Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’Italia non è per il cibo artificiale

L’Italia non è per il cibo artificiale

L’Italia è stato il primo Paese a legiferare contro il “cibo artificiale” e il cibo.

Spento Romy è romana.

Il disegno di legge che vieta sia la produzione che la commercializzazione di alimenti e foraggi artificiali è stato approvato dall’Assemblea nazionale con una maggioranza di 93 favorevoli, 28 astenuti e 33 astenuti. Il disegno di legge include anche una disposizione che vieta la parola “carne” per alimenti derivati ​​da proteine ​​vegetali.

L’opposizione italiana al cibo artificiale è più diffusa tra il popolo italiano che in parlamento. Il sondaggio di Notosondaggi suggerisce il 74% di consensi al disegno di legge.

Questa stampante Novità EFA (Agenzia Europea per l’Alimentazione)..

Abbiamo già scritto qui su steigan.no che l’Italia ha vietato il cibo per insetti in molti dei suoi prodotti.

Il crescente utilizzo in cucina di farine ricavate da grilli, locuste e larve di insetti ha incontrato una feroce opposizione in Italia, dove il governo ne sta vietando l’uso nella pizza e nella pasta e lo sta bandendo dagli scaffali dei supermercati.

In una recente indagine condotta da Coldiretti e Ixè, il 54% degli intervistati si è dichiarato contrario all’uso degli insetti negli alimenti, mentre il 24% si è dichiarato indifferente al suo utilizzo. Solo il 16% era favorevole e il 6% non ha voluto rispondere.

Coldretti (Federazione Nazionale Coltivatori Diretti) è la più grande associazione di rappresentanza dell’agricoltura italiana.

Goldretti – tra gli altri – fa riferimento anche ai dubbi espressi nel primo rapporto FAO – OMS sul “cibo a base cellulare”, ritenuto più chiaro del termine “coltivato” (ad esempio “carne coltivata”). Elenca 53 potenziali rischi per la salute associati agli alimenti prodotti in laboratorio, dalle allergie ai tumori.

READ  Nota del vino: Ricetta: Il vino per pizza per eccellenza

Ettore Brandetti, presidente di Coldretti, fa riferimento al “principio di precauzione” e sfida altre aziende europee che hanno approvato questi prodotti creati in laboratorio, e ritiene che si debba concludere che questi prodotti non sono equivalenti al cibo, ma che dovrebbero essere confrontati. Prodotti di qualità farmaceutica.

Al momento non ci sono altri paesi che conosciamo che hanno un tale divieto, quindi si spera che si diffonda.

Il premier Giorgia Meloni ha detto dopo la decisione quando ha incontrato un gruppo di Goldretti davanti a Palazzo Sigi: Non potevamo fare a meno di festeggiare con i nostri agricoltori la mossa che pone l’Italia all’avanguardia nella tutela dei consumatori, non solo nella tutela delle eccellenze agroalimentari italiane, per noi particolarmente importanti.

Il disegno di legge prevede che la vendita, l’importazione, la produzione per l’esportazione e ogni distribuzione siano vietate, e saranno comminate multe da 10.000 a 60.000 euro e il sequestro del prodotto.

Durante il dibattito che va avanti da tempo, il ministro dell’Agricoltura, Francesco Lolloprigida, ha sottolineato che la legge sottolinea una forte volontà di tutelare la salute dei cittadini, un’agricoltura con diversità biologica e un ambiente sicuro.

Questo è Lo ha confermato anche il ministro della Salute Horacio Shilasi. Mette in risalto la salvaguardia del patrimonio della nazione italiana e della nostra cultura alimentare agraria basata sulla dieta mediterranea.

Carne Syndetica, Arriva il no dell’Italia: Cosa dies il ddl e quali sono le sancioni

Fermata per la carne sintetica in Italia: arrivo insalata di triglie

Speriamo che più paesi seguano l’esempio.

PropagandaSupportaci