lunedì, Luglio 15, 2024

– L’Oslo Bors avrebbe dovuto agire – E24

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Robert Ness ritiene che Børsen avrebbe dovuto declassare Univid dalla lista principale dopo pesanti critiche e uno “sviluppo miserabile”. Il ricercatore della NHH Finn Kinserdal ritiene che Finanstilsynet potrebbe interferire con le indagini sulla società.

Pubblicato: Pubblicato:

Univid, precedentemente nota come DLTX, ha ricevuto un forte rimprovero da Oslo Børs per il caos contabile e la mancanza di informazioni sul mercato sulla vendita urgente di filiali, ma Børsen non applicherà sanzioni più severe contro la società.

Il direttore degli investimenti di Nordea, Robert Ness, ritiene che Börsen avrebbe dovuto farlo.

Univid è quotata alla Borsa di Oslo dal 2006 con diversi nomi e progetti. Le critiche di Borsen arrivano tra l’altro dopo che l’azienda ha venduto frettolosamente alcune filiali alla vigilia di Pasqua.

– Si sarebbe dovuto intervenire

– Dal punto di vista degli investitori, se essere alla Borsa di Oslo è un segno di qualità, dovrebbero agire, dice Næss a E24.

Crede che Oslo Børs avrebbe dovuto declassare la società a uno Mercato più piccoloMercato più piccoloCi sono molti mercati in borsa. La Borsa di Oslo ha i requisiti più severi, mentre il mercato Euronext Growth è regolamentato in modo più leggero e Euronext Expand, tra gli altri, ha requisiti di ammissione più leggeri.. Ness sottolinea di guardare la questione dal punto di vista dell’investitore, senza avere una conoscenza approfondita delle operazioni formali della borsa.

Næss ha ripercorso la storia di Univid e oggi è un’azienda alla ricerca di nuovi business.

Næss ritiene che fosse “abbastanza giusto” che la società fosse quotata alla Borsa di Oslo nel 2006, perché allora la capitalizzazione di mercato era “al centro dell’albero” tra le 200 società del listino principale e perché alternative come Euronext La crescita non esisteva nel mercato poco regolamentato che esisteva a quel tempo.

– Quindi da allora lo sviluppo è stato infelice. Dice che se gli investitori pensano che la quotazione principale sia un segno di qualità, allora l’exchange sta rendendo un po’ un disservizio perché la capitalizzazione di mercato è così bassa e la società ha avuto una reazione negativa contro di essa.

-La maggior parte delle persone dovrebbe stare lontana

Secondo l’audit di Næss, dalla sua quotazione in borsa ogni anno l’azienda ha registrato perdite, che complessivamente ammontano a circa 1 miliardo di corone.

– I dati storici deboli e le difficoltà nel trovare valore nelle società in portafoglio fanno sì che si tratti di un titolo da cui la maggior parte delle persone dovrebbe stare alla larga, afferma.

READ  - Perché diavolo è qui?

“Non posso escludere che ci sia molto valore nelle società in portafoglio, ma se vuoi investire qui, devi avere un’ottima conoscenza di queste società e avere fiducia che possano offrire un valore significativo”, Ness aggiunge.

Dubita che Univid possa essere quotata oggi alla Borsa di Oslo.

Il rischio che la Borsa di Oslo e gli investitori si trovano ad affrontare quando le società “zombi” possono ancora quotarsi è che la quotazione in borsa non è necessariamente un segno di qualità.

E24 ha inviato al management di Univid le critiche che emergono nel caso, ma non ha ricevuto risposta dalla società.

Continua a leggere E24+

DLTX necessita di un’accurata pulizia di primavera

Perseguire le aziende “vuote”.

Il direttore della borsa Ovind Amundsen afferma che le aziende che hanno subito cambiamenti significativi, e che in pratica appaiono come società “vuote”, vengono regolarmente seguite dalla borsa e di solito non potranno rimanere quotate a lungo.

– Dice: – Non vogliamo aziende così vuote a Oslo Bors.

Se una società vuota deve essere fusa con un’altra società, Børsen richiederà gli stessi documenti richiesti per una nuova quotazione.

Amundsen afferma inoltre che Oslo Børs non ha l’autorità per “declassare” la società dalla quotazione principale a uno degli altri mercati, come Euronext Expand o Euronext Growth.

– Se attuato, dovremo decidere di delistare la società nello stesso momento in cui la società presenta domanda di ammissione in uno dei due mercati sopra menzionati.

In generale, secondo il direttore della Borsa, la Borsa può valutare se la società è idonea a continuare la quotazione in caso di cambiamenti importanti, ma solo dopo una valutazione complessiva di diversi fattori come valore di mercato, numero di azionisti e dispersione.

Leggi anche

DLTX ha venduto aziende per 1 dollaro Presidente del consiglio di amministrazione: ammette informazioni “false”.

Penso che l’Autorità norvegese di vigilanza finanziaria potrebbe intervenire

Il professore associato Finn Kinserdal presso la Norwegian School of Economics (NHH) è un esperto in contabilità e revisione contabile.

READ  Consumatore, Gardermoen | Raddoppia il prezzo a Gardermoen: - Questi sono prezzi molto bassi

Egli ritiene che forse Finanstilsynet dovrebbe esaminare le circostanze emerse riguardo all’Univid.

– Penso che Finanstilsynet lo stia leggendo con interesse. Non sorprende che Finanstilsynet abbia presto indagato sul revisore dei conti o sulla società, o su entrambi.

Professore associato Finn Kinserdal presso la Norwegian School of Economics.

Kinserdal valuta la lettera di Oslo Børs a Univid poiché la società riceve forti critiche e le osservazioni del revisore vengono evidenziate da Børsen.

Secondo Kinserdal le condizioni alle quali fa riferimento Oslo Borse individualmente non sono entusiasmanti, ma reagisce alla portata generale delle osservazioni contro l’azienda – anche perché è quotata all’Oslo Borse, dove i requisiti sono più severi che sui mercati più piccoli.

– La portata del caso e il fatto che vi siano scarsi controlli interni, scarsa efficienza e numeri elevati è ciò che rende tutto ciò estremamente insolito.

È frequente che vi siano disaccordi tra il revisore e l’azienda prima della preparazione dei resoconti finanziari, afferma Kinserdal. Ma questo vale soprattutto per piccoli importi e di solito viene concordato in anticipo prima della rendicontazione.

– La particolarità qui è che i numeri sono molto grandi. La seconda è che ci sono molte cose.

Leggi anche

Il revisore non può garantire 150 milioni di beni DLTX

L’Autorità norvegese di vigilanza finanziaria è consapevole delle critiche

Finanstilsynet afferma di essere a conoscenza del contenuto del messaggio di Borsen.

– Finanstilsynet monitora costantemente questo tipo di informazioni verso le società di revisione e le società emittenti, dice a E24 il consulente per le comunicazioni di Finanstilsynet Joe Singstad.

Inoltre Revisjon, un revisore dei conti di Univid, afferma di non poter commentare la questione a causa di un obbligo di riservatezza nei confronti della società.

More articles

Latest article