lunedì, Luglio 22, 2024

L’Italia viene salvata da affascinanti alieni

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

L’esperto pasticciere indossa un grembiule bianco e un cappello da cuoco. Lavorare bene e a lungo l’impasto. Il negozio di pasta Fraschetti si trova in una stretta strada acciottolata nel quartiere di Trastevere. Emette un forte sfrigolio quando si passa la pasta attraverso una grande macchina per laminazione. Alla fine si ottiene una striscia di pasta lunga, larga e sottile che sembra un pezzo di stoffa steso su un rotolo da bucato. Lo posiziona su un grande tavolo da cucina e lo taglia in pezzi adeguati utilizzando una sfoglia per pizza. Ancora una volta, si sente un forte lamento mentre l’impasto viene fatto passare attraverso la macchina da taglio. Tirare fuori delle lunghe strisce di pasta: i tonerelli.

– A causa della crisi economica gli italiani acquistano meno pasta fresca, ma per fortuna arrivano sempre più stranieri. Chiaramente non ne hanno mai abbastanza di pasta italiana, dice.

Un raggio di luce nel buio economico

Le cattive notizie economiche sono in lista d’attesa in Italia, ma il settore alimentare e delle bevande rappresenta un’eccezione. Secondo le recenti previsioni dell’Istat, quest’anno l’Italia esporterà due milioni di tonnellate di pasta, con un aumento del 6% rispetto all’anno precedente. Il volume degli scambi mostra un aumento corrispondente. Secondo gli esperti italiani di numeri quest’anno si raggiungerà i 2,8 miliardi di euro. Si prevede che la produzione totale italiana di pasta raggiungerà i 3,3 milioni di tonnellate, con un fatturato di 4,6 miliardi di euro.

Anche le prelibatezze italiane come il prosciutto di Parma, il parmigiano e l’olio d’oliva sono come il pane caldo. Secondo l’Istat quest’anno l’Italia esporterà prodotti agricoli per un valore di 34 miliardi di euro, con una crescita del 7 per cento rispetto al 2012.

READ  Economia e affari, Modum | Courtney (29) progetta e produce borse in pelle per il mercato del lusso

Tiene traccia delle carenze globali di vino

Il successo delle esportazioni è urgentemente necessario in un’economia che, secondo la Banca Mondiale, diminuirà dell’1,8% nel 2013, dopo diversi anni di declino. Secondo l’agenzia statistica dell’Unione europea Eurostat, il tasso di disoccupazione è salito al 12,5%, mentre quello giovanile ha raggiunto il 40,4%. L’Italia ha il debito nazionale più grande d’Europa e, in termini di percentuale del prodotto nazionale lordo, è superata solo dalla Grecia. Il debito nazionale ammonta a poco più di 16.000 miliardi di corone norvegesi, ovvero circa il 130% del PIL.

Prendi una tazza

Nella cucina di Claudio Fraschetti sfrigolano diverse pentole. Profumi meravigliosi riempiono la stanza. Fraschetti e il sous chef Pasquale Cecchi, 75 anni, friggono polpette e passere. Cuocere a fuoco lento i bollitori di sugo per la pasta su un fornello a gas. Per superare la crisi economica, il pasticcere ha ampliato la sua bottega con una caffetteria. All’ora di pranzo la sala si riempie di gente che mangia deliziosi primi piatti, polpette al sugo e passera fritta nel burro, che accompagnano con il vino. Molte persone vengono solo per una chiacchierata e un bicchiere di vino.

– Comunque vendo vino sempre meno. “Penso che gli italiani bevano meno perché non possono permetterselo”, dice il pastaio.

Claudio Fraschetti taglia grandi piatti di pasta. Quest’anno l’Italia ha stabilito un record per le esportazioni di carne suina, vino e pasta.
immagine: Scritto da Cristiano Al

È sostenuto dall’organizzazione agricola Coldiretti. Il consumo di vino in Italia quest’anno sarà il più basso dall’unificazione del Paese nel 1861. Ogni italiano quest’anno berrà in media 40 litri di vino, mentre prima dell’inizio della crisi nel 2007 ne bevevano 45. Negli anni ’70, invece, , gli italiani bevevano fino a 110 litri di vino all’anno. – Negli ultimi 25 anni il vino è diventato un prodotto gradevole e non fa più parte della dieta base degli italiani. Quindi i consumi sono più vulnerabili alle oscillazioni economiche, sottolinea Michele Fino, docente dell’Università Gastronomica di Pollenzo.

La mafia governa il mercato europeo della cocaina con il pugno di ferro

Allo stesso tempo, l’esportazione di vino è in forte aumento. Mentre nel 2000 l’Italia vendeva all’estero il 28% della sua produzione di vino, quest’anno la quota raggiungerà il 50%. Secondo la Coldiretti, nel 2013 le esportazioni raggiungeranno per la prima volta i 5 miliardi di euro.

Spaghetti e cannelloni

Al ristorante Frachetti di Roma la pasta è protagonista e, nonostante il numero di turisti sia in forte crescita, la clientela è ancora prevalentemente italiana. Gli italiani mangiano in media 26 chilogrammi di pasta all’anno. La maggior parte dei clienti sono di mezza età o più anziani.

– I giovani sono più interessati ad essere veloci ed economici. I giovani italiani stanno perdendo il gusto per il cibo buono e di alta qualità, dice il pastaio.

Scandali attendono il Papa

Si ritiene che siano invece i giovani ad acquistare la pasta prodotta industrialmente. L’industria aggiunge additivi artificiali in modo che la pasta rimanga fresca per settimane. Sfortunatamente, sempre più persone pensano che questo abbia un buon sapore. Non sono disposti a pagare di più per ottenere il gusto vero e naturale, sospira.

Gocce preziose

Nelle grinfie della mafia

More articles

Latest article