Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’Unione Europea può ridurre le sue importazioni di petrolio russo durante l’anno

Australia, Regno Unito, Canada e Stati Uniti hanno tutti adottato un divieto di importazione di petrolio russo. Ma nessuno di questi paesi era un importante importatore. Ora i 27 paesi dell’UE stanno seguendo un po’ titubanti. Mercoledì è stata avanzata una proposta di boicottaggio che ora sarà presa in considerazione dagli Stati membri.

Tutti gli Stati membri devono accettare di applicare le sanzioni.

La proposta della Commissione europea è di vietare l’importazione di greggio entro sei mesi, mentre gli Stati membri hanno tempo fino alla fine dell’anno per eliminare gradualmente i prodotti petroliferi russi come diesel e benzina.

“Non sarà facile”, ha affermato la presidente della Commissione Ursula von der Leyen presentando il pacchetto al Parlamento europeo mercoledì mattina.

Questo è il sesto pacchetto di sanzioni dell’Unione Europea. Tra l’altro, molte banche sono state escluse dal sistema di pagamento Swift.

Questo pacchetto non include le sanzioni imposte all’importazione di gas russo, ma la Russia ha smesso di esportare gas in Polonia e Ungheria a causa delle differenze sulla forma dell’accordo.

Leggi anche: Putin riuscirà nelle sue tattiche di governo e di divisione nei confronti dell’Unione Europea?

miliardi di euro

Circa il 26 per cento del petrolio utilizzato dai paesi dell’UE proviene dalla Russia. Ciò equivale a 3,8 milioni di barili di petrolio ogni giorno. La dipendenza dal petrolio russo varia notevolmente da un paese dell’UE a uno nell’UE. Molti paesi più orientali sono più dipendenti di altri. C’è anche il più grande sospetto contro il boicottaggio, non da ultimo in Ungheria, che oggi non ha altra fonte di petrolio che la Russia.

Ma il boicottaggio petrolifero danneggerebbe anche la Russia. Dall’inizio della guerra, i paesi dell’Unione Europea hanno acquistato petrolio dalla Russia per oltre 20 miliardi di euro, secondo Cera.

Il presidente russo Vladimir Putin sta rivolgendo la sua attenzione all’Asia quando si tratta di trovare alternative che possano acquistare petrolio russo che l’Europa non vuole.

Chi compra?

Cina e India, che non hanno condannato la guerra russa in Ucraina, sono i due paesi che ora acquistano petrolio russo senza problemi.

Ma la posizione dell’India sulla guerra in Ucraina viene in cima a questo L’agenda arriva al premier indiano Narendra Modi Ora in tournée europea.

Ad esempio, la più grande raffineria asiatica, la cinese Sinopec, ha recentemente firmato un accordo petrolifero a lungo termine per acquistare petrolio russo. A Il messaggio dice l’azienda Segue i principi aziendali.

Le società europee che hanno lasciato la Russia si libereranno delle loro partecipazioni nel settore petrolifero e del gas russo.

Gli interessi cinesi ora stanno negoziando Acquisisce la proprietà della Shell Oil Company nell’impianto russo di GNL.

L’Indonesia, che detiene la presidenza del G-20, è “seduta sul recinto” nel conflitto tra Russia e Ucraina. Stato indicato in precedenza Il nostro interesse ad acquistare petrolio russo a buon prezzo in una nuova raffineria.

problema di mercato

Anche prima che la Commissione europea presentasse una proposta per boicottare il petrolio russo, gli attori del mercato petrolifero europeo proteggevano il petrolio russo. Il norvegese è parzialmente di proprietà statale A marzo, Equinor ha interrotto il commercio di petrolio e prodotti petroliferi russi. Questo è stato il risultato del ritiro della società anche dalla Russia, dove ha collaborato con il gigante petrolifero russo Rosneft.

READ  L'auto a guida autonoma Toyota si scontra con un atleta ipovedente durante le Paralimpiadi

Shell Oil, il più grande commerciante di petrolio del mondo, ha ricevuto il pepe alcune settimane fa in cambio del fatto che la società fosse vista come una porta sul retro del petrolio russo nell’Unione Europea. Ma Ora hanno inasprito i requisiti e non solo smetteranno di scambiare petrolio greggio russoma anche prodotti raffinati con olio russo.

Eni italiani e BP

La società italiana Eni, di cui lo Stato possiede un terzo, ha interrotto gli acquisti di petrolio russo. Ha anche il colosso petrolifero BP, che quindi segue il divieto di importazione britannico. La finlandese Neste non acquista più petrolio russo sul mercato spot Ha annunciato che non stipulerà nuovi contratti a lungo termine quando la giornata terminerà a luglio. Energie totali francesi Ha ancora affari in Russia, ma la società ha annunciato che non acquisterà petrolio russo per le sue raffinerie in Polonia e Germania.

La società spagnola “Repsol” ha smesso di acquistare petrolio russo. In Austria e Romania, dove l’austriaco ÔMV possiede le raffinerie, aveva precedentemente annunciato che avrebbe gradualmente eliminato il petrolio russo. La portoghese Galp Energia ha annunciato il phase-out.

Scrive in Bulgaria, dove la raffineria è di proprietà della russa Lukoil, si continua a usare petrolio russo Reuters in un articolo di recensione.

Da dove viene il nuovo olio?

A breve termine, le raffinerie di petrolio in Europa sono alla ricerca di petrolio tra i maggiori paesi esportatori di petrolio del Medio Oriente. Ma ci sono anche altri esportatori, come lo shale oil dagli Stati Uniti.

Questa Pasqua la Commissione Europea ha incontrato i vertici dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) Chi non può promettere di aumentare la produzione Per coprire la perdita di petrolio russo sul mercato europeo. La panoramica mostra che ad aprile la produzione OPEC è rimasta pressoché invariata rispetto a marzo Reuters.

READ  Offrirà un corso introduttivo all'insegnamento della lingua norvegese

D’altra parte, l’amministrazione dell’OPEC è stata chiara sul fatto che un boicottaggio del petrolio russo da parte dell’UE porterà a un aumento dei prezzi del petrolio. Lo sentirai di nuovo dalle pompe benzina e diesel.

Un barile di petrolio del Mare del Nord è stato scambiato, mercoledì, al prezzo di 104 dollari al barile. È quasi il 50 per cento in più rispetto a quando è iniziata la guerra.

A metà maggio, la Commissione Europea presenterà un piano più dettagliato per aumentare l’autosufficienza energetica dell’UE, chiamato RepowerEU. Qui discuteremo del fatto che maggiori risparmi energetici, come velocità autostradali inferiori e maggiori investimenti in veicoli elettrici contribuiranno a ridurre il consumo di petrolio.

Divieto con i buchi

Quando la Commissione Europea propone ora un boicottaggio del petrolio, lo fa per due importanti ragioni.

L’escalation della guerra da parte della Russia con una guerra brutale significa che il flusso di denaro dall’Unione Europea alla macchina da guerra di Putin deve essere fermato. Inoltre, la Germania ha fatto marcia indietro. Ha chiarito che eliminerà gradualmente il petrolio russo entro la fine del 2022.