Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’hedge fund di Tor Svelland sta tornando al 45% quest’anno e vede ancora possibilità: – Sta per esplodere

Rendimento del 45%. Questa è la conclusione finora quest’anno dell’hedge fund Svelland Capital di Tor Svelland, che gestisce circa 1,6 miliardi di NOK. Il fondo investe principalmente in azioni e contratti future relativi a merci e materie prime.

In ottobre e novembre, il fondo è aumentato rispettivamente del nove e del cinque percento. Secondo Hedge Nordic, Svelland Capital è l’hedge fund nordico con le migliori prestazioni quest’anno e gli ultimi cinque anni messi insieme.

ha osservato Sveland nel mese di luglio I caricatori che trasportano petrolio e gas naturale liquefatto (GNL) sono citati come grandi opportunità alla Borsa di Oslo, una previsione che era corretta. Svelland crede ancora che ci sia ancora molto da fare nel GNL, ma ora sta anche sottolineando che i prodotti secchi sono un investimento interessante.

Svelland sta anche registrando un aumento dei prezzi del petrolio e dell’alluminio. Svelland vede forse la più grande opportunità nel rame, dove ritiene che il prezzo potrebbe aumentare di circa il 50%.

– Tutti dovrebbero avere cose elettriche ed elettriche, ma nessuno dovrebbe estrarre le materie prime per questo. È una discrepanza assoluta e stiamo diventando sempre più persone sulla Terra. Scommettere sul rame è un affare molto pericoloso. Esploderà, dice Sveland.

Testimone l’aumento dei prezzi del petrolio

Svelland è stato più moderato nelle sue stime rispetto a molti altri esperti, ma è tra coloro che affermano che il mercato del tight oil ha richiesto un prezzo del petrolio di 130 dollari nella seconda metà del 2022, senza che ciò diventi realtà.

Uno dei motivi è che i fondi gestiti da algoritmi che commerciano in base alle tendenze, i cosiddetti fondi CTA, hanno tagliato bruscamente i prezzi del petrolio in alcuni periodi. Questo nonostante il fatto che le condizioni fondamentali del mercato non siano cambiate molto, secondo Sveland.

– Ha anche molto a che fare con il fatto che la Cina non importava molto, insieme ai timori di recessione e le persone hanno fatto il possibile per evitare di acquistare petrolio costoso. Allo stesso tempo, le scorte di petrolio sono state ridotte, ma ora le scorte sono storicamente basse, afferma.

Con la prospettiva della riapertura della Cina, il divieto dell’Unione Europea sull’importazione di petrolio russo trasportato via mare, nonché il calo delle scorte di petrolio, Sveland ritiene che ci siano molte ragioni per cui i prezzi del petrolio sono significativamente più alti dei livelli attuali.

READ  Appesantito dal calo del petrolio alla borsa rossa di Oslo - E24

Prima del fine settimana hanno deciso anche i paesi del G7 e l’Australia Un prezzo massimo per il petrolio russo è stato fissato a 60 dollari al barileÈ un prezzo massimo che il Cremlino ha detto che non accetterà. Svelland non è sicuro di quanto bene funzioni in pratica il limite di prezzo, ma è chiaro su una cosa:

– Questo provoca davvero i russi. Si siederanno e ritireranno il petrolio dal mercato, il che farà salire ancora di più i prezzi del petrolio.

“Irresponsabile”

Svelland ha recentemente partecipato a conferenze per investitori a Zurigo e Barcellona. Lui ei suoi colleghi del settore, dice, sono sempre più convinti che semplicemente investire denaro in fondi indicizzati non sarà una formula vincente, e spera che le grandi aziende tecnologiche statunitensi ti rendano ricco.

Mary Erdos, responsabile della gestione patrimoniale presso la statunitense JP Morgan Bank, ha affermato di recente che non è facile trovare rendimenti eccessivi in ​​vari asset. Erdoes ritiene che sia “irresponsabile” essere negativo ora, riferendosi a importanti cambiamenti nella politica monetaria, nella sicurezza energetica e nella geopolitica.

Essendo un investitore passivo che crede nella tecnologia e investe nel NASDAQ, o qualcuno che crede nell’economia globale e investe nell’S&P 500, questa forma di investimento da sola è meno attraente. Ora si applica la gestione attiva, afferma Sweland.

