Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’energia deve essere risparmiata dopo aver inviato dati sulla Terra per 45 anni

I sensori Voyager furono lanciati nel 1977. Dovevano durare quattro anni, ma continuano a ribollire oltre 45 anni dopo. Ora stanno finendo l’energia, quindi la NASA dovrebbe iniziare a spegnere i dispositivi per farli durare il più a lungo possibile.

La fonte di alimentazione è il plutonio radioattivo e diminuisce di circa 4 watt all’anno. Ora è rimasto poco, ma spegnendo i dispositivi non essenziali, la NASA spera di rimanere in contatto con loro per un breve periodo fino al 2030, afferma Linda Spilker della NASA Scientifico americano.

In totale, una sonda del genere necessita di 400 watt per strumenti e riscaldamento, ma non possono più essere forniti. Al momento del lancio, i sistemi erano in grado di fornire circa 470 watt per sonda e strumento, ma ora erogano circa 245 watt.

Non esattamente molta memoria

Alcuni strumenti sono già disattivati, perché non sono riusciti o non erano necessari. Dove si trovano ora le sonde, per esempio, non c’è molto da fotografare, e c’è anche una grave mancanza di pianeti da guardare e di atmosfere da misurare.


Il registratore nei sensori Voyager sta ancora bollendo. Foto: NASA/JPL

Quindi, gli strumenti che devono essere spenti nei prossimi anni sono l’inizio della fine. Entro il 2030 circa, la Deep Space Network della NASA non sarà più in grado di mantenere i contatti con le due sonde.

Secondo Scientific American, una radio che invia dati sulla Terra ha lo stesso effetto di una lampadina in un frigorifero. I segnali impiegano circa un giorno per raggiungere la Terra e poi diventano così deboli che è quasi impossibile captarli dal rumore di fondo di tutte le altre sorgenti radio che abbiamo qui.

READ  Klang 2 ha vinto il gioco dell'anno durante il Game Prize 2021

I dati trasmessi sono memorizzati nella cache in un registratore a otto tracce, che era il migliore della tecnologia nel 1977. Ogni sonda ha meno memoria dell’apriporta elettronico della tua auto, ha detto Spilker a Scientific American.

Tuttavia, dopo 45 anni e dieci volte il tempo previsto, entrambi i giocatori della band sono ancora in azione.

dove sono adesso?



I sensori hanno direzioni molto diverse, ma lo sono entrambi lontano dalla terra. La Voyager 1 è ora di circa 156 UA, mentre la Voyager 2 è di circa 130 UA. L’AU corrisponde alla distanza tra la Terra e il Sole, ovvero circa 150 milioni di chilometri.

Anche la velocità è rispettabile: Voyager 1 mantiene una velocità di 16,9 chilometri al secondo, o 3,57 AU all’anno, mentre Voyager 2 è piuttosto indietro a 15,2 chilometri al secondo o 3,21 AU all’anno, rispettivamente. Ciò significa che le due sonde saranno gli oggetti artificiali più distanti per il prossimo futuro.

Nessuno dei due ha ancora lasciato il sistema solare, ma ora si trovano nel cosiddetto mezzo interstellare, il sottile gas interstellare della galassia. Nessuna delle sonde ha la strada giusta per raggiungere la nostra stella più vicina, Proxima Centauri, ma se lo facesse, passerebbero poco più di 75.000 anni a fare trekking alla stessa velocità di oggi.