lunedì, Luglio 22, 2024

Liberazione attraverso la scienza – Carl Evange come detective del sesso

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Continuazione nel dopoguerra

Molti dei saggi furono ripubblicati nell’opera in due volumi Informazioni sessuali (1948). Nel 1951 apparve l’edizione in un volume Informazioni sessuali, e gli articoli furono ulteriormente elaborati da Evange, che ora era l’unico autore nonostante il fatto che il contenuto fosse in gran parte basato e in punti identici agli articoli precedenti. Tuttavia, ci sono stati cambiamenti evidenti. Qualche anno prima era stato pubblicato il Primo Rapporto Kinsey (1948) e Evange, nell’introduzione e in articoli come “Masturbazione” e “Omosessualità”, commentava il lavoro di Kinsey. Per i sostenitori dell’educazione sessuale, Kinsey fungeva da “sigillo della scienza” garantendo la rilevanza e l’importanza che la popolazione avesse la corretta conoscenza della sessualità. Inoltre, il lavoro di Kinsey fu importante perché, con la scienza come garante, mise in luce la discrepanza tra la sessualità effettiva delle persone e la moralità prevalente.

Lo stesso Evange utilizzò le lettere e la pratica medica come base di esperienza per spiegare la necessità di Populært Tidsskrift, ma anche come base per i temi negli articoli che furono pubblicati. Indicando la dimensione delle lettere, Evange nel 1932 era in grado di indicare i bisogni delle persone e dove sarebbero andate le scarpe. Vent’anni dopo, la scienza ha confermato lo stesso schema. Le analisi di Kinsey soddisfacevano rigorosi requisiti scientifici di rappresentatività e fornivano una base scientifica per determinare che i sentimenti di colpa e di ansia della popolazione per questa disparità avrebbero potuto essere maggiori di quanto si pensasse in precedenza. Pertanto, Kinsey può essere utilizzato anche per sostenere che la sessualità repressa fosse un problema di salute pubblica.

Anche in Svezia è stata notata una discrepanza tra la morale sessuale “ufficiale” e il comportamento sessuale reale della popolazione, e il Rapporto Kinsey è stato utilizzato per argomentare. contro Morale sessuale vittoriana e A posizione liberale sessuale(14), pag.58). Successivamente, i rapporti di Kinsey furono criticati per non essere rappresentativi, ma sostenitori come Evange enfatizzarono la natura scientifica dei rapporti.

Evange considerava ancora la Chiesa un importante avversario. La moralità sessuale della chiesa non era coerente con la natura, quindi la sessualità normale implicava senso di colpa. “Questo senso di colpa, questa è la cosa più brutta, La Chiesa non è la benvenuta“, scrisse Evange nel 1951 ((15), pag.649). Una formulazione simile fu usata anche dal più giovane e spietato Evange nel 1932. Si disse allora che “questo senso di colpa, che ne è la parte diabolica, La chiesa è benvenuta» ((4), pag.206). Nella pubblicazione del 1951 furono cancellati l’articolo sul Programma politico radicale del 1932 e l’articolo “Igiene sessuale nella luce borghese e socialista”. Allo stesso tempo, facilitare la salute sessuale della popolazione non dipendeva dalla rivelazione freudiano-marxista della sessualità. Nell’introduzione all’opera in un volume Informazioni sessuali Dal 1951, Evange non finisce per invocare la rivoluzione, ma piuttosto sottolineando come una buona vita sessuale avrebbe effetti positivi sulla società.

READ  Recensione: Oppenheimer - Oppenheimer

“Il presupposto importante per una maggiore sicurezza e libertà per tutti noi in futuro è che quante più persone possibile crescano mature e felici e che il numero degli ansiosi-nevrotici, dei cercatori di potere e di coloro che desiderano la distruzione diventi sempre più grande .” Sii il più piccolo possibile. Una vita sessuale normale e felice, insieme ad altri benefici sociali e culturali minimi, è la chiave per l’equilibrio mentale e l’adattamento sociale per la maggior parte delle persone.(15)pp. 12-3).

Sebbene il linguaggio di Evange fosse meno crudo e ideologico rispetto a quello del periodo tra le due guerre, la sua forte fede nella scienza era ancora evidente. Nell’interpretazione di Ron Slagstad del lavoro di Evange, l’approccio delle scienze naturali è importante per lo sviluppo di Evange in un tecnocrate. La fede nella scienza è “l’elemento ideologico più importante che ha collegato il critico sociale dissidente degli anni ’30 all’amministratore sanitario riformista e tecnocratico dopo il 1945”. (3), pag.208). Nella letteratura di Evange, il lavoro sull’educazione sessuale e l’igiene materna è spesso associato al giovane Evange, scrivono Andreessen e Elvbakken. In qualità di direttore sanitario, Evange ha lavorato in diverse aree e lui stesso ha notato che il suo lavoro nel dopoguerra era principalmente altrove. Tuttavia si impegnò sul tema dell’igiene materna attraverso il lavoro su Budget, e attraverso i nuovi numeri della rivista continuò il suo lavoro nel campo dell’educazione sessuale ((13). Anche nelle arene pubbliche più piccole, ma con una forte convinzione nell’importanza della conoscenza basata sulla scienza, Evange ha lavorato per promuovere l’educazione sessuale del dopoguerra. nonostante Informazioni sessuali Ampia diffusione, resta ancora molto lavoro. La scuola era un luogo importante per la diffusione efficace delle informazioni sessuali, che veniva poco sfruttato.

