domenica, Giugno 16, 2024

Minaccia una multa di un miliardo di dollari se lo sviluppatore eolico – E24 – si arrende

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Coloro che vinceranno la principale asta eolica offshore norvegese di questo autunno saranno multati di 2 miliardi di corone norvegesi se in seguito si ritireranno. – Basso livello di multe, dice un esperto britannico.

Il ministro del Petrolio e dell’Energia Terje Asland (AP) vuole con tutti i mezzi evitare che coloro che hanno vinto un’asta questo autunno per costruire Sørlige Nordsjø II si ritrovino a ritirarsi.
pubblicato:

Prima del 1° novembre, è probabile che fino a 15 gruppi, costituiti da molte delle più grandi società industriali norvegesi, presenteranno domande per sviluppare l’energia eolica offshore norvegese. Fino a otto di questi potranno fare offerte all’asta nel nuovo anno. Alla fine verrà selezionato un vincitore.

Il vincitore potrà sviluppare un parco eolico offshore Mare del Nord meridionale II.

Tuttavia, a livello internazionale, quest’anno molti progetti eolici offshore sono in fase di stallo. I costruttori si sono ritirati. Questo perché i loro costi sono saliti alle stelle dopo aver stipulato contratti con le autorità di questi paesi.

Per evitare il rischio che lo stesso accada in Norvegia, il ministro del Petrolio e dell’Energia Terje Asland (AFP) ha istituito un sistema dell’ordine dei miliardi.

Verranno inflitte sanzioni se il vincitore dell’asta autunnale non consegna come concordato.

Una multa di ca. 3,5% dell’investimento

– Se, dopo la conclusione del contratto, il promotore sceglie di non realizzare il progetto, dovrà essere pagata una multa di 2 miliardi di NOK.

È quanto scrive il Ministero del Petrolio e dell’Energia in una mail all’E24.

READ  I titoli tecnologici vengono penalizzati dopo il declassamento del rating FinanceAffairs.com

– Per quanto riguarda l’entità delle sanzioni, il Ministero segue gli sviluppi a livello internazionale. Il livello è stato determinato previa consultazione del nostro consulente d’asta, come indicato anche nell’e-mail.

Tuttavia, la multa di 2 miliardi di corone norvegesi non sarà superiore al 3-4% del potenziale costo di investimento di 50-60 miliardi di corone norvegesi per il progetto Sørlige Nordsjø II.

– al minimo

– Il livello delle multe norvegesi è al livello minimo per fungere da deterrente per uno sviluppatore che, nel frattempo, considera la mancata consegna come concordato.

Lo afferma l’esperto britannico di energia eolica offshore Richard Oakland. Lavora per la società di analisi 4C Offshore, di proprietà della società sismica norvegese TGS.

Auckland sottolinea che nell’ultima asta irlandese l’importo della multa era stato fissato tra il 5 e il 10% del costo d’investimento previsto.

Il problema con le multe molto basse è che fare un’offerta è come acquistare un’opzione, o un’opportunità, per costruire un progetto in futuro. Ma Auckland insiste sul fatto che imporre multe troppo elevate potrebbe allontanare gli offerenti o far salire il prezzo dell’asta.

In un’asta di questo tipo c’è un vantaggio per le autorità al prezzo più basso possibile.

più che negli Stati Uniti

Tuttavia, la potenziale multa norvegese di 2 miliardi di corone norvegesi è molto più alta di quella che la società energetica statunitense Avangrid è stata costretta a pagare di recente. Avangrid ha abbandonato un progetto eolico offshore da 1.200 megawatt al largo delle coste del Massachusetts.

Poi hanno dovuto pagare una multa di 48 milioni di dollari. Ciò equivale a poco meno di mezzo miliardo di corone.

READ  Gli esperti hanno cattive notizie sulla corona

Si prevede che anche Shell e Ocean Winds pagheranno all’incirca la stessa multa se abbandonassero un altro progetto nello stesso stato.

Per lo sviluppo di Sørlige North Sea II saranno collegate circa 75-100 turbine eoliche, con una capacità di 15-20 megawatt ciascuna, al fondo del Mare del Nord.

Equinor sta sguazzando negli Stati Uniti

Equinor, la danese Ørsted e la britannica BP stanno ora cercando di rinegoziare i termini dei loro progetti di sviluppo eolico offshore negli Stati Uniti. Resta da vedere cosa andrà a finire in questi casi. O ottengono condizioni migliori, oppure possono ritirarsi e pagare multe.

In Gran Bretagna l’unica penalità era che chi si arrendeva non poteva partecipare all’asta successiva. Pertanto, i costruttori che hanno visto che non stavano ottenendo buoni finanziamenti per il progetto, sono riusciti facilmente a rifarlo. L’azienda svedese Vattenfall ha recentemente smesso di sviluppare un progetto sullo scaffale britannico.

Anche le multe rappresentano una pietra miliare

Lo sviluppatore che ha vinto l’asta di questo autunno per Sørlige Nordsjø II Anche il rischio di multe durante lo sviluppo. Questo avviene se i traguardi concordati non vengono raggiunti in tempo.

  • 180 milioni di NOK: se il promotore è in ritardo di oltre 180 giorni nella consegna della valutazione d’impatto.
  • 730 milioni di NOK: se lo sviluppatore ritarda la decisione finale sull’investimento di oltre 730 giorni in più rispetto al tempo concordato.
  • 1 milione di NOK al giorno: se il completamento effettivo del parco eolico offshore viene ritardato di oltre un anno.

Non è ancora vero che lo sviluppatore rischia una penalità tardiva e poi 2 miliardi di NOK in più se rinunci a questo.

READ  - Sono orgoglioso di Zelensky

2 miliardi è il livello massimo della multa. Si rinuncia anche alle multe giornaliere se lo sviluppatore riesce a recuperare il tempo perduto e a finire all’orario concordato.

Altri uccellini di betulla che vagano in giro

Il governo aspira a completare qualche decina di turbine eoliche, con una capacità totale di 1.500 megawatt, entro il 2030.

Il Ministero del Petrolio e dell’Energia ha ancora un’ultima questione dietro lo specchio per rispettare il suo programma. Se il completamento del parco eolico offshore viene ritardato di oltre tre anni, le autorità ridurranno il cosiddetto periodo di sostegno.

Il periodo di sostegno durerà inizialmente 15 anni dal momento del completamento del parco. Durante questo periodo, lo sviluppatore può ricevere fino a 23 miliardi di corone norvegesi in sussidi se il prezzo di mercato dell’elettricità rimane inferiore al prezzo che lo sviluppatore ha concordato con le autorità.

Per ogni giorno di ritardo superiore a tre anni, anche il periodo di assistenza è ridotto di un giorno.

More articles

Latest article