Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Tutta la controversia dopo la commedia di Sundby Gohaug: – Completamente ignorante

Tutta la controversia dopo la commedia di Sundby Gohaug: – Completamente ignorante

-Quindi immagino che Sandby non sappia bene che tipo di donna sia. Quindi non ha idea di che aspetto abbia in questo momento”, dice Helen Marie Fussholm a VG. Lei stessa è arrivata sesta nell'ultima gara della stagione.

Tuttavia, la corsa di tre miglia nel New Mexico riguardava principalmente Therese Johaug e il modo in cui è riuscita a esibirsi nel suo ritorno contro l'élite norvegese, dieci mesi dopo essere diventata madre.

Johaug ha vinto con una schiacciante vittoria e Astrid Øyre Slind ha subito gol IL Il movente è andato allentato.

Ma la discussione è continuata prima della gara. Martin Johnsrud Sundby è stato esperto NRK durante il New Mexico.

Prima della corsa di tre miglia di sabato, a Sundby è stato chiesto durante una trasmissione in diretta se i corridori della squadra nazionale dovessero battere Johaug. L'esperto ha esordito dicendo che la cosa era “ovvia”.

Lo ha giustificato dicendo che, sebbene si sia allenata e sia rimasta attiva da prima e dopo la gravidanza, è lontana dal competere ai vertici del mondo.

L'opinione non era proprio la stessa tra i corridori norvegesi. Fussholm dice francamente che sa che nessuno sarà in grado di battere Johag.

– Posso parlare per me. Mi aspettavo che mi schiacciasse. Sì, non ha pattinato molto, ma la sua forma base… si è allenata per molti anni, il che è unico per una donna di resistenza, quindi dimostra semplicemente che non ha idea di chi sia quella donna.

A fronte delle dichiarazioni di Fussholm Dopo Alla 30 km di sabato, Sandby ha risposto che, dopo tutto, fa parte della squadra con Yohog da 15 anni e sa di cosa è capace fisicamente.

READ  Voci martedì - united.no

-Ma è anche una signora anziana ed è cresciuta dall'ultima volta che è stata sul campo di sci di fondo. Non è mai una cosa positiva in uno sport come lo sci di fondo. Non importa come lo giri e lo giri, il livello scende leggermente ogni anno che passa.

Cotta superiore: Therese Johaug, qui dopo aver completato la distanza inferiore ai 30 km durante la seconda parte del NM a Lillehammer sabato. Foto: Bjorn S. Dilipik/VG

Sundby si rende conto che ciò interferisce con la capacità di Johaug di raggiungere i corridori d'élite “in modo semplice dieci mesi dopo la nascita”.

-Helen Fussholm sembra non sapere cosa comporta il parto per una donna. Per le donne che l’hanno vissuto, i cambiamenti fisici e mentali sono così grandi che sperare di arrivare in cima al mondo in dieci mesi è inimmaginabile.

-Pensavo che Therese potesse combattere oggi. Ma c'è una differenza tra lottare per l'oro a New Mexico e avere la possibilità di tornare negli ultimi due chilometri e vincere comunque, questa è la chiara retorica di Sundby.

Quando VG chiede alla stessa protagonista se è d'accordo con Sundby, Johaug risponde in questo modo:

– Ora loro (i corridori della nazionale) si sono allenati e hanno affrontato la stagione della Coppa del Mondo, e io non avevo quella base di allenamento e avevo un carico. “Che dovessero picchiarmi o no… pensavo che almeno sarebbe stato più paritario”, dice il 35enne.

Astrid Auer Slende è probabilmente tra coloro che dovrebbero essere scioccati dalle azioni di Sundby. Era tra i migliori corridori di lunga distanza della Norvegia.

– Con il suo punto di partenza, con il suo livello e un anno di allenamento, c'erano condizioni sciolte e difficili, c'erano colline ripide, e questo le si adattava perfettamente. Penso che Therese ovviamente se ne andrà velocemente. Non avevo dubbi a riguardo.

READ  L'agente risponde

Anche Sophia Lockley ha ottenuto ottimi risultati ai Mondiali di quest'anno. Gioca per la nazionale statunitense, ma è di origini norvegesi e fa parte della squadra di Aker Dæhlie.

Ha avuto la seguente valutazione di ciò che i concorrenti della Coppa del Mondo pensano al potenziale ritorno di Johag:

– Alcune persone si sentono nervose prima del prossimo anno. Ora ha battuto Heidi Wong, Astrid Owerri-Slinde e tutti gli altri che hanno gareggiato nella Coppa del Mondo di quest'anno. “È due o tre minuti avanti a noi, il che è spaventoso”, dice Lockley a VG.

Ane Appelkvist Stenseth è principalmente una corridore, ma fa parte della squadra nazionale norvegese. Si rende conto che Sundby la pensa come lui.

– Poi abbiamo vissuto una lunga stagione, tante malattie e infortuni, ed è stato difficile per molti di noi. Poi eccoci arrivati ​​alla seconda parte di NM, dove ci manca un po' l'aria e siamo stanchi nella copertura superiore. Anche se è molto entusiasta e non pattina da molto tempo, ha le spalle basse e un'altra pelle grezza con un'enorme capacità.

– Cosa ne pensi della commedia di Sundby?

– Possono dire quello che vogliono dire. Ho sentito che ha delle prove difficili in arrivo. So che si è allenata molto, non è che si alza dal divano e all'improvviso va a pattinare.

– È una macchina, fatta di ciò di cui sono fatte pochissime altre. Ritornare ora, quando il resto dei comprensori sciistici norvegesi sono in ritirata, stanchi e pronti per Pasqua, è una mossa a scacchi. “Allora gli altri dovranno solo provare a reagire il prossimo inverno”, dice Stenseth.

READ  Concerto domenicale italiano a Londra - La Bretagna pronta per la finale di Wimbledon - Dagsavissen

Helen-Marie Fussholm conclude dicendo quanto segue in vista di un'importante stagione di Coppa del Mondo e Coppa del Mondo nel 2024 e 2025:

– Penso che ci siano degli svedesi seduti nel “Söta bror” e adesso stanno tremando.

Ha ragione su questo.

– Sono impressionato, ma non sorpreso. E ora è tornato ad essere uno dei preferiti, scrive Frida Carlsson, una delle migliori fondiste svedesi, in una lettera a SVT Sabato.