READ  Un attacco fallito al capolavoro di Edvard Munch, il dipinto più famoso della Norvegia

Negli anni ’30 il dibattito sull’educazione sessuale ruotava anche attorno alla scuola. A Oslo morì tra gli altri Mohr, a questa violazione erano andati il ​​medico e la figlia di Käte Anker-Müller, suo marito il professor Otto Los Mohr e la nota insegnante Anna Sethny. La loro lotta portò all’inclusione dell’insegnamento della riproduzione nel programma regolare della scuola a partire dal 1939 (16, 17). Ma la guerra ha interrotto anche questo lavoro.

Nel 1948 Anna Sethney si rivolse al Direttore della Sanità e presentò la “questione importante per i giovani e per l’intera popolazione” sull’insegnamento scolastico della riproduzione. (18). Il piano regolare non è stato attuato in tutti i comuni e l’insegnamento non era obbligatorio. Sithani ritiene che Evang, in qualità di direttore sanitario, possa contribuire a mettere in pratica l’educazione riproduttiva nelle scuole (19). Evang ha inviato un’inchiesta al Ministero della Chiesa e dell’Istruzione in cui chiedeva misure per migliorare l’insegnamento nella scuola primaria. Nella lettera sottolineava la grande importanza sanitaria della dottrina della procreazione. L’obiettivo era “creare una famiglia perfettamente sana”. Per raggiungere questo obiettivo ci si affidava alla conoscenza. Era importante che la sessualità non fosse lasciata “come un campo oscuro di informazioni sanitarie sull’aldilà”. In particolare è stata sottolineata l’importanza del principio riproduttivo per la salute mentale e il ruolo preventivo della conoscenza.

L’istruzione primaria era il modo più efficace per diffondere la conoscenza tra la popolazione (20). Il Consiglio scolastico degli insegnanti e il Consiglio professionale per il ministero ecclesiastico e l’istruzione hanno fornito un forte sostegno al direttore sanitario. Secondo il Consiglio non basta raccomandare l’attuazione dell’insegnamento ai consigli scolastici, ma deve essere considerato il requisito minimo del curriculum regolare ed essere vincolante per le scuole. (21). Il 6 luglio 1950, il Ministero inviò allora una circolare in cui dichiarava che la formazione sulla riproduzione umana era “materia obbligatoria nelle scuole pubbliche”. (22). Nell’agosto dello stesso anno, Evange scrisse al Consiglio degli insegnanti che la proposta di rendere vincolante per la scuola la dottrina della procreazione era “uno dei passi più importanti per risolvere questa questione nel nostro Paese”. (23).

READ  Politica norvegese, CO2 | La riunione nazionale del partito conservatore sarà costosa

Evange e Sethani erano promotori con una forte autorità professionale, ma l’operazione suscitò polemiche. La questione se l’educazione sessuale debba essere obbligatoria non è stata discussa negli organi eletti, ma è stata portata avanti attraverso azioni burocratiche e competenze professionali. E l’esperienza non è passata incontrastata. Hanno protestato i genitori, le organizzazioni cristiane e la stampa (24). Olaf Wallen-Sendstad, un eminente teologo della tradizione pietista e della Chiesa bassa, ha scritto l’opuscolo Insegnare la riproduzione nella scuola primaria: un episodio della battaglia per l’anima del popolo (1950). Secondo Valen Sindestad, l’introduzione della dottrina della riproduzione, questo “insegnamento cristiano materialista sessuale” punterebbe maggiormente verso la “Bibbia della sessualità”. Una Bibbia del genere esiste già in Karl Evanges Informazioni sessuali: “Qui ogni fanatico del sesso può flirtare con se stesso. Qui si può imparare tutto: dalle tecniche preventive alle tecniche di rapporto sessuale fino alle tecniche omosessuali.” (25).

Questa descrizione non era condivisa da ampi segmenti della popolazione. La rivista aveva un formato realistico e neutrale in cui la scienza e la conoscenza venivano particolarmente messe in risalto. Secondo Evang, il tono un po’ secco delle informazioni sessuali era in parte “per non esporci a critiche inutili, e in parte perché ci veniva naturale (…)” (9), pag.71). C’erano ragioni tattiche, ma c’era anche una forte fiducia nella scienza, che ha favorito un approccio sobrio. Per Efang, quindi, era importante che l’educazione sessuale a scuola fosse basata sui fatti e completa. L’educazione sessuale a scuola può essere sfruttata anche da “circoli ostili” in “campagne intimidatorie, ad esempio contro la masturbazione” ((15), pag.53). Evang ha osservato che molti insegnanti appartengono a una generazione che a sua volta è cresciuta in “uno stato di estrema mancanza di libertà a questo punto” ((15), pag.47). La resistenza all’educazione sessuale era considerata irrazionale, ma allo stesso tempo normale, poiché molti non avevano ricevuto una sana educazione sessuale. Tuttavia, l’ottimismo e la fiducia nella possibilità di plasmare la popolazione nella giusta direzione attraverso l’Illuminismo erano forti. Per Efang era importante che le competenze mediche e psicologiche contribuissero a modellare la materia quando questa verrà gradualmente implementata a scuola ((26).

More articles

Latest article