Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’emergere della peste nera ha segnato l’inizio delle misure di controllo delle infezioni di oggi

La storica Jane Stevens Krauchow scrive nel suo libro Ospedali della peste sui primi inizi delle misure di controllo delle infezioni nella moderna Venezia: “Che la peste esistesse o meno a Venezia, gli ospedali erano preparati ad aspettare le navi che trasportavano la malattia”. e ragusano.

Nel libro, Croucho scrive, tra le altre cose, dell’Ospedale Santa Maria de Nazarez, il primo ospedale permanente per la peste al mondo, destinato alle persone affette da peste bubbonica, la malattia che ha causato la peste nera. Molti di questi ospedali sono stati istituiti quando una terribile malattia ha colpito l’Europa, uccidendo un totale di 75-200 milioni di persone. All’inizio della peggiore pandemia della storia è arrivata la misura di controllo delle infezioni, che consideriamo ancora la nostra arma più potente quando siamo oggi nel bel mezzo di una nuova pandemia.

Morte Nera

Cominciò circa 700 anni fa, precisamente nel 1348. Una malattia molto mortale iniziò a diffondersi nel mondo e le autorità della Venezia medievale non avevano idea se avesse effettivamente trovato la sua strada tra i suoi abitanti.

A quel tempo Venezia era indipendente dall’Italia ed era una repubblica molto importante e un porto commerciale. Il porto controllava e acquisiva la maggior parte del commercio tra Europa, Nord Africa e Asia. Quando arrivò la peste nera, divenne chiaro alle autorità della Repubblica di Venezia che il futuro di tutta l’Europa era sulle loro spalle.

Si ritiene che la pandemia di peste bubbonica si sia verificata per la prima volta in Cina nel 1334 e si sia diffusa in Europa tramite spedizione. L’infezione raggiunse il nodo veneziano nel 1348.

“Le autorità sapevano che dovevano stare molto attenti quando si trattava di merci che erano arrivate e hanno lasciato i porti per paura che la malattia fosse sulle cose, e hanno capito che le persone dovrebbero evitare il contatto diretto con gli altri”, ha detto Crusoe al giornale. rivista. Data.

READ  Il miliardario Anders Bochart pensa che il professore di economia stia pensando a un piano di compensazione: - Lontano dalla realtà

(Il caso è ancora sotto l’immagine).

Pestøya Mrkan si trova lungo l’ingresso a Venezia, non lontano da Dubrovnik, allora chiamata Ragusa. Foto: Darko Bandic/AP/NTB

Il primo ordine di quarantena della storia

Una delle misure introdotte è la prima quarantena della storia, nella vicina Ragusa, ora chiamata Dubrovnik, sulla sponda croata dell’Adriatico. secondo Archivi di Dubrovnik Sono state le autorità della Repubblica di Ragusa a introdurre per prime le regole di quarantena.

La norma fu introdotta il 27 luglio 1377 e recitava: “Coloro che arrivano da zone infestate dalla peste non saranno rilasciati a terra prima che sia trascorso almeno un mese. Durante il periodo di attesa verranno sistemati nell’isola di Marcan”. piccola isola era fuori Ragusa.

Le autorità hanno stimato che se le persone non si ammalassero durante questo periodo, potrebbero essere dichiarate sane e autorizzate a navigare nel fiordo. A Marcan, le autorità hanno allestito un ospedale temporaneo per la peste, in modo che coloro che si ammalassero potessero ricevere aiuto.

A tutte le navi che arrivavano nella zona fu ordinato di avere la peste e di essere messe in quarantena per 40 giorni. 40 in italiano è Quarantena, da qui il termine “quarantino” che oggi si traduce in Quarantena.

leadership di pensiero

Nelle antiche leggende norvegesi,

Nell’antica mitologia norrena, “Besta” è il nome di uno strano personaggio, spesso descritto come un’anziana donna che ha portato con sé la Morte Nera. La fotografia mostra “Prezzi della pista in tutto il paese” di Theodor Kittelsen del 1904.