Gli hedge fund sono fondi “iperattivi” che utilizzano strumenti finanziari avanzati e complessi per neutralizzare il rischio. Possono scommettere sul calo dei prezzi (andando short) e quindi in teoria dovrebbero essere in grado di fare soldi anche in un mercato ribassista.

READ  - Alcuni pezzi del puzzle mancanti - E24

Tuttavia, non è automatico che gli hedge fund riescano in questo: il benchmark Hedge Nordic, che misura lo sviluppo degli hedge fund nei paesi nordici, è sceso di circa il sette percento quest’anno. In confronto, Oslo Bor è praticamente invariato.

– Come lo spieghi?

– Negli ultimi anni molte persone si sono definite hedge fund, ma in realtà hanno fatto esattamente la stessa cosa di tutti gli altri. Hanno comprato la tecnologia e ci si sono seduti sopra. Non hanno adottato un approccio attivo, dice Sveland.

Dovresti sperare in un aumento

L’investitore Peter Hermanrud va contro la raccomandazione di Svelland di cercare fondi attivi. Ritiene che la cosa più intelligente da fare per l’investitore medio sia investire costantemente in fondi indicizzati globali per massimizzare la diversificazione.

– Sono convinto che a lungo termine sia meglio avere i soldi in azioni che in banca, e per la maggior parte delle persone i fondi indicizzati sarebbero l’alternativa migliore, in quanto hanno costi inferiori e danno un rendimento atteso migliore, dice Hermannrod.

Ci saranno alcuni hedge fund e fondi attivi che andranno benissimo nei prossimi anni, ma il trucco è trovarli. Nel corso del tempo, i fondi indicizzati hanno sovraperformato la stragrande maggioranza, afferma Hermannrod.

Ci saranno alcuni hedge fund e fondi attivi che andranno benissimo nei prossimi anni, ma il trucco è trovarli. Nel tempo, i fondi indicizzati hanno sovraperformato la stragrande maggioranza

L’investitore Peter Hermannrod
L'investitore Peter Hermannrod afferma che si dovrebbe sempre sperare in un rimbalzo.

L’investitore Peter Hermannrod afferma che si dovrebbe sempre sperare in una ripresa. (Foto: Gunnar Lehr)

Non sono mancati gli avvertimenti che il mercato azionario statunitense era troppo costoso all’inizio del 2022, il che è stato spesso cercato di spiegare il fatto che i tassi di interesse fossero così bassi da non avere una vera alternativa. Non è più così.

È vero che il mercato è stato molto costoso, ma penso davvero che la stragrande maggioranza delle persone dovrebbe solo sperare che il mercato salga sempre. Col senno di poi, è facile vedere che il mercato scenderà, ma è solo col senno di poi, afferma Hermannrod.

– Scendi di più

Anche se un forte aumento dei tassi di interesse ha già iniziato a influenzare l’economia, Sveland non crede che sarà sufficiente a smorzare la domanda di petrolio e altre importanti materie prime così tanto da far crollare i prezzi. Pertanto, non c’è motivo di avere troppa paura delle altezze nella Borsa di Oslo.

– Ora stiamo entrando in una recessione in Europa, ma non negli Stati Uniti. Potremmo vedere una lieve recessione lì, ma con la situazione che stiamo affrontando in termini di domanda e offerta, abbiamo bisogno di una grave recessione per ottenere una vera recessione, afferma Svelland.

Oslo Bors sembra a buon mercato, osserva Hermannrod, se si guarda al prezzo misurato rispetto agli utili previsti per il prossimo anno, il cosiddetto prezzo/utili (P/E). Eppure è scettico.

– Penso che gli utili scenderanno più di quanto pensi il mercato, perché ci stiamo dirigendo verso una recessione economica che potrebbe essere grave. Arriva anche dopo un periodo in cui il mercato era molto buono, e poi penso che le probabilità siano un po’ cattive, dice Hermannrod. (Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri stati utilizzando collegamenti che conducono direttamente alle nostre pagine. La riproduzione o altro uso di tutto o parte del Contenuto può essere effettuato solo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.