Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Nagorno-Karabakh: Paura di pulizia etnica – VG

Nagorno-Karabakh: Paura di pulizia etnica – VG

Migliaia di armeni sono fuggiti all’aeroporto del Nagorno-Karabakh dopo che l’Azerbaigian ha fatto pressioni sui separatisti affinché deponessero le armi. “Pulizia etnica”, è ciò che il leader de facto del Karabakh chiama ciò che sta accadendo.

Pubblicato:

Dopo una giornata di combattimenti che ha causato la morte di almeno 32 persone, i separatisti armeni nella repubblica separatista del Nagorno-Karabakh Con l’Azerbaigian che chiede di deporre le armi Mercoledì.

“Non avevamo scelta”, dicono i separatisti. Hanno combattuto contro “un nemico superiore in manodopera ed equipaggiamento militare”.

Ora l’Azerbaigian vuole integrare pienamente la repubblica separatista nel paese.

L’agenzia di stampa azera ha citato Hikmet Hajiyev, consigliere del presidente dell’Azerbaigian, che ha affermato che queste unità integreranno 120.000 persone di origine armena nella regione, e i loro diritti saranno protetti dalla costituzione. Rea.

Ma migliaia di armeni che ora sono fuggiti all’aeroporto della capitale del Karabakh testimoniano che molti ora temono per il futuro. Reuters.

READ  Trump Pool - Nuovo suggerimento: - Indietro

Ciò è confermato dal professore associato UiO dell’ILOS, Helge Plaksrud.

– L’ulteriore destino degli armeni nel Nagorno-Karabakh è ora molto incerto, dice a VG.

“Pulizia etnica”

Anche la leadership politica armena trova difficile immaginare che l’integrazione dei separatisti nel territorio azerbaigiano possa avvenire senza intoppi.

Vice Ministro degli Affari Esteri dell’Armenia Dillo Gli armeni del Karabakh potrebbero vivere in un “mondo ideale” sotto il dominio azerbaigiano, ma questa esperienza storica rende difficile immaginarlo.

Poiché la regione è stata al centro di due guerre dalla caduta dell’Unione Sovietica nel 1991, è facile comprendere questi dubbi.

Alcune forze in Armenia hanno addirittura accusato l’Azerbaigian di tentare di pulire etnicamente la regione.

– Fondamentalmente ci dicono che dobbiamo andarcene, o accettare che questo faccia parte dell’Azerbaigian. Questa è in realtà una tipica pulizia etnica, dice Robin Vardanyan L’economista È il leader de facto degli armeni in Karabakh Reuters.

L’Azerbaigian nega questa accusa, secondo l’agenzia di stampa.

Danni ingenti: in soli due giorni, le forze azere hanno scatenato disordini e causato gravi danni alle infrastrutture e agli edifici nel Nagorno-Karabakh.

Paura di una fuga di massa

I residenti del Karabakh sono rimasti senza cibo per settimane dopo che i manifestanti azeri hanno chiuso per un mese l’unica strada che collega l’enclave all’Armenia e al mondo esterno.

Vardanyan aggiunge che non cederanno alle pressioni L’economista.

-Possiamo resistere a lungo, non è una questione di cibo. Dipende se viviamo nella nostra patria o se facciamo parte dell’Azerbaijan”, dice alla rivista Ruben Vardanyan.

– Il ricercatore Helgi Plaksrud afferma che le persone nel Nagorno-Karabakh ora temono cosa accadrebbe se l’Azerbaigian prendesse il controllo della regione.

READ  I prigionieri di guerra britannici chiedono aiuto a Boris Johnson - NRK Urix - Notizie e documentari esteri

Dice che la stessa popolazione di etnia armena vuole essere indipendente, ma con il legame più stretto possibile con l’Armenia.

– Cosa possono fare i cittadini del Paese se ciò accade?

Il confine tra il Nagorno-Karabakh e il resto dell’Azerbaigian è stato chiuso ermeticamente per quasi 30 anni, rafforzando l’immagine del nemico e la paura dell’Azerbaigian. La stragrande maggioranza degli armeni locali probabilmente fuggirà in Armenia se l’Azerbaigian riuscirà a restaurare la repubblica separatista.

Ricercatore: Si tratta di un conflitto con radici profonde, afferma il ricercatore Helgi Plaksrud.

Conflitto profondamente radicato

Secondo la BBC, la regione montuosa del Caucaso meridionale è il focolaio di uno dei conflitti più lunghi del mondo.

questo è il motivo:

*Armenia e Azerbaigian hanno già combattuto due guerre per il Nagorno-Karabakh. Il primo è avvenuto circa 30 anni fa e il secondo nel 2020.

* I separatisti armeni controllano la regione dal 1994, sebbene la regione faccia parte dell’Azerbaigian secondo il diritto internazionale.

* Nel 2020, l’Azerbaigian ha lanciato una guerra di 44 giorni per riconquistare il territorio. Ci sono riusciti, ma ciò ha portato anche a nuovi problemi, poiché le autorità armene hanno provato alcune parti del successivo accordo di cessate il fuoco, dice Blakesrud.

Inoltre, da tempo vi sono ambiguità e disaccordi tra Armenia e Azerbaigian sulla direzione del confine tra i due paesi. Il ricercatore spiega che ciò ha portato ad una maggiore insoddisfazione negli ultimi anni.

Proteste: nel dicembre 2022, una gigantesca bandiera armena è stata issata a Stepanakert, in segno di protesta contro la guerra dell'Azerbaigian nella regione.