Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Martin Fourcade rivuole i russi – sostiene Orenholdt Jacobsen – NRK Sport – Notizie sportive, risultati e programma delle trasmissioni

Martin Fourcade rivuole i russi – sostiene Orenholdt Jacobsen – NRK Sport – Notizie sportive, risultati e programma delle trasmissioni

La leggenda francese del biathlon incontra NRK nella città avvolta dalla nebbia di Oberhof. Di recente ha avuto un gonfiore allo stomaco. Il francese – sempre schietto e schietto – sente di non aver detto cosa intende. È pronto a lanciarsi in un acceso dibattito, che sa creerà titoli e attirerà i riflettori su di lui.

Ci sono molti che capiranno e molti che non lo faranno. Non sto dicendo di possedere la verità e di stare al di sopra degli altri, ma come essere umano ho una visione personale su di essa. Oggi, dice Fourcade, sento che va bene parlarne.

Rappresentante esecutivo: Martin Fourcade.

Foto: Henrik Myhr Nielsen/NRK

In precedenza, a NRK era stato detto che avremmo potuto parlare con Fourcade per dieci minuti. Ben presto divenne quasi mezz’ora. Il francese aveva molto in mente e ha condiviso la sua onesta opinione sul divieto di atleti russi e bielorussi.

– Come rappresentante sportivo e come atleta, penso che dovremmo pensare a consentire agli atleti russi e bielorussi di tornare alle competizioni. Questo è il messaggio principale. Sono stato eletto nel Comitato Olimpico Internazionale per difendere gli atleti. E mi sento come se non stessi difendendo questi atleti. Certo, sono russi e bielorussi, ma sono anche attori. Penso che dovrebbero essere difesi anche su questa base.

Il sostegno della Russia non sarà accusato

Il 34enne è attivo nella politica sportiva. È presidente del Comitato degli atleti per le Olimpiadi di Parigi del 2024 e rappresentante sportivo del Comitato olimpico internazionale, insieme ad Astrid Ornholdt Jacobsen. Entrambi hanno scambiato le loro opinioni durante una controversa riunione del CIO il 19 gennaio, che ha conquistato i titoli dei media internazionali.

Fourcade sostiene di non parlare in quanto membro del Comitato Olimpico Internazionale. È critico nei confronti del fatto che l’organizzazione non sia andata oltre nel rendere gli atleti russi imparziali in passato.

Sostengo pienamente il popolo ucraino. Questa guerra è orribile. Nessuna parte di me comprende il governo russo o le sue azioni, dice Fourcade, prima di continuare:

Il motivo per cui sento che va bene parlarne ora è che nessuno può fraintendere la mia posizione al riguardo. Ho combattuto contro la Russia per tutta la mia carriera per questioni di doping. Non sono stato l’unico, ma piuttosto uno dei pochi che ha preso pubblicamente posizione contro la Federazione Russa e contro le autorità russe nei casi di doping. A volte mi sono spaventato per questo, perché non sapevi mai cosa sarebbe successo. Ma dice che non darò a nessuno la possibilità di accusarmi di essere filo-russo.

Fourcade Ha ricevuto minacce di morte per le sue critiche alla Russia in seguito allo scandalo doping di Sochi nel 2014.

Fourcade: Non puoi incolpare gli atleti

Ci sono ancora molti che vogliono un pezzo dell’uomo di Céret a Oberhof. È stato fermato da diverse persone mentre si recavano al colloquio con NRK. Alcuni vogliono salutare e chattare, altri vogliono fare un selfie. Gli mancano le persone, ma non la competizione. L’esperto di TV 2 e rivale di lunga data Ole Einar Bjørndalen lo ha descritto come un artista articolato e supponente.

Foto d'archivio: Olimpiadi invernali di PyeongChang 2018

Gold Wholesaler: Martin Fourcade ha vinto cinque medaglie d’oro olimpiche durante la sua illustre carriera. Tre di loro sono arrivati ​​durante le Olimpiadi di PyeongChang cinque anni fa.

Foto: Eric Gillard/Reuters

Ora è molto chiaro che gli atleti non dovrebbero essere squalificati dalle competizioni a causa del loro passaporto o perché il tuo presidente o il tuo paese fa cose che non sostieni. Pensa che sarebbe terribile non poter competere perché il presidente o il paese di origine commette azioni che non si appoggiano.

A volte mi sento orgoglioso di essere francese ea volte mi vergogno. Proprio come i norvegesi. A volte sei orgoglioso di essere norvegese, a volte dici “Accidenti, il mio paese fa delle scelte che non appoggio”.

Credi nel potere di Unified Sports

Il 34enne francese afferma di vedere entrambi i lati della questione e di comprendere appieno coloro che non vogliono che Russia e Bielorussia tornino allo sport. Il ministro dello sport ucraino, Vadym Hotsyet, ha affermato che prenderebbero in considerazione un boicottaggio se ai russi fosse consentito di partecipare alle Olimpiadi di Parigi nel 2024. Diverse figure norvegesi hanno adottato lo stesso approccio. Fourcade pensa che sia un passo nella direzione sbagliata.

