Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Mi sento un po’ nel panico

Dopo una carriera durata più di quattro decenni, il ruolo di Zlatan Ibrahimovic (40) è passato di mano. Il super-svedese ammette che si avvicina il momento della resa. Questo lo spaventa.

Leadership – in un altro modo: non è più Zlatan Ibrahimovic a guidare le squadre ai titoli dall’alto. Ora sta giocando un ruolo più importante fuori dal campo.

Aftenposten collabora con VG-sporten. Quindi, come lettore Aftenposten, riceverai anche articoli e servizi creati da VG.

– Ho un po’ di panico, perché cosa fai quando è finita? Qual è il prossimo capitolo? Sono in una situazione in cui mi sto avvicinando al traguardo. Ma cercherò di ritardarlo e arrivarci il più possibile, dice Zlatan Ibrahimovic.

Zlatan Ibrahimovic, 40 anni, parla candidamente della paura della vita dopo il calcio in un episodio in cui ha visitato il podcast di calcio ESPN FC.

L’apparentemente eterno svedese è alla sua 23a stagione a livello professionistico. È passato da brillante talento a Malmö a attaccante con il mondo sotto i piedi all’Ajax.

Da allora è stato la grande star di alcuni dei più grandi club del mondo: Juventus, Inter, Barcellona, ​​Paris Saint-Germain e Manchester United. Quando ha lasciato i Red Devils per gli Stati Uniti, Hollywood e Los Angeles Galaxy nel 2018, poco dopo aver subito un grave infortunio al ginocchio, molti pensavano che la sua carriera stesse per finire.

Invece è tornato in Europa, ha intrapreso la sua seconda stagione al Milan e ha continuato a segnare gol ai massimi livelli.

Nessun problema con la fisica.

Quello che ho passato, i club in cui ho giocato, i giocatori con cui ho giocato e gli allenatori con cui ho giocato mi hanno aiutato a plasmarmi. Alla mia età, si tratta solo di restituire. All’inizio della mia carriera, ho preso molto senza restituire. Ibrahimovic dice che la pensi diversamente quando invecchi, e continua alla maniera “Zlatan”:

READ  Champions League e Chelsea | Il Chelsea ha allestito una sala giochi con la Juventus - Il dramma del VAR ha suscitato reazioni

Quando sei giovane, cercherai sempre di dimostrare qualcosa. Ma non ho più niente per dimostrarlo. E non ce l’ho da un po’.

nuovo ruolo

Ma in questa stagione ha lottato con gli infortuni e il tempo di gioco è diventato sempre meno per lo svedese, che era un banchiere nella formazione titolare.

Con il Milan è in campo da 25 partite, dodici dall’inizio.

Grafica: www.sofascore.com

– Certo che sono deluso. Ero in campo ad aiutare la squadra. Soffro perché non mi è permesso fare il gioco che amo. Ma quando non ci sono, cerco di aiutare in altri modi. I miei compagni di squadra mi guardano che sto giocando o meno. Ibrahimovic dice che la mia responsabilità è cercare di aiutarli, cerco di essere un leader dentro e fuori dal campo.

È l’unico tra i convocati del Milan oggi a sapere cosa si prova a vincere la Serie A con il Milan. Segnò 14 gol e partecipò ai capocannonieri con Alexandre Pato di rame e Robinho in passato, il Milan vinse la medaglia d’oro.

Undici anni fa, nella stagione 2010/11.

Professore: Dopo 0-0 in trasferta contro la Roma, Zlatan Ibrahimovic e Milan hanno potuto sfogare il loro giubilo nel 2011. Poi sono diventati campioni d’Italia per la 18esima volta – e l’ultima fino ad ora.

Da allora sono stati anni magri per i “rossoneri”. Il loro unico titolo da quando è arrivato nel 2016 quando hanno vinto la Supercoppa Italiana.

– È difficile non vincere. Lavori sodo e ti sacrifichi molto, senza lasciare nulla alle spalle. Finora è stata una buona stagione. Ibrahimovic dice che ora si tratta solo di vincere.

READ  - Sono felice di poter far parte della tua storia - VG

Il Milan ha tutto nelle sue mani nelle restanti tre partite della stagione.

Maledizione di Verona

Domenica è attesa la prima delle tre possibili “finali di coppa”. Milano poi fa un viaggio nella “Città dell’Amore” per incontrare i Greci, Verona. Ma è una città precedentemente associata a tristezza e dolore. In realtà hanno “perso” il titolo di Serie A due volte.

Nel 1973 bastava battere la Grecia, già retrocessa in prima divisione Verona, per assicurarsi l’oro in campionato. Ma hanno perso 3-5, invece la Juventus ha vinto il campionato.

Nel 1990 le cose andarono di nuovo male a Verona: tre giocatori, oltre all’allenatore Arrigo Sacchi, furono espulsi e il Milan perse 1-2.

Il Napoli, guidato da Diego Maradona, divenne campione del campionato quella stagione.

Se il Milan scamperà alla “maledizione del Verona” – come viene chiamato in Italia – questa volta ci aspettano altre due gare difficili: il ritorno contro l’Atalanta e il termine della stagione in trasferta contro il Sassuolo.

Ibrahimovic giocherà un ruolo fondamentale, sia a bordo campo che in campo. Solo due settimane fa, contro la Lazio, ha dimostrato quanto sia importante:

futuro incerto

Quando Ibrahimovic arriva al traguardo di cui parla non è bene dirlo. Il contratto di Al-Suwaidi scade a fine giugno e resta incerto se prolungherà il contratto.

A marzo, invece, ha aperto per continuare con la nazionale svedese.

Al momento, forse nulla il 40enne può vincere la sua seconda medaglia d’oro in campionato con il Milan – e porre fine a una siccità di sei anni in Coppa.

Segui la fatidica sfida del Milan contro la Grecia contro il Verona su VG+Sport delle 20.45.