Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Manifesto della terza guerra mondiale: indica mancanza di progresso

È iniziato la scorsa settimana “Battaglia del Donbass”Da allora, la Russia ha acquisito il controllo di nuovi territori nella regione. forze russe Ora controlla, tra le altre cose, l’80 percento Dalla provincia di Luhansk.

Ieri sera si è saputo delle truppe russe Ha rilevato l’edificio del consiglio comunale A Kherson e l’esclusione degli ucraini. Ci sono state anche notizie secondo cui la città è Kremena sotto il controllo russo.

Nonostante alcuni progressi, la prevista grande offensiva fallì.

Leggermente fornito: l’ex capo della difesa, l’ambasciatore Dessen, dice che la guerra che stai vedendo dalla Russia è ora antiquata e non molto complicata. Foto: Thomas Evensen / TV 2

L’ex capo della difesa, l’ambasciatore Diesen, ora ricercatore presso il Norwegian Defence Research Establishment, crede che la guerra avrebbe potuto essere fatta meglio.

– Se in Occidente stiamo pianificando un’operazione del genere, che crea il risultato che vuole la Russia nel Donbass, allora la pianificheremo in un modo diverso.

Ricorda la prima guerra mondiale

Dice che si farà ciò che viene spesso menzionato dai media occidentali. Nello specifico, ha cercato di intercettare l’intero Donbass con attacchi da nord e da sud, cioè un’operazione a tenaglia.

– Creata una grande enclave dove la difesa ucraina nel Donbass sarebbe stata circondata e tagliata fuori da rifornimenti e rinforzi.

Questo modello potrebbe rivelare i russi

Dissen spiega che la guerra a cui stiamo assistendo dalla Russia è ora antiquata e semplice. Attaccano anche un ampio fronte da nord e da est.

È una feroce preparazione dell’artiglieria prima dell’avanzata dell’artiglieria e dei carri armati, ed è, a rigor di termini, più rievocativa della prima guerra mondiale di qualsiasi cosa possiamo immaginare oggi.

Crede che i russi lo stiano facendo semplicemente perché non si fidano della loro capacità di svolgere operazioni e operazioni più avanzate e complesse.

Ripiegano su qualcosa che è relativamente semplice e non dà i risultati che vogliono. Almeno non senza che gli costi molto.

Mettere in gola il caffè del mattino

In una lunga intervista televisiva lunedì, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato di ritenere che fosse uno di questi Il vero pericolo della terza guerra mondiale.

GUERRA MONDIALE: lunedì il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato di ritenere che ci sia un reale pericolo di una terza guerra mondiale.  Foto: Ministero degli Esteri russo tramite AP / NTB

GUERRA MONDIALE: lunedì il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato di ritenere che ci sia un reale pericolo di una terza guerra mondiale. Foto: Ministero degli Esteri russo tramite AP / NTB

Il pericolo è grave, reale e non può essere sottovalutato.

Poco dopo la dichiarazione, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha commentato i commenti di Lavrov su Twitter.

La Russia perde la sua ultima speranza di intimidire il mondo dal sostenere l’Ucraina. Ecco perché parlano del “reale” pericolo della terza guerra mondiale. Scrive che questo significa solo che l’odore della sconfitta per Mosca in Ucraina.

Dessen ritiene che le dichiarazioni del ministro degli Esteri russo indichino la mancanza di progressi.

Ci sono ragioni sufficienti per prenderlo sul serio. Non sul pericolo di una terza guerra mondiale, ma su quanto seriamente ora i russi non facciano progressi in Ucraina.

Pertanto, devono fare qualcosa per il sostegno occidentale all’Ucraina, che per molti versi li tiene in guerra, spiega l’ex ministro della Difesa.

– Quindi questa frase, ovviamente, arriva come un tentativo per le persone di fare di più che mettere in gola il caffè mattutino. In particolare, essere così spaventato e preoccupato che l’accordo di sostegno con l’Ucraina stia crollando.

Sconfitta: il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ritiene che Mosca odora di sconfitta in Ucraina.  Foto: Evelyn Hochstein

Sconfitta: il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ritiene che Mosca odora di sconfitta in Ucraina. Foto: Evelyn Hochstein

– Questa affermazione di Lavrov ha qualcosa a che fare con il funzionamento della NATO?

– Spero di no. Perché è chiaro che i russi non hanno più da guadagnare da una terza guerra mondiale rispetto ad altri. Possiamo solo sperare che l’unità e l’unità dell’Occidente superi questa prova.

Un chiaro messaggio per la strategia occidentale

Lavrov crede anche nella stessa intervista che la NATO stia esacerbando il conflitto in Ucraina, compresa la consegna di armi. Afferma La NATO ha “tutte le ustioni di benzina”.

Diesen chiarisce che non è la NATO che contribuisce al sostegno dell’Ucraina con le armi, ma ogni Paese individualmente attraverso relazioni bilaterali.

Penso che l’Occidente dovrebbe, in molti modi, smettere di permettere all’oltraggio morale di governare il suo sostegno all’Ucraina, ogni volta che vengono denunciati crimini di guerra o abusi russi.

Supporto alle armi: le forze armate hanno inviato 4.000 missili anticarro M-72 in Ucraina.  Foto: TV 2

Supporto alle armi: le forze armate hanno inviato 4.000 missili anticarro M-72 in Ucraina. Foto: TV 2

– Penso che l’Occidente debba decidere in larga misura quale sia l’esito di questa guerra, continua Dessen.

Ovviamente, l’obiettivo dovrebbe essere quello di garantire che la Russia non vinca la guerra, ma sottolinea che ciò non significa necessariamente che perderà.

– È l’obiettivo finale che deve governare la strategia occidentale. Non ancora con un graduale aumento dei consensi, a seguito di un giudizio morale sempre più forte.

READ  Guerra in Ucraina - da tutti contro tutti, da tutti a uno