Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

UV invita i giovani a partecipare ai club scientifici messicani

Zero ore di scrittura

La Facoltà di Scienze Chimiche (FCQ) dell’Università di Veracruzana (UV) ospiterà ancora una volta i Club delle Scienze del Messico, un programma che torna dopo due anni di attività virtuali a causa della pandemia, nell’edizione faccia a faccia del 2022 . Un modo per offrire ai giovani studenti nuove opportunità di sviluppo in campo scientifico e tecnologico.

L’evento si svolge dal 31 luglio al 6 agosto di quest’anno, e si prevede che gli studenti delle scuole superiori e delle classi prime degli istituti di istruzione superiore che parteciperanno al bando che sarà pubblicato nel corso di questo mese tramite il link: https://clubesdeciencia.mx/

Sofia Reina Fernandez, organizzatrice dal 2017 degli Science Clubs of Mexico nella sede di Xalapa, ha annunciato che questa iniziativa è dovuta a un’associazione civica che cerca di creare un impatto tecnologico significativo e opportunità per i giovani messicani.

È apparso nel 2014, nella città di Guanajuato, e la sede si trova attualmente a: Ensenada, Chihuahua, Guadalajara, Mérida, Monterrey, Oaxaca, Città del Messico e Xalapa.

In un’intervista, ha incoraggiato gli studenti a questi livelli di istruzione a far parte dei club scientifici del Messico 2022, attraverso tre workshop relativi a diversi campi della conoscenza.

Sebbene i loro nomi non siano ancora disponibili, di solito coprono le seguenti aree: ecologia, chimica, fisica, elettronica, informatica, ingegneria, tecnologia o matematica.

“Vogliamo ampliare le votazioni in modo che più studenti facciano parte del progetto, l’annuncio arriverà questo mese, devono aspettare, non c’è ancora una data specifica per candidarsi”.

Ha affermato che a ogni workshop è prevista la partecipazione di 20 giovani con spirito scientifico e desiderio di apprendere da aspetti teorici e pratici come: esperimenti, dimostrazioni e costruzione di programmi o moduli.

READ  Dove dovrebbe andare la critica architettonica? | arkitektnytt.no

Ha commentato che il programma non è stato interrotto durante l’epidemia, ma, al contrario, è stato sviluppato nella modalità predefinita. Ora è il momento di riprenderlo, di favorire la convivenza e lo scambio di conoscenze, ha sottolineato, non escludendo l’attuazione di attività teoriche in maniera mista, ma la pratica sarebbe al 100% a tu per tu.

Antonio Lara Musul, un accademico FCQ e organizzatore di eventi, ha affermato che lo scopo del programma era che gli studenti vedessero che non c’era differenza tra l’istruzione offerta all’estero e qui.

I partecipanti saranno seguiti da docenti di diverse università e nazionalità con i quali scambieranno esperienze, idee e opinioni.

Negli anni precedenti, insegnanti del Monterey Institute of Technology and Graduate Studies, Università di Guadalajara, Università Autonoma di Guanajuato, Università Autonoma della Capitale (UAM), Harvard, Utah e Tennessee, USA, nonché U.

“In questo caso, si creano molti collegamenti tra i membri del club o tra studenti e insegnanti”. Per questo verranno organizzate anche altre attività di convivenza per motivare i giovani a seguire il percorso scientifico.

Lara Musule ha chiarito che domenica 31 luglio si aprirà l’evento, dal 1 al 5 agosto le attività proseguiranno e sabato 6 si concluderà.

Ha notato che queste date contribuiscono allo sviluppo, poiché i raggi UV riprendono le attività preparatorie per gli studenti del primo semestre durante quella settimana. Per questo motivo sono disponibili aule, laboratori e personale di supporto.

In altre arene, le attività si svolgono una settimana prima o dopo, e variano a seconda dell’organizzazione di ciascuna città.

Liliana Dominguez Canedo, Direttore di FCQ, ha affermato che i club scientifici sono uno spazio di networking e motivazione, ma soprattutto per imparare di più e saperne di più.

READ  La nuova legge sull'edilizia abitativa 2022 - Scoprila con maggiore precisione sullo schermo

Il primo anno è organizzato da UV e organizzato dalla Facoltà di Ingegneria Meccanica ed Elettrica (FIME); Poi si è svolto nella stessa unità di ingegneria, ma in FCQ per altri tre anni, fino all’arrivo dell’epidemia.

Una caratteristica comune dei club scientifici, ha affermato, è che metà dei workshop è insegnata in una seconda lingua: l’inglese, per la presenza di ricercatori stranieri, anche se viene proposto anche un workshop in lingua francese per l’elevata popolazione studentesca. Per questa entità accademica che domina questa lingua, grazie al loro ingresso nel programma Mexfitec(Ingegneri tecnologici in Messico Francia).

Madeleine Zelli Jimenez, che studia ingegneria chimica al secondo semestre presso la UV University, ha affermato che nel 2019 ha partecipato come studentessa a club scientifici; Aveva solo 15 anni e si iscrisse al liceo. Nella versione attuale sarà facoltativo.

Era d’accordo con Antonio Lara nel senso che lo spirito scientifico e la motivazione sono componenti importanti per vivere appieno questa esperienza e connettersi con ricercatori di altri paesi. “Grazie a questo, voglio continuare nella scienza e diventare un ricercatore”.

Da quando è entrata a far parte di UV, Ariana Tejeda Sántiz, una studentessa di 6a classe con una laurea in Ingegneria Informatica, è stata lieta di pubblicare e diffondere la scienza attraverso i siti web la rete.

“Sono entrato a far parte dei club scientifici come volontario per imparare e prendermi cura di me stesso da tutti, e lo vedo come un piccolo seme che ti fa crescere poco a poco nei progetti che fai e con i tuoi insegnanti che ti ispirano”.

Rocio del Carmen López Lemos, laureato in antropologia storica e che parteciperà anche come volontario, è interessato a promuovere questo tipo di forum di divulgazione e avvicinare i giovani alla scienza in tenera età.

READ  Urbane Gravlunder kan bli folkeparker

“È un terreno molto fertile perché c’è molto lavoro da fare e nuove proposte possono essere create di fronte al cambiamento tecnologico in tutto il mondo”.

Proprio l’anno scorso, Carla Quintero Hernandez, una studentessa di chirurgo medico di 10a elementare, è stata presentata ai club scientifici e ha voluto partecipare come volontaria per saperne di più su questo progetto e contribuire con qualcosa di molto arricchente, dice. .

Anche Cory Murillo Guerrero farà volontariato, un atto che ha visto come una buona opportunità per espandere i suoi orizzonti nella diffusione della scienza.

“Sono molto interessato a questi progetti che supportano argomenti relativi all’educazione ambientale, alla divulgazione scientifica e a tutta la conoscenza”.

Maggiori informazioni su questo possono essere trovate su https://www.facebook.com/clubesdecienciamx/ S https://instagram.com/clubesdecienciamex?igshid=YmMyMTA2M2Y0