Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’enciclopedia familiare composta da Natalia Ginsburg – VG

Morta nel 1991: Natalia Ginsburg (1916-1991) è considerata una delle più grandi autrici italiane del Novecento – e ora il romanzo, considerato da molti il ​​suo capolavoro, è stato pubblicato in norvegese. – E il recensore VG è molto felice! Foto: Marka / Universal Images Group Editorial

I dadi VG mostrano 6 punti

Il successo di Elena Ferrante ha aperto il mondo a una delle grandi scrittrici italiane – e una delle autrici preferite di Ferrante: Natalia Ginsburg. E va bene, perché la sua Family Encyclopedia è raramente un’esperienza di lettura coinvolgente.

Pubblicato:

Ma come ha scritto Tove Nielsen in una bella introduzione al libro: “Laddove Ferranti può sembrare un amico letterario, Ginsburg è più simile a un insegnante esperto”.

In realtà ci sono somiglianze tra loro, ma ci sono anche prospettive e toni molto diversi.

per timore? Ferrante con il suo ottavo (!) Sei

Si tratta di un libro interessante che ora è apparso in due pubblicazioni dell’Oktober di Forlaget, Memoirs “Familieleksikon” di Natalia Ginsburg, pubblicato per la prima volta in Italia nel 1963, e “De små dyder”, pubblicato in Italia nel 1962 e per la prima volta in norvegese nel 1992.

L ‘”Encyclopedia of the Family” alterna umorismo selvaggio e profonda serietà, tra caos interno e vita grintosa della famiglia e tiro alla fune politico italiano. In superficie, una vita familiare tumultuosa, durante l’oscuro sviluppo politico del fascismo in Italia.

Natalia Ginsburg (1916-1991) è nata a Palermo, in Sicilia, ed è cresciuta a Torino come la più giovane di cinque fratelli, con un desiderio dominante ed eccentrico di un padre caldo e molto più brillante in mente.

READ  Golden Globes 2021 - Mi sono spinta nell'iconico vestito

Ginzburg quasi sputa fuori la sua famiglia con immagini crude di controversie e litigi tumultuosi, mentre irradia calore nel testo. L’introduzione dell’autore afferma che tutti i nomi sono reali e che i luoghi, gli eventi e le persone sono reali. Non sapeva comporre, ma “scriveva solo quello che potevo ricordare”.

Solo in VG: A Rare Interview With Elena Ferrante: – Viene spesso punito per le mie bugie

Ma per capacità di scrittura, per eccesso linguistico nelle descrizioni che Ginsburg chiarisce. Il testo scorre facilmente e la lingua scorre magnificamente dal traduttore Astrid Nordange.

Al centro della famiglia c’è il padre, professore universitario Giuseppe Levy, per metà ebreo, profondamente impegnato nella ricerca e nella scienza, con urla terribili e caratteristiche orribili. “Stop the Negro Lines!” Ancora gridando ai bambini.

Poteva esprimersi con forza su Mussolini come il figlio che non tornava mai a casa in tempo. Per il resto della loro vita, il gruppo di sorelle ha tutte le caratteristiche e le espressioni che hanno avuto origine come “il nostro latino, vocabolario del nostro passato comune”.

Leader letterario: Natalia Ginsburg è stata evidenziata negli ultimi anni come stella guida letteraria da diversi autori importanti, tra cui Rachel Cusk, Zade Smith, Vivian Gurnick e Maggie Nelson. Foto: Marka / Universal Images Group Editorial

Ginzburg conduce il lettore in un’ampia galleria di personalità con zii, zii, cameriere, amici e alleati politici.

Non ci sono capitoli nel libro, ma il libro certamente include una presa e una struttura: Life Before World War II, The War And The Postwar Years.

Ginzburg scrive uno scintillio negli occhi: le cose che suo padre rispettava erano il socialismo, la Gran Bretagna, i romanzi di Zola, la Fondazione Rockefeller e le montagne e le guide alpine della Val d’Aosta. Ciò che sua madre amava era il socialismo, le poesie di Paul Verlaine, la musica e soprattutto Lohengren, che cantava la sera.

READ  Jan Thomas: - Rivela un nuovo lavoro

Descrivere i viaggi estivi della famiglia in montagna è costoso, ma senza dubbio un fastidio per la famiglia. Papà è corso via alle 04 del mattino, costringendo i bambini a indossare scarpe pesanti e si è aggrappato alla costa. Il messaggio recita: “A casa, abbiamo vissuto in un incubo costante di capricci di mio padre …”.

Leggi anche

Hai un nuovo romanzo di Saabye Christensen con te? Pieno di energia!

Nella casa d’infanzia, un circo era “fatto” di tutto: marce e file impressionanti. Allo stesso tempo, la famiglia ha preso in considerazione gli antifascisti e le uniche battute che suo padre portava erano quelle contenenti un punto di vista antifascista, oltre ad alcune barzellette giovani come lui e sua madre.

Il ritratto del marito ebreo di 10 anni Leon Ginsburg è umile e fa colpo. Durante gli anni della guerra, la coppia dovette andare in esilio interno nel sud Italia con due figli. Leon tornò a Roma, fu arrestato dalla polizia tedesca e morì nel 1944 dopo essere stato picchiato e torturato.

Ci si chiede come Ginsburg abbia potuto scrivere con tanto profitto, amore e calore sulla famiglia e sulle dure esperienze della vita.

Ci si siede semplicemente grati e arricchiti di nuovo. Memories of Ginzburg offre un’esperienza di lettura e un viaggio di vita che raramente li avvolge, vibrante e caldo.

Recensito da: Gauri Hillens

Psst! Parallelamente alla pubblicazione di “Familieleksikon”, la raccolta di brevi articoli di Ginzburg “De små dyder” è stata rilanciata con una recente traduzione. Introduzione scritta da Rachel Cusk.