domenica, Giugno 16, 2024

L’intelligenza artificiale imparerà a disegnare Munch – NRK Culture & Entertainment

Must read

Jolanda Alfonsi
Jolanda Alfonsi
"Specialista del web. Avvocato freelance del caffè. Lettore. Esperto di cultura pop sottilmente affascinante."

– Non capisco cosa faremo con lui. Penso che ci sia un disperato desiderio da parte dei musei di entrare in contatto con i giovani.

Questo è ciò che dice la critica d’arte Mona Bahli Berki alla NRK.

Il Museo Munch vuole dare nuova vita alle opere di Edvard Munch.

“Nysnø” è il nome dell’esperienza interattiva che permetterà al pubblico di interagire con l’intelligenza artificiale che imita la calligrafia di Edvard Munch.

Puntare ai giovani

“Vogliamo che i nostri ospiti abbiano la sensazione di aver imparato qualcosa su Munch e sul suo processo artistico”, afferma lo sviluppatore senior di concetti Nikita Mathias presso Munch to NRK.

L’esperienza pittorica del Munch Museum funziona disegnando tu stesso su carta. L’intelligenza artificiale produce quindi le linee sullo stesso foglio dal lato inferiore del foglio.

Nikita Matias afferma che il progetto si rivolge in particolare ai giovani e ai giovani adulti.

Nikita Matias afferma che il progetto si rivolge in particolare ai giovani e ai giovani adulti.

Foto: Frode Verdingstad/NRK

– Non si separa completamente dall’albero

Da parte sua, il critico d’arte Bahli Berki ritiene che sia importante praticare l’autoindulgenza e guardare l’arte in pace e calma.

– Penso che sia importante che i musei non vadano completamente fuori strada, ma che mantengano il fatto che non hanno bisogno dello schermo, delle cose che si illuminano e delle cose che devi premere. “Possiamo effettivamente stare in piedi e guardare un’opera d’arte”, dice.

Nel frattempo, l’intelligenza artificiale non ha nulla a che fare con Monk, sottolinea Bahli Berki.

– Ha vissuto in un tempo completamente diverso. Penso che tu possa capire Munch guardando le sue foto, piuttosto che avere un computer per analizzare il termine, come potresti pensare.

Quattro nuovi direttori: dei quattro nuovi direttori che lavoreranno al Museo Munch di Bjørvika, nessuno è storico dell'arte.

Il Museo Munch ha stretto una collaborazione con una delle più grandi società di consulenza informatica del mondo. L’obiettivo è utilizzare l’intelligenza artificiale per dare nuova vita all’arte di Edvard Munch.

Foto: Simon Skilvik Brandseth/NRK

Creare nuovi punti di incontro

La responsabile dell’innovazione e della ricerca di Munk, Birgit Agha, non è d’accordo con le critiche di Bahli-Berke.

– Il punto d’incontro che creiamo tra arte e pubblico non dovrebbe in alcun modo essere sostituito dall’apprendimento automatico, afferma l’Agha a NRK.

L’Agha afferma che il museo utilizzerà l’intelligenza artificiale per creare nuove intersezioni tra arte e persone, nonché per rendere la collezione d’arte più accessibile.

– Dice: – Vogliamo che le persone si siedano e partecipino al processo creativo, oltre a creare un punto d’incontro tra il pubblico e la linea di Monk.

READ  Sofia Vergara: - Dà fuoco a Internet

More articles

Latest article