Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Minacce e crisi nel 2022: al servizio dei diritti umani

Secondo il servizio di intelligence della difesa danese, la più grande minaccia terroristica in Europa è il terrorismo islamico, che probabilmente persisterà dagli individui o dalle reti europee più resilienti. Ma dietro a ciò si celano una serie di altre minacce e crisi, come la Russia, la Cina, i talebani in Afghanistan e gli attacchi informatici.

L’intelligence delle forze armate danesi (FE) è uscita poco prima di Natale con la sua valutazione annuale del rischio, che questa volta ha definito uno “spettacolo”. FE lavora per proteggere gli interessi danesi e prevenire il terrorismo ed è l’unica autorità autorizzata a utilizzare “mezzi molto privati” per rivelare ciò che altri paesi e parti straniere stanno cercando di nascondere.

terrorismo islamico

Il terrorismo islamico radicale rimane una seria minaccia, secondo i rapporti Berlingsky. Sebbene si siano verificati meno attacchi terroristici rispetto al 2015-2017, quando lo Stato islamico era ancora forte, FE stima che la più grande minaccia terroristica in Europa probabilmente persisterà da individui o reti europee più resilienti. FE ritiene che sia al-Qaeda che ISIS continuano a ispirare individui e reti ad attaccare dentro e fuori l’Europa. Con le forze occidentali che si ritirano dall’Afghanistan dopo 20 anni di guerra, è probabile che la presa del potere da parte dei talebani aumenti la minaccia terroristica in Afghanistan e nella regione, poiché hanno più spazio di manovra.

E dall’Afghanistan ad alcuni paesi africani del Sahel, nei prossimi anni subiranno conflitti armati e regimi corrotti e autoritari, una situazione che non farà che peggiorare a causa, tra l’altro, di una rapida crescita popolazione.

Nel complesso, la valutazione di FE è che queste condizioni creano un terreno fertile per il terrorismo, i rifugiati e l’immigrazione. Inoltre, l’Europa rimane più unita nell’affrontare questi problemi a causa del “calo della presenza militare statunitense e della riduzione dell’influenza politica nelle regioni”.

Al giorno post-vendita Esamina anche le crisi che possiamo aspettarci nel 2022. Tra le dieci crisi previste, citiamo “Jihad in Africa”, in cui si è fatto particolare riferimento alla regione del Sahel dove jihadisti legati all’ISIS e ad Al-Qaeda hanno compiuto diversi brutali crisi. Attacchi ai civili. Secondo il ricercatore senior Morten Bøås a Nupi, la situazione in Mali, Niger e Burkina Faso caratterizzerà il quadro del conflitto nel 2022.

L’Afghanistan è indicato come una crisi indipendente dai dieci paesi citati. Qui, il ricercatore di Brio Kristian Harpviken dice che la cosa più importante per i talebani, che ha sorpreso molti quando hanno (facilmente) preso il potere nel paese, sono due cose: la legge e l’ordine. Ci deve essere presentato per mantenere la credibilità. Harpviken sottolinea inoltre che sarà importante tenere traccia di come gli altri paesi sono coinvolti nel conflitto. Ad esempio, il Pakistan ha sostenuto i talebani e sta cercando di far avanzare i suoi interessi, allo stesso tempo il Pakistan è in conflitto con l’India, mentre l’Iran sta cercando di ottenere influenza sui talebani, dice l’ansioso Harpviken ad Aftenposten.

READ  C'è fondamentalismo religioso e scientifico

Russia

Quando la Russia ha annesso la Crimea dall’Ucraina nel 2014, ha intrapreso la modernizzazione militare e il riarmo. Secondo FE, ciò ha portato a uno squilibrio tra i paesi europei della NATO e la Russia, il che significa che la Russia sarà militarmente superiore nella regione del Mar Baltico nella fase iniziale del conflitto.

FE stima che la Russia sarà probabilmente in grado di inviare fino a 65 battaglioni da combattimento con un preavviso di 14 giorni, ma è improbabile che rischi deliberatamente un conflitto militare con la NATO nella regione, riferisce Berlingske. Secondo FE, è ancora lì, ma qui, e c’è il rischio di interpretazioni errate e potrebbero esserci malintesi che possono portare a conflitti. Non è per nulla che la leadership russa sia profondamente sospettosa delle intenzioni dell’Occidente.

Ad Aftenposten, anche Russia e Ucraina sono elencate come una delle crisi che colpiranno quest’anno. Hanno notato che la situazione lungo il confine era critica, poiché circa 100.000 soldati russi si sono schierati lungo il confine in due turni, prima in primavera e poi scomparsi, per poi tornare a novembre. A dicembre, il ministro della Difesa ucraino ha affermato che alla fine di gennaio potrebbe scoppiare una guerra su vasta scala se le forze russe fossero entrate in Ucraina. La NATO ha espresso in diverse occasioni i suoi timori di un’invasione russa dell’Ucraina. Il 10 gennaio, Russia e NATO si incontreranno per discutere della crisi, afferma Aftenposten.

Il ricercatore Nupi Helge Blakkisrud ritiene che Putin, attraverso il suo rafforzamento militare al confine con l’Ucraina, sia riuscito a portare sia gli Stati Uniti che la NATO al tavolo dei negoziati. Ma ciò che sta facendo il presidente degli Stati Uniti Joe Biden non è una buona cosa da dire. Forse Putin stava giocando con gli Stati Uniti deboli.

