Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

“Mentre aspettiamo qualcosa di buono” al Teatro Nazionale – Recensioni e consigli

Quando Linn Skåber ha voluto suonare “While We Wait For Godot”, ha ricevuto una sorpresa.

Perché secondo la volontà del drammaturgo Samuel Beckett, in nessun caso le donne dovrebbero recitare ruoli nella commedia.

Era una riga sul conto di Skåber, Ma lei conosceva il consiglio: Ora lei risponde con una commedia esistenziale “mentre aspettiamo qualcosa di ‘buono'” al National Theatre, In scena a Kanonhallen.

Ine Jansen e Linn Skåber sono amiche, ma non sono mai state sul palco insieme. Lo hanno fatto per la prima volta alla prima mondiale di “While We Wait for Something Good” di Skåber al National Theatre / Kanonhallen.

Foto: Erica Hebert/Teatro Nazionale

Non abbastanza sciocco

Non è un pezzo difficile da battere. Non è neanche divertente. Sia Skåber che la co-protagonista Ine Jansen sono comici forti.

Ma lo spettacolo non contiene abbastanza assurdità sorprendente, non è abbastanza scortese e non fa i passi audaci necessari al di fuori della sua zona di comfort. Forse perché a volte viene provato privatamente.

Tuttavia, la frase “mentre aspettiamo qualcosa di ‘buono'” cattura l’inutilità della vita e la complessità di riempirla a volte di contenuti.

Il quadro è una specie di crisi di mezza età. Insieme al suo amico Janssen, Skåber ha un ruolo nel sentirsi di mezza età e rendersi conto che i bambini che hanno cresciuto si sono liberati da loro.

Controllano costantemente i loro telefoni, aspettando segni di vita. Perché i bambini non fischiano? Chi sono veramente quando i bambini non ne hanno bisogno?

Questa è l’unica traccia dello spettacolo. Il secondo è il Judo di Beckett, dove le donne non sono autorizzate a recitare. Anche i personaggi di Lin ed Ein vanno ad aspettare, sia lui (judo) che segni di vita da parte dei ragazzi.

Tuttavia, non ci sarebbe stato alcun progetto di liberazione femminista a meno che non fosse fissato con troppa attenzione. La critica nella commedia è diretta specificamente alle donne di mezza età che si mettono al centro del mondo. Ma il mondo intorno a loro potrebbe avere meno visione a tunnel.

Linn Skåber e Ina Jansen mentre aspettiamo qualcosa di buono

Lynne Skipper e Ine Jansen sono bravi comici. Il revisore di NRK ritiene che “mentre aspettiamo che qualcosa sia ‘buono’, le cose vanno male prima che il teaser venga rilasciato correttamente”.

Foto: Erica Hebert/Teatro Nazionale

chiarezza

Linguisticamente, Skåber presenta la prosa quotidiana in uno stile familiare.

Attraverso le serie di libri “To the Young”, “For the Adults” e “For Us from the Big”, si è affermata come scrittrice esperta nel descrivere piccole e grandi situazioni quotidiane.

Frasi come “Ne ho tre in norvegese / Sei in canto Non ne ho presi due” da “Ai giovani”, Può rappresentare un ritratto dello stile letterario di Skåber: mette in risalto un aspetto ordinario, lo stravolge, ma non lascia mai il lettore a chiedersi quale dovrebbe essere il significato.

“Mentre aspettiamo qualcosa di ‘buono’, generalmente è anche così. È anche il punto più debole della sceneggiatura: è un po’ più basso, per lo più ovvio, e non ha senso metterlo in discussione. Non si adatta bene al materiale comico e potrebbe è anche il motivo per cui le risate impiegano così tanto tempo prima che 50 spettatori raggiungano la sala.

Ma ci provano: mentre Taragon di Vladimir e Becket discutono se aggrapparsi a un albero, Ene cerca di farlo con l’aiuto del suo reggiseno da un sedile. Senza essere particolarmente divertente.

Quando lo spettacolo viene deragliato, ottengono un buon aiuto dal design di Oscar Udbye per una splendida illuminazione e video. In combinazione con un soffitto elegante e sciolto sopra il piccolo palco, l’illuminazione eleva le due donne ancora di più nell’anticamera.

Linn Skåber e Ina Jansen mentre aspettiamo qualcosa di buono

Gli attori sono ben assistiti da luci, video e scenografia. Qui, lo scenario della commedia viene rivelato dall’alto e il messaggero è pronto a dare loro un messaggio

Foto: Erica Hebert/Teatro Nazionale

cucciolo e twist

Ma “While We Wait For Something Good” contiene anche scene che hanno qualità davvero carine. Una di queste è la scena in cui Ene riceve un cucciolo da Lynn.

Strane e meravigliose qualità appaiono qui nei giochi, negli script e nelle interazioni con il pubblico. Un’altra scena interessante è quando Lynn vuole che Ine abbandoni tutte le inibizioni e faccia esplodere le sue opinioni sbagliate. Non assume il ruolo che Lynn sperava. Anche qui toccano qualcosa di interessante e difficile.

In un gioco che si muove nell’area tra la finzione e il particolare, questi pezzi sono essenziali.

Il più notevole, tuttavia, è il Messaggero (che si presenta sotto forma di un ragazzo, come fa Beckett). Dà vita alle due donne.

Linn Skåber e Ine Jansen mentre aspettiamo qualcosa di buono

L’attesa di Godot si mescola all’attesa che i figli diano spunti alla vita, si connettano e tengano aggiornata la madre. Insieme al messaggero (Mathes Seberg Lund), trovano finalmente una specie.

Foto: Erica Hebert/Teatro Nazionale

Child Promising è come una ripresa da Oliver Twist di Charles Dickens, e probabilmente non è una coincidenza. Per Ben Skåber, la persona che aspetti nell’opera teatrale Signs of Life, ha interpretato Oliver Twist al Ny Teeter di Oslo per quasi dieci anni. Questa somiglianza non viene menzionata nell’opera teatrale e potrebbe non essere un riferimento che il pubblico coglie immediatamente.

Ma questo ha senso, non da ultimo quando arriva l’ultima scena della commedia. Laddove Ene sta in piedi e legge un testo sulla casa come nido, il bambino come uccellino e il mondo pericoloso lì – che uno deve ancora conquistare – il ragazzo si siede con il suo cellulare e non si preoccupa di ascoltare.

È uno spettacolo piacevole: il giovane risponde, ma lascia l’immagine della madre che recita.

Crisi di mezza età o no, qui le due madri si lasciano colpire da tutta la loro visione a tunnel. È il momento più bello di una performance molto apprezzata, che può essere più fluida nel tempo.

Ehi!

Sono un libero professionista e sono un professionista del teatro, delle arti dello spettacolo e della danza per NRK. Leggi anche cosa sto pensando “Figlio di Alice” Al Trøndelag Theatre, che va in scena fino a febbraio.

Tutte le recensioni e i consigli sono disponibili su nrk.no/anmeldelser.

Si consigliano ulteriori letture:

READ  "The Hardest Norway": - Riceve centinaia di lettere di fidanzamento