Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Lo Stretto di Oslo torna a crescere

Un nuovo sondaggio mostra che le aree di riproduzione di pesci e piccoli animali nel fiordo di Oslo andranno perse. Sono importanti misure ambientali forti per riunire le anguille e l’erba zuccherata.

Le anguille del fiordo di Oslo sono ricoperte di alghe filamentose. Foto: Eli Rinde/NIVA

Un nuovo sondaggio mostra che le aree di riproduzione di pesci e piccoli animali nel fiordo di Oslo andranno perse. Sono importanti misure ambientali forti per riunire le anguille e l’erba zuccherata.

19. giugno 2021

Per conto dell’Agenzia per l’ambiente norvegese, l’Istituto norvegese per la ricerca sull’acqua (Niva) ha mappato importanti tipi di habitat nel fiordo di Oslo. Alcuni esempi di queste comunità marine sono le foreste di alghe e alghe.

Il nuovo sondaggio è allarmante. I risultati mostrano un chiaro sviluppo negativo nello Stretto di Oslo. È quindi importante prendere nuove misure, affinché il fiordo non cresca di nuovo, afferma Elaine Hambro, direttrice di agenzia norvegese per l’ambiente.

60 misure che salveranno lo Stretto di Oslo

Alghe e alghe formano prati e boschi densi sul fondo del mare. Serve come nascondiglio, area di riproduzione e ciotola di cibo per un certo numero di animali e piante marini.

I sondaggi mostrano un ulteriore deterioramento nello Stretto di Oslo. Quando la foresta di alghe diabetiche scompare, scompaiono anche la crescita e l’habitat di molte altre specie.

Questo potrebbe essere un motivo importante per cui ci sono meno merluzzi costieri nel fiordo di Oslo.

Leggi anche

Oslo ha bisogno di un giardiniere subacqueo

A lungo termine, c’è il rischio che l’aumento delle temperature e l’aumento del deflusso dalla terra portino a un aumento del livello di nutrienti e della quantità di particelle nel mare.

READ  Analista russo avverte di un nuovo ordine mondiale

Ciò rafforzerà lo sviluppo negativo e renderà più difficili le aree di riproduzione di pesci e altre specie marine nel fiordo di Oslo.

L’Agenzia norvegese per l’ambiente fa questo per migliorare le condizioni nel fiordo di Oslo:

  • Il 30 marzo di quest’anno il governo ha adottato un piano d’azione globale per lo stretto di Oslo, a seguito delle proposte dell’Agenzia per l’ambiente norvegese e di altre agenzie.
  • Il piano prevede una serie di misure ambientali per ridurre le emissioni. L’impatto maggiore sul fiordo sembra essere legato alla ricarica, dovuta principalmente al deflusso agricolo e alle acque reflue delle famiglie.
  • Sono stati inoltre inviati per consultazione nuovi piani di gestione dell’acqua, con misure concrete da attuare nei prossimi sei anni per ottenere una buona situazione ambientale nel fiordo di Oslo.
  • Il nuovo piano d’azione del governo per il controllo delle specie aliene nocive contiene misure contro le specie aliene in Norvegia. L’Agenzia norvegese per l’ambiente sta dando seguito a questo.
  • Una buona conoscenza della biodiversità è un fattore chiave per essere in grado di prendersi cura dell’ambiente e garantire uno sviluppo sostenibile. Molti altri importanti tipi di habitat saranno mappati nel fiordo entro il 2023.

La mappatura della natura marina ci aiuta a comprendere la relazione tra specie, tipi di habitat e condizioni ambientali lungo la costa. E per identificare le azioni giuste per migliorare le condizioni ambientali nei fiordi di Oslo, afferma la direttrice ambientale Elaine Hambro.

Fonte: agenzia norvegese per l’ambiente