Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’inflazione dei prezzi negli Stati Uniti è salita al 2,5% nel febbraio-E24

L’inflazione dei prezzi negli Stati Uniti è salita al 2,5% nel febbraio-E24

L'inflazione dei prezzi negli Stati Uniti, come previsto, è aumentata leggermente a febbraio, in linea con l'obiettivo preferito dalla banca centrale statunitense.

Pubblicato:

Aggiornamento argomento…

La tensione è stata collegata ai dati odierni sull'inflazione poiché gli ultimi dati pubblicati mettono in dubbio se l'inflazione rimanga su una tendenza costante al ribasso.

Secondo i dati forniti venerdì pomeriggio dalle autorità statunitensi, l'inflazione dei prezzi negli Stati Uniti ha raggiunto il 2,5% in febbraio. Era esattamente ciò che gli economisti avevano previsto in precedenza, secondo le stime di Bloomberg.

Ciò dà alla Fed spazio per tagliare il tasso di interesse di riferimento in estate, afferma Sarah Midtgaard, capo economista di Handelsbanken.

Fed è l'abbreviazione di Federal Reserve Board, la banca centrale degli Stati Uniti.

Il mercato ritiene che probabilmente ci sarà un taglio dei tassi già a giugno, ha detto.

L’inflazione core è rimasta invariata al 2,8%, come precedentemente previsto. La banca centrale americana governa secondo un obiettivo di inflazione temporale del 2%.

Continua a leggere E24+

Cosa faremo con tutto l'oro?

Alla Norges Bank potrebbe essere concesso un margine di manovra maggiore

L’inflazione PCE è uno dei due modi più comuni per misurare la crescita dei prezzi ed è quello che la Federal Reserve americana ritiene sia il più importante.

L'altro modo è il normale indice dei prezzi al consumo, che a febbraio è leggermente aumentato al 3,2%.

READ  DLT si è schiantato contro la borsa verde

Midtgard registra che la crescita mensile dei consumi personali è stata leggermente superiore a quanto previsto a febbraio. La crescita è stata dello 0,8%, mentre il consenso precedente prevedeva un aumento dello 0,5%.

Ciò dimostra, secondo lei, che l'attività nell'economia statunitense è elevata e che i consumi continuano a crescere. Ma i numeri da soli non impediranno alla Fed di tagliare i tassi di interesse quest’estate, secondo l’economista.

Se verrà abbassato a giugno, la banca centrale norvegese avrà più spazio di manovra in vista di un taglio del tasso a settembre, dice Medgaard.

– Ma la nostra principale aspettativa è il primo taglio dei tassi a dicembre.

Sarah Midtgaard

Capo economista presso Handelsbanken

Continua a leggere E24+

Dovrebbe essere consentito al fondo petrolifero di investire in “private equity”? Ecco gli argomenti a favore e contro

Dossi sulla strada

La scorsa settimana la Banca centrale americana ha deciso di mantenere invariato il tasso di interesse di riferimento in un intervallo compreso tra il 5,25 e il 5,50%, il livello più alto degli ultimi 22 anni.

Per quanto riguarda la decisione sui tassi di interesse, il comitato sui tassi di interesse della Fed ha introdotto anche il cosiddetto dot chart, che è la loro risposta al percorso dei tassi di interesse della Norges Bank. Nel “grafico a punti” sono previsti tre tagli dei tassi di interesse nel 2024.

Al precedente incontro sui tassi di interesse della banca centrale statunitense, il presidente della Fed Jerome Powell ha dichiarato che si dovrebbero monitorare da vicino i prossimi numeri.

Ha descritto i dati sull'inflazione all'orizzonte piuttosto inquietanti.

Powell ha detto: – Non penso che questo abbia influenzato il quadro generale, cioè che l'inflazione si sta dirigendo verso un calo graduale su un percorso talvolta accidentato verso il 2%.