Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– L’impossibilità della concorrenza – E24

Kredd sta chiudendo la sua attività per finanziare pubblicamente prestiti al consumo ad altri.

Il CEO di Kredd Andreas Talseth continuerà a lavorare per portare la tecnologia nelle banche.

Inserito: Inserito:

Andreas Talseth, CEO di Kredd, giustifica la chiusura dicendo che sarebbe sfavorevole continuare le operazioni quando la società non è coperta da nuove regole.

Come menzionato da E24, sono in lavorazione nuove regole per il finanziamento pubblico basato sul prestito. La scorsa settimana, un comitato nominato dal governo ha presentato proposte su come un nuovo regolamento UE per l’industria potrebbe diventare parte della legge norvegese.

La commissione si occupava solo del finanziamento pubblico dei prestiti alle imprese. Kredd è una delle poche aziende norvegesi che si concentra, invece, sul finanziamento pubblico dei prestiti ai consumatori.

Il rinvio della commissione nella valutazione di questo significa che dobbiamo competere a condizioni diverse sia contro le banche che contro altre piattaforme, ha detto Talseth a E24.

7 percento di interesse

Il principale di Kredd afferma che attualmente hanno circa 174 mutuatari e 452 prestatori.

Il tasso di interesse medio per i prestatori sin dal suo inizio ha raggiunto il 7%, mentre i mutuatari hanno pagato un tasso di interesse medio del 7,55%. Secondo il registro del debito, il tasso di interesse nominale medio per i prestiti al consumo è del 14,27 percento.

Talseth afferma che tutti i mutuatari esistenti avranno l’opportunità di trasferire il prestito a Ikano Bank alle stesse condizioni di oggi.

Se il mutuatario non ha le note di pagamento, il pagamento continuerà normalmente.

Se il mutuatario porta un avviso di pagamento dopo la revoca del prestito, il prestito verrà acquistato da un terzo. Talseth dice che questo è regolato dal contratto di prestito.

L’impossibilità della concorrenza

Non è decollato completamente per Kredd dopo essere andato in diretta nel 2018.

L’anno scorso hanno chiuso l’anno con un fatturato di poco meno di 500.000 corone. Il risultato annuale è stato di meno 3,8 milioni.

Andreas Talseth spiega che hanno lavorato per espandere le operazioni, ma dipendevano interamente dalla capacità di implementare molte delle azioni nei regolamenti UE.

Questi includono “l’investimento automatico”, ovvero l’opportunità per un consumatore di investire in un portafoglio di prestiti.

È particolarmente importante quando si tratta di microcredito, come la piattaforma Kredd. Se fosse stato tolto anche il limite del milione, si sarebbe potuto ottenere il capitale istituzionale, che vediamo comune all’estero, dice Talseth.

In qualità di investitore, attualmente puoi investire un totale di 1 milione di corone in prestiti finanziati con fondi pubblici nel corso di un anno. Per i prestiti alle imprese il limite scomparirà con l’entrata in vigore del regolamento UE. Per i prestiti al consumo, rimarranno lì fino a nuovo avviso.

– Dovremmo continuare con investimenti manuali da investitori privati ​​che devono trasferire per ogni singolo prestito dalla banca online. Quindi sarebbe impossibile competere per la facilità d’uso con piattaforme destinate alle aziende, afferma Talseth.

Continua a leggere E24 +

Stock board dopo un anno: i consigli di questo manager sono diventati molto redditizi

Cancella il registro dei debiti

Questa non è la prima volta che il capo di Kredd deve affrontare ostacoli normativi.

– Prima siamo stati espulsi dal registro dei debiti, poi dalla SBL, dice Talseth.

SBL, o Approval Based Loan Application, è ciò che consente la raccolta digitale delle dichiarazioni dei redditi e delle indennità di disoccupazione.

– Questo ci ha dato un enorme svantaggio rispetto ad altre banche che possono recuperare queste informazioni digitalmente. Speravamo di essere regolamentati alla pari con altre banche di prestiti al consumo e allo stesso tempo di avere lo stesso accesso in modo da poter fornire buoni rating creditizi e servizi competitivi ai clienti.

Continua a leggere E24 +

Hallgeir Kvadsheim: 22 prese finanziarie intelligenti che puoi fare prima del nuovo anno

Domanda di prestito intelligente

In futuro, Kredd continuerà a concentrarsi sulla fornitura di tecnologia alle banche.

La società ha ora un accordo con Ikano Bank, dove hanno presentato quella che si definiscono “la richiesta di prestito più intelligente in Norvegia”.

Questa è la tecnologia che raccoglie tutte le informazioni finanziarie sul mutuatario.

Collegando diverse fonti di dati, possiamo trovare informazioni aggiornate su mutui e prestiti auto, che non sono attualmente nel registro dei debiti, spiega Talseth.

Leggi anche

Il limite del prestito di un milione di persone non amate è lontano

READ  Sempre più aziende straniere stanno lasciando il Myanmar