sabato, Giugno 22, 2024

Musica, cultura e spettacolo | -Voglio far parte di nuovo della scena musicale della città

Must read

Jolanda Alfonsi
Jolanda Alfonsi
"Specialista del web. Avvocato freelance del caffè. Lettore. Esperto di cultura pop sottilmente affascinante."

– Nell’ultimo anno mi sono allenato per lunghe ore ogni giorno. Adesso mi sento bene almeno come prima dell’incidente. Dice che l’obiettivo è quello di tenere un concerto da solista nella sala della biblioteca recentemente rinnovata entro la fine dell’anno.

Leggi anche: -Questo è il posto a cui appartengono

Strumento costoso

Paragona il nuovo violino comprato l’anno scorso a una buona bottiglia di vino vecchio.
– È un siciliano italiano, annata 2013. Mi è costato più di 200.000 NOK, ma vale ogni centesimo. È ancora un po’ immaturo, ma sembrerà sempre migliore ogni anno che passa.

Leggi anche: – A mio padre piacerebbe

– Il vecchio violino è consumato?
– Potrebbe non essere stato indossato, ma nuovo è dieci volte meglio. È impossibile fare paragoni.

Clinodium: Tore Hovland ha investito in un violino Ciciliati italiano. È un sogno su cui giocare, si vanta.

Carriera nel gravel

Il figlio di Egil, Torey Hovland, è stato un musicista per tutta la sua vita adulta. Negli anni ’80 si guadagnò da vivere come musicista freelance a Fredrikstad. Ha suonato nell’orchestra della città e ha diretto la sua orchestra da camera.

Nel 1989 è stato nominato violinista dell’Orchestra Filarmonica di Oslo, incarico che ha mantenuto fino a quando non è stato investito da una motocicletta nel 2006 e la sua carriera musicale è stata sospesa.

Testardaggine ereditaria

-La strada del ritorno è stata lunga e tortuosa e ha visto molte battute d’arresto. Per i primi cinque anni, suonare il violino era completamente fuori discussione, ma ad un certo punto, nel 2011, ho ritrovato lo strumento e ho iniziato a suonare un po’ le corde, dice Hovland.

READ  Calcio, Calcio EC | Europei di calcio 2024: queste sono le partite che guardi in TV

– Solo l’anno scorso mi sono impegnato a fondo per penetrare nuovamente nelle profondità del violino.

Alla fine, Hovland sente che l’incidente e tutte le cose brutte si sono trasformate in qualcosa di positivo. Vive la pratica quotidiana come un trattamento per tutto il corpo, non ultima la testa.

Leggi anche: -Si tratta di belle esperienze

– Sono sempre stato testardo, e probabilmente l’ho ereditato da mio padre, e mi sono posto degli obiettivi lungo il percorso. Prima era la corsa, ora la musica è la prima priorità.

– Il filosofo Arne Ness una volta disse che l’arte della vita è fare piccole cose in grande stile. È un fatto di cui sono stato testimone.

Nuova festa in casa

Liv Inger Sandhaug, insegnante di musica alla Greåker High School, divenne la pianista abituale di Tore Hovland. Lo scorso autunno hanno tenuto insieme il loro primo concerto. La festa si è svolta nel soggiorno della famiglia Hovland a Bedalen davanti ad alcuni invitati.

– Ho interpretato Zigeunerweisen di Pablo de Sarasate, che è un lavoro piuttosto difficile. Ha superato tutte le aspettative. Ora ripetiamo questo risultato con un nuovo concerto il 14 marzo. Poi suonerò diversi brani, tra cui “Overture e Rondò Capriccioso” di Camille Saint-Saëns.

– Quando ti sentiremo suonare di nuovo in uno spazio pubblico?
– Ho ricevuto un invito da mio fratello Per Egil, che è responsabile della serie di concerti presso la chiesa di Lir fuori Drammen. Io e Liv suoneremo lì il 23 marzo. Questo sarà il mio primo concerto da solista in 25 anni.

READ  Lo prendeva in giro quando cantava

-Cosa pensi del futuro?
-Voglio far parte di nuovo della scena musicale a Fredrikstad. Non so in che modo, ma voglio suonare e rendere felici le persone. Ho ancora solo 62 anni e sento di avere ancora molto da fare come musicista.

More articles

Latest article