Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Questa è una recensione: Resident Evil Village molto buono

Dopo aver preso una pausa concentrandosi maggiormente sul ripristino dei classici un po ‘vecchi di Resident Evil 2 e 3, nonché di Resistance fallito, Capcom è finalmente tornato con il sequel della trama dopo Resident Evil 7: Biohazard.

Dato che questo è un sequel del 7-ern, è una buona idea rinnovare quello che è successo prima di iniziare RE: Village. Forse qualcosa da fare in attesa del download del gioco?

Mi siedo sulla comoda poltrona, copro tutte le finestre e spengo la luce. Sono pronto. Pronto per ore di orrore, orrore e agonia nello stile familiare di Resident Evil.

Leggi anche:

Allora siamo fuori

Il gioco inizia tranquillamente e pacificamente. Ethan Winters è tornato al posto di guida. Dopo aver trovato sua moglie, Mia, in una fattoria del gioco precedente, ora stanno iniziando a mettere su famiglia. piccola ragazza. Anche se sembra che ci sia qualcosa che rimbomba qui dentro, tutto sembra calmo e sopportabile. Poi succede. La tranquillità è gravemente rovinata e incontriamo rapidamente Chris Redfield prima di ritrovarci in un villaggio misterioso. È qui che inizia davvero l’orrore.

Il villaggio è meglio descritto come immortale. Ma non in modo piuttosto positivo si usa solitamente la parola. Qui, la parola “immortale” significa ambiguo e sgradevole. Rende curiosi ed entusiasti di ciò che accadrà. Perché qui c’è un borgo medievale e perché in alcune case ci sono automobili ed elettrodomestici moderni? Se non fosse stato per il fatto che ricordavo il gioco a cui stavo giocando, avrei creduto che fosse Dracula che viveva nel castello che dominava il villaggio. E come si è scoperto, non era un’ipotesi eccessivamente fermentabile.

All’improvviso non siamo più in Resident Evil, ma in AC: Valhalla

Tutto contribuisce a un’esperienza ben pensata ed elaborata. Il corpo è sempre in guardia ei nervi si stanno assottigliando, perché non sai quando spuntano improvvisamente dei mostri.

Resident Evil mostra i muscoli della paura

Ora devo essere completamente onesto. I giochi horror non sono ciò che scelgo di solito quando devo fermare un po ‘la mente dopo una lunga giornata. Inoltre non è in cima alla mia lista di giochi quando mi sento in azione. Non credo che cambierà in primo luogo. Non perché Resident Evil: Village fosse così brutto, ma perché era così buono. Dubito semplicemente che ci sarà mai un gioco horror in grado di superare questo. Almeno nel prossimo futuro.

Capcom riesce a mantenere un equilibrio tra paura, indifferenza, eccitazione e rilassamento. Ci sono momenti in cui vado in giro, esploro e ammiro la diligenza che hanno messo nei loro dintorni. Ci sono anche momenti in cui corro con il cuore in gola mentre non oso voltarmi per paura di ciò che mi segue, o se qualcosa mi segue ancora.

Anche l’orrore di RE: Village è molto vario. Nel corso della storia si dovrà combattere in tutte le regioni dell’orrore tropicale che esistono. Inizia con il solito movimento in cui sei attaccato da qualcosa di brutto e distorto e devi spararti dai guai prima di passare allo stato psicologico e snervante e poi si torna a sangue e nausea.

RE: Vilage mantiene l’alta qualità in modo uniforme

Capcom è riuscita a mantenere il villaggio coinvolto lungo la strada. Qualunque cosa accada, voglio di più. Ogni nuovo evento apre più domande e l’ignoto sta solo crescendo e crescendo. Il processo di narrazione stesso – le sequenze dei film ei dialoghi – va molto bene, ma la storia è raccontata anche da ciò che vedi e da ciò che fai mentre risolvi i compiti che ti sono stati assegnati. Attraverso le note e le note che trovi sparse, puoi conoscere tutto ciò che vedi e forse perché le cose sembrano uguali.

Se ignori un incidente all’inizio della storia in cui gli effetti sonori sembrano essere riprodotti dalla radio, gli effetti sonori e la musica, come la storia, sono di alta qualità. Inoltre, integra visivamente tutto. Il mio primo incontro con il castello della Transilvania avvolto dalla nebbia è stato come entrare in un altro mondo. Ogni nuova area successiva ha un carattere unico simile a ciò che accade nella storia.

Con Cyberpunk 2077 come personaggio di Galeone, è diventato molto comune rilasciare giochi incompiuti, o perché non c’è abbastanza tempo o perché gli sviluppatori si concentrano sul risolverli in un secondo momento. Resident Evil: Village è una grande eccezione a questa nuova tradizione. Nel complesso, è stato quasi completamente impeccabile. Nel corso della storia, ho riscontrato un solo errore: dopo essere morto in un certo luogo, non è più possibile premere nulla nell’ambiente circostante. Un rapido riavvio del gioco ha risolto questo problema e non vedrò mai più questo errore.

Se dovessi essere in grado di trovare qualcosa da sistemare, deve essere l’intelligenza artificiale dei diversi esseri che incontro e la maggior parte delle persone tollera troppo. A volte sono così stupidi. Se corri in cerchio su qualcosa con i mostri dietro di te, è probabile che dimenticheranno che sei mai esistito, e quando li attacchi per la prima volta, penso che possano sopportare troppi colpi alla testa. Capisco che siano mostri, ma dubito che siano fatti di Kevlar per questo motivo.

Inclusivo

Quando ho giocato alla versione rinnovata di Resident Evil 3 poco più di un anno fa, l’ho criticato per essere andato troppo oltre i binari. Certo, potrebbe essere stato il risultato dei guai del tempo, ma qui Capcom mostra che sanno davvero come realizzare giochi horror. RE: Il villaggio ha sempre una chiara direzione verso la quale vuoi che il giocatore si rivolga, ma c’è ancora più che sufficiente libertà per non sentirsi bloccato in un percorso. È una prova più organica che in RE3 dove vieni messo su un treno e ti viene detto da quale fermata intendi scendere. Sono passati molti anni dal debutto di RE3, ma penso ancora che sia possibile introdurlo di nascosto qui perché è dopo ogni ultimo gioco di Resident Evil rilasciato, indipendentemente da Village.

Tutto, dalla storia alla grafica alle meccaniche di gioco, è ben dettagliato e sembra davvero che Capcom abbia messo la sua anima nel gioco. I personaggi che incontri sono tutti vari e interessanti, così come il gameplay. Durante il gioco, esplorerai molte regioni diverse, ognuna con il proprio carattere unico e il gameplay associato. Nel complesso, Resident Evil: Village è semplicemente un ottimo gioco.

conclusione

RE: Village è un concentrato di orrore e narrazione quasi impeccabile. Se hai già investito nella serie RE, questo è un gioco che devi acquistare. Se vuoi un buon horror con un’interessante risoluzione dei problemi, questo è anche un gioco che dovresti comprare.

Valutazione del lettore6 Valutazioni

7.3

Positivamente

romanzo giallo

Molti ambienti diversi

Risoluzione dei problemi ben progettata

Buona grafica

Rifiuto

L’intelligenza artificiale è in qualche modo poco intelligente

Pochi potenti nemici

READ  Le barzellette online sono diventate un vero prodotto