Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Macron potrebbe combattere la guerra civile di cui mette in guardia

Questa settimana il presidente Emmanuel Macron ha lanciato un severo avvertimento: se Marine Le Pen vincesse le elezioni e imponesse il divieto del velo in pubblico, potrebbe essere la scintilla per una tanto attesa guerra civile. C’è da chiedersi: Macron soffre di una memoria a breve termine per quanto riguarda la repressione del velo che lui stesso ha detto che avrebbe introdotto? Che dire del 60% dei francesi vuole togliere il velo dai luoghi pubblici della Repubblica francese? È “estrema” come dovrebbe essere Le Pen, secondo Macron?

Stiamo facendo il conto alla rovescia degli ultimi tre giorni prima delle elezioni cruciali che si terranno domenica in Francia. La Repubblica dovrebbe continuare ad aggrapparsi alla falsa speranza che le terribili condizioni delle cose svaniranno miracolosamente come rugiada al sole, o che una nuova dieta entrerà nella presidenza con conseguenze devastanti sia per l’immigrazione che per l’Islam in cima all’agenda?

Mercoledì, in un dibattito televisivo con Marine Le Pen, il suo unico candidato presidenziale rimasto, Macron ha detto che quanto segue era che Le Pen voleva che il velo fosse fuori dagli occhi del pubblico:

“Rischi di creare una guerra civile”.

La domanda oggi è se debba mordere queste parole dentro di sé.

Il sondaggio d’opinione di Macron

Di recente, c’è stato un sondaggio sul tavolo francese che avrebbe dovuto indurre il presidente stanco mattutino a mettergli il caffè in gola. Fino al 60 per cento dei francesi, come Le Pen, vuole indossare l’hijab completamente lontano dai luoghi pubblici. In particolare, il 35% ha dichiarato di essere pienamente d’accordo con il divieto del velo nel settore pubblico, mentre il 25% è pienamente d’accordo. Solo il 16% non è d’accordo e il 24% non è d’accordo.

READ  Sorpresa: i capelli grigi possono riacquistare colore

I sondaggi di opinione sono stati condotti dalla CSA questa settimana (19 e 20 aprile) a favore di CNotizie.

Cosa dice Macron a questo forte segnale del suo popolo? Sono “estremisti di destra” che vogliono una guerra civile, o sono patrioti che sostengono i valori della repubblica laica? Per i francesi c’è una sola patria, e ci sono sempre più persone che non si sentono a casa a causa dell’Islam ampio, che amano mostrare la loro ideologia ove possibile. La paura naturale di questo sconvolgimento ideologico, peraltro nel Paese più laico d’Europa, dovrebbe essere visibile a ogni persona che vede, ascolta e pensa.

Misure rigorose dalla bocca di Macron

Ma torniamo ai primi di ottobre 2020, poco prima della decapitazione dell’insegnante Samuel Baty. Macron ha tenuto un discorso rivoluzionario sul separatismo islamico, che è un virus mortale per qualsiasi democrazia. Macron ha detto che l’Islam sta attraversando una crisi in tutto il mondo, e quindi la Francia deve ora controllare l’Islam che è visibile nella repubblica. In particolare, si tratta della soppressione del velo nel settore pubblico, possiamo segnalare.

E quali misure concrete ha promesso Macron ai suoi cittadini un anno e mezzo fa? Non era raro: Macron voleva inasprire la netta distinzione tra stato e religione che la Francia aveva introdotto nel 1905 per essere affinata. Secondo Macron, nessuna azione può fermare la lotta per escludere la religione dalla scuola e dall’intero settore pubblico.

  • Macron ha spiegato che la legge dà alle persone il diritto di scegliere liberamente la religione di loro scelta, ma che in nessun caso dovrebbero essere ammessi riferimenti religiosi esterni nelle scuole o nel settore pubblico.
  • Anche alle persone che forniscono servizi pubblici dovrebbe essere vietato indossare abiti religiosi. Macron non ha nascosto l’intenzione del governo di togliere il velo.
  • Lo Stato deve anche poter intervenire se le autorità locali si lasciano fare pressioni dagli islamisti affinché introducano liste religiose nelle scuole e nuotate segregate per sesso.
  • La Francia ha dovuto “liberare” l’Islam nel paese dall’influenza straniera, come il finanziamento delle moschee.
  • Le tasse universitarie a casa dovevano essere severamente limitate e dal 2021 in poi le tasse universitarie sono diventate obbligatorie per tutti. Questo per fermare le scuole islamiche segrete dove di solito le insegnanti indossano il niqab, dove ci sono preghiere obbligatorie per i bambini e così via.
READ  Queste cinque città indicano l'inquinamento atmosferico

vivi o no

Queste sono le misure più dure contro il separatismo islamico che sono arrivate da un leader politico dell’Europa occidentale del nostro tempo. L’unica differenza tra Macron e Le Pen è che lei vuole velare all’esterno dell’intero spazio pubblico (non nelle case o nelle moschee). Perché Macron pensi che la proposta di Le Pen sia così cattiva da portare a una guerra civile, quando le sue misure alquanto brutali non lo faranno, mi sembra un mistero. Fa anche parte di uno schema ideologico delle persone che presenta nell’indagine di cui sopra. Suppongo che Macron ora prima delle elezioni non voglia voltare le spalle alla maggioranza dell’elettorato francese?

Penso che il caso francese sia molto simile al caso svedese. Basta una scintilla prima che esploda. La scintilla potrebbe essere che qualcuno dice che brucerà il Corano e la violenza sottostante esplode in tutta la sua forza. Oppure potrebbe essere la scintilla – come abbiamo visto da molti anni in Francia – che la polizia, mentre arresta un “jeune” (un eufemismo per i giovani musulmani), farà del male alla persona, o nel peggiore dei casi il giovane morirà .

Questa è la nostra posizione: il rifiuto della democrazia e dello Stato di diritto che può portare alla lenta morte della democrazia.