Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Linea Andersen, Il gioco |  Line Andersen riceve messaggi preoccupanti nella sua casella di posta: – Non sono del tutto me stessa

Linea Andersen, Il gioco | Line Andersen riceve messaggi preoccupanti nella sua casella di posta: – Non sono del tutto me stessa


– È liberatorio essere una persona intera in TV, con punti di forza e di debolezza e tutto ciò che hai.

Questo è ciò che racconta a Netavisen la giornalista e analista televisiva Line Andersen (50 anni). Attualmente sta apparendo in “The Game” di TV 2, che ha impressionato i telespettatori nelle ultime settimane.

Leggi anche: I partecipanti al “gioco” hanno richieste chiare per TV 2

-Potresti pensare che sia spaventoso mostrarti nel bene e nel male, ma non è così. Aggiunge che è molto bello essere una ragazza che prende il suo posto, a cui è permesso essere intelligente e chiara e decidere qualcosa a volte.

– Il lato “spigoloso” della linea

“The Game” è il secondo incontro di Andersen con i reality. È apparsa in precedenza in “71 Degrees North”, ma la maggior parte delle persone probabilmente la conosce per qualcosa di molto diverso dal genere della realtà.

Per molti anni è stata un nome di spicco nel sistema NRK, dove fino al 2019 è stata presentatrice e reporter per NRK Sport.

Anche se ha già mostrato molto di sé lì, non le è stato permesso di rivelarlo allo stesso modo.

– In particolare come presentatore sportivo, ti trovi all'intersezione tra notizie e intrattenimento, il che spesso può essere un po' innocuo. Quindi penso che sia davvero divertente mostrare un lato più “eccitante” di Line in “The Game”, dice a Nettavisen.

Leggi anche: “Il Gioco” – Stephen ha visto “tutto”: – Diversi destini

Tuttavia, finora in “The Game”, il lato “più irritabile” di Andersen non è stato particolarmente evidente. Ma lei ha promesso che sarebbe venuto.

READ  - Il periodo più buio della mia vita - VG

-Ho ricevuto molti commenti secondo cui sono molto calmo, perché di solito non lo sono. Ma sto aspettando molto. Sono molto rumoroso e parlo duro, ma solo quando so di cosa sto parlando. Non mi butto subito e faccio il totale baja, tipo.

– Finora sono stato abbastanza tranquillo, ma poi sarò un po' più coinvolto. “E non vedo l'ora di vederlo”, dice.

Ho ricevuto messaggi inquietanti

Andersen non vede l'ora che amici e conoscenti possano vedere sullo schermo la battuta che conoscono dall'esterno, qualcosa su cui probabilmente riceverà commenti e commenti molto presto.

Leggi anche: Questo è servito ai partecipanti al “gioco”.

La 50enne racconta a Nettavisen che ogni domenica sera riceve lunghi messaggi da persone vicine e care che vogliono discutere del programma e di tutto ciò che accade lì. Ma finora i colloqui non si sono limitati al corso degli eventi.

-Ci sono molte persone che si chiedono come mi sento veramente. Persone che si sono prese cura di me in tutti questi anni, a cui manco quando parlo e occupo un po' di spazio. “Erano un po' preoccupati, perché all'inizio non sono esattamente come me”, dice Andersen.

– Il che mi fa quasi preoccupare, perché l'hanno tagliato così bene che inizio a chiedermelo. È come se chiamassi TV 2 e le dicessi che ora devono prendersi cura della sua calligrafia, ride.

Tuttavia, crede che le persone la conosceranno meglio in futuro.

Aperto a più realtà

Come accennato, “The Game” è il secondo reality show di Andersen, ed è aperta a fare di più.

Ma lei non è d'accordo con nulla.

– Sono molto grato che TV 2 abbia trovato il mio nome nel mucchio mentre stavano per realizzare questo programma. È così dolce, quasi un miracolo per me, sorride.

READ  "L'uomo peggiore del mondo" è nella lista dei candidati all'Oscar

“Ma ho anche detto molto di no, perché non era giusto per me”, aggiunge.

Se ha intenzione di fare qualcosa di più, vuole che sia qualcosa sulla stessa strada di “The Game” e “71 Degrees North”, non qualcosa che giochi sui conflitti che sorgono tra le persone.

Cosa diventerà alla fine resta da vedere.

– Ma quello che desidero di più è esercitare la mia professione e spero che prima o poi potrò ritornarci. E se non funziona, funziona anche bene, dice Andersen.