Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L'incubo dei genitori: 287 bambini rapiti da scuola in Nigeria – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

L'incubo dei genitori: 287 bambini rapiti da scuola in Nigeria – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

– Non sappiamo cosa fare se non credere in Dio, dice Rashidat Hamza all'agenzia di stampa AP.

È madre di sei figli. Ora cinque di loro se ne sono andati e lei non ha idea di cosa succederà loro. I suoi figli sono tra i 287 bambini nigeriani rapiti durante l'attacco di uomini armati all'inizio della scorsa settimana.

-Alcuni dei ragazzi più forti sono riusciti a scappare. I bambini piccoli piangevano e venivano spinti e costretti a seguire i rapitori.

La madre sconvolta racconta ciò che le hanno detto i testimoni oculari. I suoi cinque figli scomparsi hanno tra i sette ei diciotto anni.

Silenzioso: giardino scolastico a Korega, Nigeria.

Fotografia: Haider Omar/AFP

I rapimenti nello stato di Kaduna, a nord della capitale Abuja, non sono avvenuti completamente. I gruppi islamici armati provocano da tempo il caos e fanno dei rapimenti un business. Prendono le persone con la forza e vogliono soldi per liberarle di nuovo.

– Sono arrivati ​​all'improvviso

Adesso è un silenzio mortale nel cortile della scuola di Korega, in Nigeria. L'attrezzatura del parco giochi è vuota e lo shock non si è ancora del tutto calmato.

Dalla porta dell'edificio scolastico di mattoni rossi esce la vicepreside triste e seria, Noura Ahmed.

Vicedirettore Noura Ahmed in Nigeria

Preside della scuola: Vice Preside Nora Ahmed.

Fotografia: Domenica Alamba/AP

– All'improvviso sono arrivati ​​in motocicletta e hanno aperto il fuoco, dice il vicedirettore.

Hanno anche circondato la scuola e chiuso tutte le vie di fuga fuori dal cortile, ha detto.

Nascondere

I genitori disperati si disperano dopo quello che è successo.

-La mia mente sta per esplodere in pezzi. Non posso fare nulla perché penso costantemente alle condizioni dei bambini, dice Shehu Lawal, il padre di uno dei bambini rapiti.

Shehu Lawal è il padre di due bambini che sono stati rapiti.

Padre: Shehu Lawal è sconvolto e disperato dopo i rapimenti della scorsa settimana.

Foto: AP

Dice: – Mia moglie ed io non riuscivamo a dormire.

Nel caos che ne seguì, alcune persone riuscirono a nascondersi. Aminu Abdullahi racconta come è scappato.

– Quando i banditi sono arrivati ​​in motocicletta e hanno iniziato a urlare e sparare, gli studenti sono scappati in tutte le direzioni, ha detto il ragazzo all'agenzia di stampa Reuters.

– Quando correvo, uno dei banditi su una moto mi ha seguito. Sono riuscito ad attraversare la strada e sono corso nella foresta dove mi sono nascosto”, racconta Aminu.

La portata dei rapimenti è da tempo una questione politica scottante in Nigeria, e la portata dei rapimenti della scorsa settimana ha suscitato forti reazioni.

Le forze di sicurezza stanno ora perquisendo le vaste foreste della Nigeria nordoccidentale alla ricerca degli alunni rapiti dalla scuola infantile di Korega.

Le forze di sicurezza in Nigeria stanno cercando i bambini in età scolare

Conduzione di una ricerca: le forze di sicurezza stanno cercando scolari rapiti.

Fotografia: Domenica Alamba/AP

Non ci sono ancora notizie di persone trovate.

Secondo il direttore della città di Korega, nel nord-ovest del Paese, uomini armati hanno rapito 287 studenti dopo l'assemblea mattutina di giovedì. Almeno un centinaio i bambini sotto i 13 anni.

Gli adulti sono stati rapiti questa settimana

Martedì di questa settimana decine di persone sono state rapite in un villaggio nel nord-ovest della Nigeria.

Ciò accade pochi giorni dopo il rapimento di quasi 300 scolari.