“Questo è considerato uno dei più grandi successi medici della storia”, ha scritto la scrittrice Zlata Blazina Tomic in “Espellere la peste: l’Ufficio per la salute e l’attuazione della quarantena a Dubrovnik, 1377-1533”. L’ordine di quarantena è la prova che le autorità di Ragusa in quel momento capirono sia il tempo di incubazione che l’infezione da contatto in un momento in cui molti credevano che la peste nera fosse una punizione di Dio, non una malattia contagiosa. Che era più probabile che fosse creduto in questo momento.

READ  Novità sui veicoli elettrici: - Svelata in Norvegia la Renault Megane E-Tech

Nonostante la legge sulla quarantena, sia Ragusa che Venezia furono duramente colpite dalla peste nera, e la malattia causò diversi focolai negli anni successivi. Le città costiere dipendevano quasi tutta la loro economia dal commercio e non potevano isolarsi senza subire la devastazione economica e il collasso sociale. Tuttavia, lo storico Krauchow crede che siano state le stesse regole della quarantena a salvare la società dalla ribellione.

“Man mano che epidemie ed epidemie si diffondono, aumenta anche il rischio di ribellione e collasso della società a causa della paura, e potrebbe essere pericoloso quanto la malattia stessa”, ha detto Crouchow a History. Le regole di quarantena hanno dato alla società un certo senso di controllo e la certezza che le autorità stessero cercando di proteggerla dalle malattie.

dopo 700 anni

Di fronte alla pandemia di SARS-2 e al coronavirus, la quarantena è tornata ad essere una misura centrale e molto importante per ridurre l’infezione, 700 anni dopo la prima attuazione di questa misura. Una procedura che non è stata utilizzata qui in Norvegia, ma è stata istituita nella città duramente colpita di Bergamo, tra gli altri luoghi, è un ospedale per infezioni.

La città italiana di Bergamo è stata tra le città più colpite quando il coronavirus ha iniziato a devastare l’Europa all’inizio del 2020. L’area era isolata, con tutte le entrate e le uscite avvenute in condizioni controllate e ospedale covid-19 fu stabilito. Anche questa è una scala che risale al XIV secolo.

(Il caso è ancora sotto il video).

Guarda il video: Dentro l’ospedale più colpito d’Italia:

Ospedali della peste

Le autorità di Venezia e Ragusa videro la necessità di istituire un ospedale per la peste in modo da poter proteggere gli altri dalle malattie. A Santa Maria de Nazareth, gli afflitti ricevevano cibo e acqua in abbondanza, un letto isolato e vari metodi di cura suggeriti dalla Repubblica.

READ  Questo è successo la scorsa notte - rbnett.no

La peste ha continuato a causare epidemie per centinaia di anni dopo la prima e più mortale epidemia. La prima ondata arrivò nel 14° secolo e colpì un terzo del mondo. La maggior parte di loro è morta. La malattia ha continuato a devastare per i successivi 300 anni, ma l’incidenza e il tasso di mortalità sono gradualmente diminuiti. L’ultima epidemia è arrivata a metà del 19° secolo e ha ucciso 10 milioni di persone.

morte nera oggi

Il salvataggio non arrivò fino al 1928, quando il medico scozzese Alexander Fleming scoprì per caso la penicillina. L’inizio dell’antibiotico segnò anche la fine del flagello della peste nera.

I batteri causano ancora epidemie fino ad oggi, e di recente, nell’agosto di quest’anno, le autorità della California hanno chiuso una spiaggia dopo che i batteri della peste bubbonica sono stati trovati in un grano macinato e dieci pulci.

Grazie agli antibiotici, ora siamo in grado di gestire la malattia e la maggior parte delle persone guarisce completamente. L’epidemia più grave dei tempi moderni si è verificata in Madagascar nel 2017, quando un tipo di batteri resistenti agli antibiotici si è diffuso e ha ucciso 170 persone.

Forse la prossima e più grande battaglia per la medicina sarà la corsa contro la resistenza agli antibiotici.