose che non capiamo. Ma ti prometto che ogni giorno facciamo il possibile per dire ai nostri lettori cosa pensiamo che i lettori dovrebbero sapere e cosa vogliono sapere.

Dobbiamo bilanciare questo con il fatto che siamo un’azienda privata e dobbiamo avere un pubblico sufficientemente ampio per gestirla finanziariamente; L’Avis di Haugesund non riceve un centesimo di sostegno alla stampa. Tutto ciò che facciamo è finanziato dai nostri abbonati e inserzionisti. Pertanto, possiamo preoccuparci non solo di ciò che è importante, ma anche di ciò che leggono i lettori. Fortunatamente queste due cose spesso coincidono.

READ  No, non ci sarà una sorveglianza di massa dei cittadini norvegesi - dichiarazione

Due delle principali sfide che i media controllati dagli editori devono attualmente affrontareDal punto di vista finanziario, i ricavi pubblicitari diminuiscono mentre i costi crescono in modo significativo. È stato il calo degli introiti pubblicitari a far crollare Haugaland TV. Quando dichiararono bancarotta, suscitò grande clamore e grande simpatia. In effetti, questo parco era così grande che il parco commerciale locale di proprietà municipale si fece avanti e disse che avrebbero sponsorizzato TVH per una grossa somma annuale quando avrebbero ricominciato. Si tratta di un metodo di finanziamento problematico, sia per quanto riguarda la missione del parco industriale, sia per il fatto che la sponsorizzazione del giornalismo giornalistico non è consentita. Tuttavia, le intenzioni sono buone e dobbiamo presumere che tali sponsorizzazioni si traducano in acquisti pubblicitari regolari – il che è ovviamente legale – e consigliato.

Perché è qui che tutti i media locali si affidano alle imprese locali che ci utilizzano. Naturalmente, questo è dovuto principalmente al fatto che è il modo migliore per connettersi con i clienti locali, ma anche perché è un compito ingrato mantenere buoni media locali gestiti da editori. Mentre qualche anno fa i nostri ricavi pubblicitari erano il doppio dei ricavi della distribuzione, ora sono il contrario.

L’aumento dei costi nella società si ripercuote sui nostri clienti e ci colpisce direttamente. Tutto sta diventando più costoso. Il giornale paga anche per la costosa elettricità e tutti gli stipendi sono aumentati notevolmente. In particolare, i costi di stampa e distribuzione sono aumentati notevolmente. Quindi ogni foglio di carta diventa molto costoso da produrre. Purtroppo dobbiamo scaricare questo aumento di prezzo sugli abbonati cartacei e ci stiamo avvicinando al limite massimo in termini di tempo in cui possiamo pubblicare un giornale cartaceo sei giorni alla settimana.

READ  L'ex primo ministro Karl Bildt non crede nella pace in Ucraina finché Vladimir Putin è al potere in Russia - Dagsavisen

Nel frattempo, è gratificante vedere che continuiamo ad avere sempre più lettori e abbonati digitali. Il 2024 sarà probabilmente il primo anno in cui i ricavi del trading completamente digitale raggiungeranno i livelli più alti. Già da due o tre anni i ricavi della pubblicità digitale superano quelli della pubblicità cartacea.

Ciò dimostra che l’Avis di Haugesund ha ancora un futuro brillante, anche se ci sono ancora delle sfide. Nessun altro realizza i contenuti giornalistici che creiamo e dobbiamo lavorare costantemente per essere rilevanti, utili e divertenti per quante più persone possibile. Mantenere buoni media locali è una forma di beneficenza.

Grazie per essere con noi e promettiamo di continuare a lavorare duro per rendere Haugalandet ancora migliore. O come ha detto Mikal Næss nella prima edizione: “Prometto di essere il più economico in relazione alla qualità del prodotto”.