Uomini armati hanno preso d'assalto un villaggio nel distretto di Kajuru. Un'autorità pubblica locale ha detto a Channel TV che gli uomini armati si spostavano di casa in casa per rapire persone e hanno aperto il fuoco sporadicamente.

Una fonte delle Nazioni Unite ha detto all'AFP che uomini armati hanno preso d'assalto il villaggio.

Il primo bilancio ha mostrato che sono state rapite 40 persone, ma il numero è salito a circa 60, secondo la fonte delle Nazioni Unite.

Un gruppo scissionista di Boko Haram?

Non è del tutto chiaro chi ci fosse dietro l’attacco. Ma BBC Scrivo che un presunto gruppo Ansaru, una scheggia di Boko Haram, controlla gran parte del territorio in questa parte della Nigeria.

Boko Haram è un'organizzazione terroristica islamica. Il nome “Boko Haram” significa “l’istruzione occidentale è un peccato” e le ragazze sono state rapite mentre erano a scuola.

Boko Haram è guidato da Abubakar Shekau

Leader: leader del movimento islamico Boko Haram, Abubakar Shekau.

Foto: Bollettino/AFP

Negli ultimi tempi si è registrato un aumento degli attentati e dei rapimenti. Sono attivi molti gruppi criminali, alcuni più conosciuti di altri. Oltre a Boko Haram, l’Isis ha filiali anche in Nigeria e in Africa occidentale.

“Il rapimento è redditizio”

In molti casi, dietro i rapimenti ci sono gruppi criminali. Si guadagnano da vivere rapendo persone a scopo di riscatto. Così il rapimento divenne una specie di business.

Una scuola in Nigeria dove sono stati rapiti i bambini

Aula: aule vuote alla Korega School in Nigeria dopo il rapimento degli studenti.

Fotografia: Haider Omar/AFP

Alcuni credono che sia la crisi economica del Paese a spingere le persone disperate a ricorrere ad azioni drammatiche.

– È tutta una questione di mancanza di denaro e povertà, dice Emeka Okoro all'Agence France-Presse.

È un analista dell'agenzia di intelligence nigeriana SBM.

-Il rapimento è un business redditizio. Dice che nelle due recenti operazioni di salvataggio dopo il rapimento di scolari sono state pagate ai rapitori ingenti somme di denaro.

Minaccia la posizione del presidente

La SBM, dove lavora l'analista Okoro, ha detto all'AFP di aver registrato 3.964 rapimenti da quando Tinubu è entrato in carica come presidente a maggio, dieci mesi fa.

Tinubu ha considerato la lotta per la sicurezza e la lotta contro i gruppi criminali uno dei temi più importanti della campagna elettorale dello scorso anno.

I numerosi attacchi degli ultimi tempi hanno causato problemi a Tinubu e lo hanno messo sotto pressione. A ciò si aggiunge la difficile situazione economica della Nigeria.

“Riportate indietro le nostre ragazze”

Il matrimonio forzato e la violenza sessuale contro ragazze e donne rapite sono comuni.

“Riportate indietro le nostre ragazze” Questo era lo slogan dieci anni fa, quando Boko Haram rapì diverse centinaia di ragazze da una scuola femminile.

L'attrice Salma Hayek con il poster "Riporta indietro le nostre figlie"

2014: “Riportate indietro le nostre ragazze” diventa uno slogan globale. Questa è la calzolaia Salma Hayek sul tappeto rosso a Cannes il 17 maggio 2014.

Fotografia: Yves Herman – Reuters

Ciò che è accaduto adesso è molto simile all’evento che ha ricevuto tanta attenzione dieci anni fa. Anche quella volta fu promesso il rilascio delle studentesse. Alcuni sono stati salvati, ma molti sono ancora dispersi.

La storia ha fatto il giro del mondo dopo che 276 studentesse sono state rapite nel nord-est della Nigeria il 14 aprile 2014. All'epoca ad essere rapito era il gruppo terroristico Boko Haram.

Il rapimento suscitò indignazione e impegno speciale in tutto il mondo. L'hashtag #BringBackOurGirls è stato utilizzato da tutti, da Michelle Obama a Kim Kardashian al Papa.


READ  Luce e gas | I prezzi del gas sono scesi del 43% dal loro picco