READ  Qui sfidano il governo con totale trasparenza:

Allo stesso tempo, Helge Blacksrud si rende conto che le richieste avanzate dalla Russia sono inaccettabili. Il requisito per non invadere l’Ucraina è che l’alleanza occidentale si impegni a non annettere le ex repubbliche sovietiche alla NATO. L’alleanza dovrebbe anche ritirare le sue forze combinate, ad esempio, dalla Polonia e dagli Stati baltici.

Cina

La superpotenza cinese sta guadagnando sempre più influenza, il che sta creando tensioni con i paesi occidentali secondo FE. FE considera l’obiettivo della politica di sicurezza della Cina di diventare la potenza regionale dominante nell’Asia orientale e nel Pacifico occidentale. Possono anche sfidare i paesi occidentali in molti modi. Innanzitutto l’aspetto economico, in quanto le aziende cinesi investono e acquistano nei paesi occidentali, mentre le attività possono essere sovvenzionate dallo Stato e svolgersi a “termini diversi”.

La Cina può anche acquisire la leadership tecnologica in determinati campi reclutando ricercatori occidentali e partecipando alla cooperazione di ricerca. FE vede anche il rischio che la scienza e la tecnologia civili acquisite nei paesi occidentali vengano utilizzate dalle forze armate cinesi. La Cina potrebbe anche, come ha fatto l’Occidente con la Russia, imporre sanzioni di un tipo o dell’altro.

FE stima che Cina e Russia nutrano una significativa sfiducia reciproca e che ciò limiterà l’estensione dell’influenza che la Russia darà alla Cina. Dalla valutazione dei rischi emerge anche che Cina e Russia hanno interesse a indebolire l’UE, il che indica l’importanza che i paesi europei restino uniti.

La Cina è menzionata anche in Aftenposten, quindi in relazione sia agli Stati Uniti che alla Russia. “Nel 2021 è diventato molto chiaro che gli Stati Uniti stanno spostando il focus della loro politica estera dal Medio Oriente all’Asia. L’anno prossimo, il rapporto tra Stati Uniti e Cina, in particolare, sarà caratterizzato dal quadro del conflitto, ” allo stesso tempo riferendosi alle voci su quanto sta accadendo a Taiwan. Negli ultimi sei mesi, la Cina ha ripetutamente negato che il Paese si stia preparando per un’invasione. C’è poi il malumore tra Cina e Russia, ma qui si riporta l’Aftenposten che “un comune rivale negli Stati Uniti ha avvicinato più che mai i due Paesi”. Lo scenario dell’orrore è un attacco cinese a Taiwan contemporaneamente all’invasione russa dell’Ucraina.

READ  Canvas non riproduce lo Store

Altre minacce e crisi

Oltre alle suddette quattro crisi evidenziate da Aftenposten, significano anche che dobbiamo seguire:

  • Etiopia
  • A cui
  • Iran, Israele e Stati Uniti
  • Bielorussia e Unione Europea
  • Israele e Palestina
  • clima

Alcuni di questi conflitti sono “vecchi e conosciuti”, come il conflitto tra Israele e Palestina e la guerra dei sette anni in Yemen, mentre altri sono conflitti che si sono riaccesi, come la guerra nel Tigray in Etiopia. Non è bene dire come si deteriorerà il conflitto di confine tra Bielorussia e Polonia, poiché la Bielorussia consente ai migranti di entrare in Europa per punire l’UE, perché anche Putin e la Russia svolgono un ruolo qui. Quanto a Iran, Israele e Stati Uniti, si tratta di nuovo dello sviluppo di armi nucleari da parte dell’Iran, se, tra l’altro, Israele lo considera una minaccia esistenziale. In autunno, Biden ha ripreso i negoziati con l’Iran per impedire all’Iran di sviluppare armi nucleari, ma finora sono stati infruttuosi.

Da parte sua, FE è focalizzata sullo spionaggio. Sia la Russia che la Cina sono menzionate per aver usato le loro abilità informatiche per spiare altri paesi. L’argomento è così privato che FE pubblica un rapporto separato su di esso. in un Minaccia informatica contro la Danimarca 2021 Afferma che la minaccia del crimine informatico è “estremamente alta”, con “tutte le autorità, le imprese e i cittadini danesi sotto costante e attiva minaccia da parte dei criminali informatici”.

Secondo FE, gli attacchi informatici sono spesso collegati ad altre sfide della politica di sicurezza che la Danimarca deve affrontare. Ciò significa, tra le altre cose, le ambizioni di Russia e Cina nelle vicinanze della Danimarca e dell’Artico. Quest’ultimo è importante, soprattutto per la Russia, ma anche per la Cina, poiché la regione diventa più accessibile attraverso nuove rotte marittime e l’estrazione di materie prime. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti e altri paesi occidentali hanno aumentato la loro presenza militare, il che può comportare il rischio di scontri ed escalation. La valutazione della minaccia di FE ha con ogni probabilità approssimativamente lo stesso bacino di utenza della Norvegia.

Quello che possiamo stabilire è che le minacce e le crisi non mancano fino al 2022.