Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Liv Lundy (1961-2022)

ex dirigente Al Fridtjof Nansen Institute (FNI) Lev Lundy è morto il 30 settembre, all’età di 61 anni.

Liv Lundy È arrivato come studente al Fridtjof Nansen Institute (FNI) di Polhøgda nel 1988 dove ha scritto la sua tesi principale sulla scienza e la politica della cooperazione climatica ed è stato ricercatore fino al 1995. Nel 2012 è tornato in FNI, poi direttore fino alla fine del 2014.

Liv Lundy (1961-2022)

Gli interessi professionali di Lev Ruota attorno all’ambiente, all’energia e alla cooperazione internazionale. Questi sono temi centrali nella ricerca FNI, che anche Leiv ha svolto un ruolo importante nello sviluppo. Inoltre, ha guidato un più ampio progetto di riforme nel sistema delle Nazioni Unite. Quando ha lasciato FNI per la prima volta, è passato a Econ Analyze, ma ha continuato la sua stretta collaborazione con FNI in materia di politica ambientale ed energetica.

Nel 1997 è stato nominato Al Segretario di Stato presso il Ministero degli Affari Esteri sotto la supervisione del Ministro dello Sviluppo nel governo di Bondevik I. Ha ricoperto la stessa posizione per un certo periodo a Bondevik II. Qui ha lavorato su temi vicini a quelli a cui era interessato come ricercatore. Dopo il suo periodo come politico, Lev è diventato un funzionario pubblico nel ministero. Poi petrolio e sviluppo divennero per lui un’area centrale. Alla fine, ha condotto un più ampio progetto di ricerca sugli interessi norvegesi ed è stato coautore di un libro sullo stesso argomento. il libro Cosa potrebbe essere la Norvegia nel mondoche ha scritto con Henrik Thun, era più loquace.

in questo affare Dimostra la capacità di Lev di vedere contesti e tendenze più ampi. Quindi è sembrato naturale che cercasse di tornare nel mondo della ricerca, dove l’opportunità di approfondimento sarebbe preferibile a un ministero con scadenze brevi e un’agenda mediatica.

Come regista, Lev ha ottenuto Ha rapidamente ottenuto una panoramica completa dei numerosi progetti dell’Istituto ed è diventato un forte sostenitore e commentatore dei progetti. Essendo una persona sociale e attiva, è diventato un punto focale naturale delle feste e delle attività sportive di Polhøgda. Il suo lavoro professionale era in gran parte in giro per la Cina e visitava spesso il paese. Qui è stato in grado di sviluppare una rete di contatti di ricerca in un momento in cui i contatti ufficiali norvegesi erano bassi. Lev è sempre stato molto positivo e ha visto le opportunità, ha trovato grande piacere nel giocare bene con gli altri con il suo stile di guida molto accurato e gentile e aveva capacità di comunicazione straordinariamente forti.

Gestione delle foglie Non è durato così a lungo. Si permise di tornare al Dipartimento di Stato. Leif era anche molto affascinato dal ritmo e dalla vicinanza delle decisioni. Ma anche in questo periodo è stato in contatto regolare con amici ed ex colleghi dell’FNI, sempre interessati allo scambio di opinioni sugli sviluppi nel mondo. Anche dopo che gli è stata diagnosticata una grave malattia, ha mantenuto con entusiasmo il suo lavoro nel Dipartimento di Stato e la sua vasta rete di contatti.

Liv ci mancherà tanto, ma anche tanti bei ricordi. Il nostro pensiero va alla famiglia.

A nome di amici e colleghi dell’Istituto Fridtjof Nansen

Arild Moe, Gørild Heggelund, Jon Birger Skjærseth e Per Ove Eikeland.

READ  Il raffreddamento dopo l'arresto cardiaco non offre migliori possibilità di sopravvivenzaبقاء