Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’insediamento agricolo può andare al turno extra rosso e verde?

Questa è un’apertura. Esprime il parere del quotidiano The Nation. Il caporedattore e il redattore politico sono responsabili del contenuto.

Da Norges Bundelagh L’Associazione norvegese degli agricoltori e dei piccoli proprietari ha deciso di non negoziare con lo stato sugli insediamenti agricoli, poiché era consapevole dei rischi. Era probabile che continuasse così com’è ora: l’offerta dello Stato rimarrà, con un aumento nel quadro di 962 milioni di NOK nel 2022.

Succede perché Il governo è in maggioranza con Frp. E l’ultima festa in realtà ha annunciato un mese fa che pensava davvero che lo spettacolo fosse molto forte. Quando la questione sarà formalmente ascoltata in Parlamento il 16 giugno, c’è spazio solo per i commenti dell’opposizione.

dichiarazioni Ora già venuto – come le promesse elettorali. Per Torgeir Knag Fylkesnes, vicepresidente SV e portavoce per la politica agricola, dice a Nationen che “la destra sta voltando le spalle all’agricoltura e l’unica speranza ora è una nuova maggioranza di rosso e verde”.

Cioè, dopo le elezioni. Ma Fylkesnes è davanti sia al partito di centro che al partito laburista. Sebbene Sps Geir Pollestad dica “lo sentiranno” nella politica agricola se saliranno al potere, Pollestad deve specificarlo nelle note in Parlamento.

solo un sacco di loro Si chiedeva cosa avrebbe fatto in pratica il Partito dei vecchi contadini per promuovere e garantire la redditività nel settore agricolo, non ultimo se si sarebbe posto l’obiettivo di pareggiare il reddito rispetto ad altre professioni e industrie.

“Se finiamo Nei negoziati del governo, chiederemo un accordo aggiuntivo, poiché l’SV propone un riallineamento della politica agricola norvegese, in cui il divario di reddito sarà chiuso e avremo un piano di escalation per l’obiettivo dell’autoconservazione e dell’uso del suolo, “dice Fylkesnes.

READ  Il profitto al posto della scienza: la politica del governo tedesco sul Covid-19

Non intendono Aspetta fino all’accordo agricolo la prossima primavera, ma prima avremo negoziati con i sindacati. SV è particolarmente interessato alle piccole e medie aziende agricole, un allontanamento dai regimi di sostegno per l’agricoltura su larga scala proposti dall’allora ministro dell’Agricoltura Sylvie Listauge (Frp).

Con così chiaro La promessa elettorale della SV, spetterà ai socialdemocratici e al partito laburista seguire, se ci saranno trattative sulla cooperazione di governo.

Trygve Slagsvold Vedum E Jonas Gahr Store raccoglie la sfida, se significano qualcosa con le ambizioni e le promesse che le due parti hanno finora fatto per la politica futura della regione.

Gli agricoltori devono essere assicurati Condizioni economiche, sociali e culturali in linea con altre industrie. La redditività nelle operazioni è necessaria per mantenere l’occupazione nel settore. L’occupazione è fondamentale per la continua produzione alimentare norvegese, l’autosufficienza, la sicurezza alimentare e la conservazione del paesaggio culturale.

Ma altrettanto importante è che l’agricoltura è il cardine e il fulcro degli affari nelle zone rurali. Anche le condizioni degli agricoltori devono essere migliorate per l’economia dell’intero continente norvegese.

Il settore agricolo contribuisce Con creazione di valore ed effetti a cascata che – nel loro stato di indebolimento – strappano le ossa durante gli insediamenti e gli insediamenti viventi in tutto il paese. Un possibile ulteriore giro di rosso e verde nell’insediamento agricolo dopo le elezioni sarà una misura importante della politica di zona.