sabato, Giugno 22, 2024

– Maggiore incertezza – E24

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Quest’anno potrebbero esserci meno tagli dei tassi di interesse nella zona euro di quanto previsto in precedenza.

Pubblicato: Pubblicato:

La versione breve

– Sono brutte notizie, dice a E24 Marius Gunsholt Hof, capo economista della Handelsbanken.

Si tratta dei dati salariali negoziati nell’Eurozona per il primo trimestre, presentati giovedì dalla Banca Centrale Europea.

READ  Oddstips, Calcio - EM | Il giocatore meno pagato d'Italia diventerà un pagliaccio contro il Belgio?

La Banca Centrale Europea ha già dimostrato in precedenza che i numeri contano quando si valuta il livello dei futuri tassi di interesse.

I dati mostrano una crescita salariale record del 4,7%, rispetto al 4,5% dell’ultimo trimestre dello scorso anno.

Continua a leggere E24+

Gli economisti sul primo taglio dei tassi: – È importante evitare l’indebolimento della corona

“Se si ottiene un livello salariale più in linea con l’obiettivo di inflazione nel tempo, dobbiamo scendere a circa il 3% di crescita salariale nell’eurozona”, afferma Hof.

Gli analisti si aspettavano che la crescita dei salari si sarebbe stabilizzata o sarebbe diminuita.

La crescita dei salari è uno dei tanti fattori importanti quando le banche centrali fissano il tasso di interesse di riferimento, perché salari più alti contribuiranno a esercitare pressione sui prezzi.

– La Norges Bank subirà ritardi

La BCE ha precedentemente indicato chiaramente che la decisione sui tassi di interesse nella riunione del 6 giugno si concluderà con un taglio dei tassi.

“L’aspettativa è che il tasso di interesse scenda, ed è ancora pienamente prezzato”, afferma Hof.

Secondo lui la BCE è più ambigua riguardo alle aspettative sui tassi di interesse dopo giugno.

– Forse è qui che vediamo i cambiamenti. Quest’anno la Banca Centrale Europea ha effettuato tre tagli dei tassi di interesse, mentre due tagli e mezzo sono ormai scontati, dice il capo economista.

“C’è più incertezza qui ora”, aggiunge.

Da noi il livello dei tassi d’interesse all’estero è importante, tra l’altro, per ragioni legate al corso della corona. Se i tassi di interesse all’estero sono più alti che in Norvegia, la corona potrebbe indebolirsi poiché diventa più attraente investire in mercati con tassi di interesse più elevati.

READ  L'Italia adotta misure più severe per le persone non vaccinate

Handelsbanken questa settimana ha modificato le sue previsioni sui tassi di interesse in modo che la Norges Bank non taglierà i tassi fino al primo trimestre del 2025.

– La Norges Bank resterà indietro, a causa del differenziale del tasso di interesse e del tasso di cambio della corona. Penso che ora sia più facile dire che la Norges Bank sta aspettando fino al prossimo anno per tagliare i tassi di interesse, dice il capo economista.

Anche il capo economista Kjersti Hoogland di DNB Markets ritiene che la BCE taglierà i tassi di interesse quando si riunirà il 6 giugno.

– Resta molto probabile che la Banca Centrale Europea attuerà il suo primo taglio dei tassi di interesse da settembre 2019 in meno di due settimane, ha scritto nel suo articolo. un report.

Continua a leggere E24+

Abuso di potere contro i piccoli azionisti

La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde si è detta fiduciosa che l'inflazione nella zona euro sia sulla strada giusta.

Distribuzione non uniforme

C’è stata una distribuzione disomogenea della crescita salariale all’interno dei paesi dell’Eurozona: mentre la crescita salariale è rallentata in Francia, Italia e Spagna, una forte crescita salariale è stata osservata in Germania.

Su base annua, i salari negoziati tedeschi sono aumentati del 6,2% su base annua.

Per la prima volta in tre settimane i titoli di stato tedeschi con scadenza a due anni sono saliti sopra il 3%. Financial Times.

“Ciò mette fortemente in discussione l’idea che la BCE effettuerà diversi tagli successivi dei tassi di interesse”, ha detto al giornale Tomáš Wildek, economista della società di investimenti T. Rowe Price.

READ  Vendite di 23,35 miliardi di dollari – E24

In NB In un post pubblicato sul sito web della Banca Centrale Europea, due economisti della banca hanno scritto che si aspettano che la pressione salariale nella zona euro si allenterà nel 2024.

– Molto probabilmente

In un’intervista televisiva con gli irlandesi Notizie RTÉ All’inizio della settimana, il governatore della BCE Christine Lagarde aveva affermato che era “molto probabile” un taglio dei tassi alla prossima riunione.

L’inflazione nell’eurozona nel mese di aprile ha raggiunto il 2,4%. Come la Banca di Norvegia, anche la BCE si sta muovendo verso un obiettivo di inflazione sostenibile del 2%.

– Sono sicuro che l’inflazione è sotto controllo. Perché? Perché alcuni fattori che hanno avuto un impatto significativo hanno cominciato a scomparire. “Penso alla crisi energetica e ai colli di bottiglia dal lato dell’offerta”, ha detto Lagarde nell’intervista.

-Non diventa troppo forte

L’economia della zona euro è cresciuta dello 0,3% nel primo trimestre di quest’anno, un risultato migliore di quanto previsto dalla banca centrale nelle sue previsioni.

Allo stesso tempo, il cosiddetto Purchasing Managers’ Index (PMI), che dà un’indicazione di quanto è attiva l’economia, ha mostrato che c’è crescita nell’economia.

Il livello PMI è il più alto da maggio 2023 ed è il terzo mese di aumento dell’attività, scrive Bloomberg.

Al momento non si registra una forte crescita nell’area dell’euro, ma allo stesso tempo si temeva una battuta d’arresto e una recessione più pronunciate. Ma c’è meno rischio di rallentare la crescita. In questo caso la banca centrale si prenderà il tempo per guardare al futuro, dice Hof.

More articles

Latest article