Sono un sostenitore del fatto che gli artisti abbiano e usino la loro voce. Voglio che abbiano una voce chiara. Ma diventa complicato quando gli atleti devono scegliere contro chi pensano di dover competere e non, dice Fourcade, che crede che gli atleti non dovrebbero decidere contro chi competere.

Il 34enne crede che il boicottaggio non sia una posizione che gli atleti dovrebbero prendere. Crede nei valori olimpici.

Possiamo incontrarci attraverso diverse religioni, paesi e mentalità. In questa arena pacifica, l’arena sportiva, possiamo mostrare al mondo che possiamo essere felici l’uno con l’altro e combattere l’un l’altro con i valori dello sport. L’ho sostenuto sin dal primo giorno. Tradirei me stesso e ciò che rappresento se non lo difendessi.

Venerdì si sono incontrati circa 30 ministri dello sport provenienti da Europa, Giappone, Stati Uniti e Canada. I segnali sono stati quindi che hanno concordato che i russi non dovrebbero essere autorizzati a farlo. Il sindaco di Parigi Anne Hidalgo ha espresso la sua riluttanza a vederli alle Olimpiadi del 2024.

– Sarei molto imbarazzato per il mio paese se il mio paese decidesse di vietare agli atleti russi e bielorussi di competere, dice Martin Fourcade a NRK.

Siamo molto orgogliosi di mostrare al mondo quanto è bella la Francia. E non riesco a capire come possiamo accogliere il mondo senza gli atleti russi e bielorussi. Per me, non è qualcosa che possiamo difendere.

Martin Fourcade

Popolarità: diversi media volevano intervistare Martin Fourcade quando è apparso a Oberhof, ma solo NRK voleva parlargli del problema Russia.

Foto: Anders Skjerdingstad

Non parla a nome dei Giochi Olimpici di Parigi nel 2024 e non ha un calendario su quando rispondere, ma ritiene che la discussione dovrebbe aver luogo.

– Se quello di cui stiamo parlando non è per Parigi, è per Cortina o Brisbane. Non c’è scadenza per questo argomento. Non si tratta di quando, ma se saranno autorizzati o meno a competere. E penso che dovrebbero essere autorizzati a farlo.

L’esclusione non è mai stata la soluzione

Crede che non ci siano motivi sufficienti per vietare gli atleti perché sono legati all’esercito del paese. Lo stesso Fourcade era collegato alla difesa francese, ma sostiene di non aver mai gareggiato come soldato.

– Cosa dici a chi pensa che consentire ai russi di partecipare sia propaganda di guerra di Putin? chiede NRK.

Non possiamo escludere per questo. Non sarebbe giusto. Per me è importante anche per i russi vedere che gli atleti russi e gli atleti del resto del mondo possono creare qualcosa insieme. Rappresentano qualcosa di più grande. I valori che il Paese rappresenta non sono buoni, ma l’esclusione non è mai la risposta. Ovviamente ne trarranno profitto, ma ci sono anche altri elementi. È importante parlare con gli atleti russi.

Sono ambasciatori per la Russia oltre i confini del Paese, ma sono anche ambasciatori per il resto del mondo In Russia Quando sono a casa, dice Fourcade.

Jacobsen sostiene: – È facile dire qualsiasi cosa

Il 34enne francese ha seguito la polemica che ha infuriato sulla stampa norvegese dopo che Astrid Orenholdt Jacobsen ha dichiarato che gli atleti non dovrebbero essere discriminati sulla base dei passaporti. Le critiche che ha ricevuto sono uno dei motivi per cui ha fatto questa intervista con NRK.

– Mi sono alzato e ho lottato. Dice che non è facile con tutte queste pressioni e critiche.

– Dovremmo essere in grado di parlarne senza ricevere il feedback che ha avuto Astrid. Quindi non è più una conversazione. Fa male, è completamente folle e totalmente ingiusto.

Fourcade dice di aver parlato con Jacobsen in seguito. Insieme siedono nel Comitato degli atleti del CIO come due dei dieci rappresentanti eletti.

– Conosco diversi atleti norvegesi contrari. Ma conosco anche molti atleti norvegesi favorevoli al ritorno, che non vogliono dire nulla perché non vogliono le stesse reazioni che ha avuto Astrid. È più facile non dire niente, dice Fourcade – e continua:

Viviamo in un mondo dove tutto è bianco o nero. Non ci sono aree grigie o ombre. Puoi Non parlare di volere indietro gli atleti senza che la gente pensi che tu sostenga la guerra. Non lo sostengo e non lo sosterrò mai.

READ  Steffen Landro è entrato con successo nelle vele e ha dovuto partire per il giorno in cui il vento contrario è diventato troppo forte