Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’S&P 500 è aumentato di oltre il 27 percento nel 2021: – Ora gli anni facili sono finiti, afferma il capo dell’analisi Pål Ringholm

A Wall Street, le borse erano aperte anche a Capodanno. Tutti i principali indicatori hanno visto uno sviluppo relativamente costante durante la notte di Capodanno, prima che cadessero tutti al ribasso per la giornata:

  • Il Dow Jones Industrial Average, composto da 30 titoli presumibilmente importanti accuratamente selezionati, è sceso dello 0,16%.
  • Il Nasdaq Composite Index, che è dominato da società tecnologiche, è sceso dello 0,61 percento.
  • L’indice Standard & Poor’s 500, composto da 500 delle più grandi società quotate negli Stati Uniti, è sceso dello 0,26 percento.

“Compra un anello da immersione”

L’ampio S&P 500 ha chiuso in rialzo del 27,2% nel 2021 e ci sono stati pochi cali durante l’anno. La pandemia, la crisi dell’offerta, le nuove variabili Corona, la riduzione degli acquisti di supporto o gli annunciati aumenti dei tassi di interesse non sono riusciti a soffocare l’euforia nel mercato.

Il Nasdaq Composite e il Dow Jones sono aumentati rispettivamente del 21,3 e del 18,7% nel 2021.

“Ciò che è stato bello e sorprendente è che non appena si è verificata una leggera flessione nel mercato azionario, l’acquisto dell’anello di regressione è stato subito presente con un potere regressivo di cui non si può fare a meno di essere invidiosi”, afferma il capo dell’analisi presso Sparebank 1 Mercati.

L’S&P 500 è sceso di quasi il 35% quando la pandemia ha colpito, ma si è ripreso entro sei mesi. L’indice è ora aumentato di quasi il 115% da marzo 2020. Un aumento del 27,2 percento rende il 2021 il terzo anno migliore per l’indice dal 2000, con il 2013 e il 2019 (rispettivamente 29,6 e 28,9 percento) migliori.

Secondo Bloomberg La stessa quantità di denaro è stata investita in fondi azionari quest’anno come negli ultimi due decenni messi insieme.

READ  Compact Cruiser EV - L'auto elettrica più potente di Toyota

– Allora puoi fare la domanda: quanto ritorno sulla più grande borsa del mondo di gran lunga la più grande borsa dopo la crisi finanziaria può essere attribuito alla Federal Reserve statunitense, chiede Ringholm, felice di rispondere lui stesso:

Stimiamo che circa la metà dell’aumento di valore sia il risultato della politica dei tassi di interesse zero e dell’allentamento quantitativo, afferma Ringholm.

– Sono finiti gli anni facili

Negli ultimi due anni, i mercati sono stati caratterizzati da tagli dei tassi di interesse e acquisti di supporto dalla Federal Reserve statunitense. Quando è scoppiata l’epidemia, la Federal Reserve ha abbassato il tasso di riferimento a zero, allo stesso tempo ha iniziato a sostenere l’acquisto di titoli di stato e titoli ipotecari di diverse migliaia di miliardi di corone al mese, prima di abbassare l’importo a 120 corone. miliardi di dollari al mese.

A novembre e dicembre, la Fed ha abbandonato il suo supporto all’acquisto di $ 15 miliardi. Tuttavia, la banca centrale ha recentemente deciso di dimettersi di 30 miliardi di dollari al mese da gennaio per battere l’accelerazione dell’inflazione. I membri della Fed ora si aspettano tre aumenti dei tassi l’anno prossimo.

READ  L'imprenditore ha lavorato così tanto da finire in ospedale: - Potrebbe non essere saggio gestire un'impresa quando non hai nemmeno imparato a pulire la stanza

Il 3 gennaio, Ringholm inizierà come gestore degli investimenti presso il fondo pensione Capital Region Health Funds. L’intenditore di mercato non ritiene che ci sarà un ballo sulle rose.

Penso che il 2022 sarà un anno più turbolento per gli investitori. Sono finiti gli anni facili. Ora vedremo tassi di interesse più alti. Allo stesso tempo, le banche centrali smetteranno di stimolare i mercati finanziari senza restrizioni acquistando titoli, afferma Ringholm.

Allo stesso tempo, l’economia è la più importante per i profitti aziendali. Ma se questo ha qualcosa a che fare con il fatto che metà dell’aumento di valore nel mercato azionario è dovuto al comportamento della banca centrale, solleva preoccupazione per il futuro, dice Ringholm.

Dieci potenziali shock

L’indice dei prezzi al consumo (IPC) statunitense è aumentato del 6,8 per cento su base annua a novembre, mentre l’IPC rivisto per i prezzi dell’energia e dei generi alimentari (inflazione di fondo) è aumentato del 4,9 per cento. Per kpi, questo è stato il numero più alto in quasi 40 anni. Dopo la precedente riunione di politica monetaria di metà dicembre, il presidente della Fed Jerome Powell ha chiaramente citato l’inflazione come la ragione principale del cambiamento di politica monetaria.

Ringholm ha recentemente scritto la sua ultima rubrica su DN dove ha presentato, tradizionalmente, dieci potenziali shock per i mercati finanziari nel 2022.

Ringholm ritiene che un aumento dei prezzi sarà innanzitutto importante da perseguire l’anno prossimo. Ringholm afferma che l’inflazione è temporanea o addirittura superiore a quanto pensavamo all’inizio dell’anno.

Abbiamo ancora problemi nella catena del valore e ora i prezzi dell’energia stanno salendo. Alla fine potrebbe esserci un aumento di stipendio, e poi ci mettiamo al lavoro, dice Ringholm.

Tra gli altri rischi, Ringholm indica i costruttori di case cinesi carichi di debiti, i conflitti geopolitici e, ultimo ma non meno importante: il mercato delle criptovalute con un valore totale di oltre 20.000 miliardi di NOK.

READ  Triplo record a Wall Street mentre Snap volava - E24

– La criptovaluta ha un prezzo completamente oltre i valori. Alcuni possono sopravvivere, ma altri semplicemente assomigliano a uno schema Ponzi, quindi il mercato può crollare, dice Ringholm.

E il più grande shock possibile per tutti loro:

– che il 2022 sarà buono come il 2021. Riteniamo che sarà molto più difficile generare rendimenti nei prossimi 10 anni, rispetto ai 10 anni alle spalle, afferma Ringholm.

forte in europa

Un certo numero di altri scambi hanno il loro ultimo giorno di negoziazione venerdì. Il FTSE 100 della Gran Bretagna e il DAX della Germania sono aumentati di circa il 15% quest’anno, mentre il CAC della Francia è cresciuto di circa il 30%. L’indice paneuropeo, Euro Stoxx, è cresciuto del 22,47 percento quest’anno, secondo la CNBC.

In Asia, l’indice Nikkei 225 della Borsa di Tokyo e l’indice cinese Shanghai C Composite sono aumentati rispettivamente del cinque e del 4% nel 2021, mentre l’indice Hang Seng di Hong Kong è sceso di quasi il 15%, appesantito da diversi giganti. Tencent.

La borsa di Oslo ha avuto il suo ultimo giorno di negoziazione giovedì, con l’indice principale in aumento dello 0,2 percento fino a un aumento complessivo del 23,35 percento nel 2021.(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un collegamento che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.