Manifestanti in occasione di Malmö prima della partita finale: “Boicottate Israele”!

0
2
Manifestanti in occasione di Malmö prima della partita finale: “Boicottate Israele”!

Un’ora prima del calcio d’inizio erano ancora migliaia a manifestare per le strade di Malmö. I giornalisti del VG presenti sulla scena hanno riferito che c’erano diverse auto che circolavano per Malmö portando bandiere palestinesi.

I videoclip della scena mostrano la presenza di grandi forze di polizia e un’atmosfera turbolenta. Sembra che ci siano stati degli spinti nella zona fuori dall’arena.

Sempre più manifestanti stanno arrivando nell’arena mentre la finale dell’ESC inizierà alle 21:00 di sabato sera. Alcuni di loro vengono allontanati dalla polizia.

Alcuni manifestanti palestinesi gridano “Vergognatevi” a chi era in fila per entrare nell’arena per ascoltare i finalisti.

Subito dopo, un altro gruppo di manifestanti è stato spinto in una strada laterale da numerose forze di polizia, come accaduto anche in occasione della semifinale di giovedì.

Foto: Johan Nilsson/TT/TT Nyhytsperan/NTB

Sabato il team VG ha potuto segnalare la presenza di diverse persone per le strade di Malmö.

– Gridano educatamente: “Boicottaggio, boicottaggio, boicottaggio Israele!” – Dillo alla squadra VG a Malmö.

Tutto sembrava andare liscio dopo che la prima operazione di marcatura è iniziata alle 15:30.

Poco più di un’ora dopo, c’erano persone a perdita d’occhio in Sudargatan che si allontanavano da Stortorvet dove era iniziata la manifestazione.

Ziad (56 anni) è apparso alla manifestazione portando sul corpo le foto dei bambini colpiti dalla guerra a Gaza.

– Hanno bombardato case e scuole. I bambini ne sono colpiti. Vogliono che la gente si sposti da Rafah. Ma non c’è nessun posto dove andare, ha detto il manifestante al VG durante la commemorazione a Malmö.

diritti umani

Non ha voluto dire nulla sulla partecipazione di Israele alla finale dell’Eurovision.

READ  Un uomo di 21 anni è morto in un incidente sugli sci:

– Non voglio parlare di politica, solo di diritti umani, ha detto issando in alto la bandiera palestinese.

Gli agenti di polizia del distretto di polizia di Oslo sono stati chiamati a fungere da personale aggiuntivo contro i disordini sociali e le manifestazioni nella città dell’Eurovision di Malmö.

Stasera Israele e Norvegia si sfideranno nella finale dell’Eurovision a Malmö.

Già intorno alle 15 la città era in piena ebollizione quando diverse migliaia di persone si sono radunate per manifestare nel centro della città.

Sabato erano previste due manifestazioni. Entrambi sono contrari alla partecipazione di Israele all’Eurovision.

Etichettatura: i manifestanti che indossano sciarpe palestinesi e portano bandiere si taggano nelle strade di Malmö sabato pomeriggio. Foto: Matthijs Sandblad/VG

– Durante la manifestazione precedente c’era molta gente. Ma tutto è andato liscio, senza grossi intoppi. “Speriamo di ottenere lo stesso risultato oggi”, ha detto a Malmö la portavoce della polizia svedese Evelina Olsson.

– I preparativi stanno andando bene. “Stiamo facendo gli stessi preparativi che avevamo prima delle manifestazioni di giovedì”, ha detto Pia Jacobsen di Stoppa Israel al VG prima della manifestazione.

A Malmö è presente anche la polizia norvegese. Il comandante delle operazioni Lars Kostveit del distretto di polizia di Oslo viene mostrato con i suoi colleghi in una scena di strada indossando uniformi della polizia norvegese.

Dimostrazione: sabato pomeriggio una grande folla di persone manifesta nella città ospitante per la finale dell’Eurovision. Foto: Matthijs Sandblad/VG

– Siamo qui per aiutare la polizia svedese contro i segnali e ogni disordine sociale, ha detto Kostvedt al VG a Malmö.

Giovedì silenzio

Lui e i suoi colleghi della polizia norvegese si trovano nella città situata nel sud della Svezia dopo un’indagine degli svedesi alla direzione della polizia norvegese. Il comandante della task force norvegese ha espresso la convinzione che le manifestazioni di giovedì si sono svolte senza intoppi.

READ  La Russia ha usato il suo potere di veto e ha bloccato il rinnovo del mandato di un gruppo di esperti delle Nazioni Unite che supervisiona le sanzioni internazionali contro la Corea del Nord.

“Spero che la nostra presenza abbia contribuito ad alleviare questo problema”, ha detto Kostveit al team VG a Malmö.

Ciò fermerà la partecipazione di Israele

Pia Jacobson ha detto a Stoppa Israel che il messaggio di sabato era lo stesso della manifestazione di giovedì.

– A Israele non sarà permesso di partecipare all’Eurovision e noi vogliamo dimostrare al popolo palestinese che lo sosteniamo, ha detto.

-Hai paura che ci siano disordini?

– Può sempre farlo. Non possiamo assumerci la responsabilità delle azioni dei singoli individui. Ha aggiunto: “Ma abbiamo buone comunicazioni con la polizia e abbiamo guardie esperte che sono lì e si prendono cura di loro”.

Foto: Matthijs Sandblad/VG

Fanny Erickson, 20 anni, ha detto che finge di difendere ciò che è giusto.

– Penso che sia sbagliato che Israele partecipi all’Eurovision. Se alla Russia non è consentito partecipare, non dovrebbe essere consentito farlo nemmeno a Israele”, ha detto a VG.

– È fantastico che ci siano così tante persone qui che pensano che sia importante difendere ciò che è giusto.

-Hai paura dei disturbi?

-È possibile. Ma lo facciamo per amore.

Si stima che siano circa 1.000 gli agenti di polizia

Con l’aiuto di Norvegia e Danimarca, si stima che più di 1.000 agenti di polizia lavoreranno per garantire la sicurezza dei manifestanti e del pubblico.

– Non possiamo entrare nei dettagli sul loro numero. Fa parte del lavoro di sicurezza. Teniamo conto del rumore: questo è quello che facciamo sempre. Questo è qualcosa che molte persone sentono fortemente. Qualcosa di cui siamo consapevoli. “Ma non abbiamo alcuna indicazione che possano verificarsi violenze”, ha detto Olsson al VG.

READ  L'attacco russo a Kharkiv uccide molti soccorritori ucraini. Il padre di Volodymyr Loginov era tra le persone uccise.

Nello stesso momento in cui Israele partecipa all’Eurovision, decine di migliaia stanno fuggendo dalla città di Rafah, al confine con Gaza, mentre i carri armati si muovono.

-Avremo un basso livello di tolleranza. Olson ha detto: Non tollereremo l’incitamento all’odio, ma tollereremo le violazioni della legge.

– Cosa accadrebbe se Israele vincesse l’Eurovision?

– Non vogliamo speculare su questo argomento, stiamo creando uno spazio dove organizzatori e partecipanti possano esprimersi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here