Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Maglia Pink 90: la prima


7 maggio 2021

Nel 1931, il Giro d’Italia ha presentato una maglia rosa al fantino che ha condotto la corsa. L’idea è venuta da Armando Cougnet, giornalista de La Gazzetta dello Sport, il quotidiano che fino ad allora aveva organizzato la gara per due decenni. Oggi, dopo 90 anni, la cosiddetta Maglia rosa è tra gli outfit più iconici che il ciclismo possa offrire.

il primo

Il Ducci non era convinto. Affatto. Il rosa era estremamente “femminile”, una “scelta cromatica del tutto incomprensibile” e in nessun modo un “segno di forza e mascolinità”. Molti erano d’accordo, ma non è stato fatto molto al riguardo.

Il rosa era il colore della Gazzetta dello Sport e La Gazzetta era sinonimo del Giro d’Italia. Per più di un decennio, il fratello maggiore del Tour de France indossa la maglia gialla del leader, in linea con le pagine gialle del quotidiano curato L’Auto – ora è il momento per una versione italiana.

Mussolini era un populista. Per i suoi sudditi il ​​Giro è stato l’evento più importante dell’anno. Pertanto, il potente Benito non ha avuto altra scelta che accettare il colore. Lui stesso era più interessato al motorsport che al ciclismo.

Il grande fascista vuole progresso, innovazione e sviluppo tecnologico. L’auto era un grande simbolo della modernità. Per Mussolini, il ciclismo aveva un’attrazione banale e indesiderata.

Francesco Camuso, vincitore della prima Maglia Rosa nel 1931

Secondo Mussolini, i ciclisti erano un mucchio di gusci di cartone analfabeti, su cui aveva ragione. Sfortunatamente per lui, però, questo era vero per la stragrande maggioranza degli italiani, e la semplice bici era una parte importante della loro identità collettiva.

READ  - Era un po 'nervoso - VG

Gli italiani non ne hanno mai abbastanza dell’intrattenimento accattivante del ciclismo e molti dei migliori ciclisti del mondo erano italiani. Pertanto, Mussolini si rese conto che queste stelle del ciclismo – con il loro ampio fascino, se ce ne fossero – potevano essere utilizzate per scopi pubblicitari.

In quest’ottica la scelta è ricaduta su Learco Guerra. I due figli di Mussolini, Vittorio e Bruno, si innamorarono di questo cavaliere fascista duro, spietato e leale di Mantova, in Lombardia. Mussolini credeva che se fosse stato rosa, almeno il potente Guaira avrebbe dovuto vincere il primo posto.

Ed è stato così. Dopo la prima tappa nel 1931, Guerra salì in vetta e ne divenne il primo portatore Giacca rosa. Tre settimane dopo, è stato il piemontese Francesco Camuso a prendere la rosa.

The Big Interview: Dag Eric Pedersen