Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Nasdaq è sceso drasticamente dopo il nuovo numero di posti di lavoro e un altro aumento nel decennio

Il caso è aggiornato.

Venerdì pomeriggio, i numeri del mercato del lavoro statunitense, spesso definiti “i numeri più caldi del mese”, hanno mostrato che a dicembre sono stati creati meno posti di lavoro del previsto.

Sono stati creati 199.000 nuovi posti di lavoro, mentre gli analisti prevedevano in anticipo una crescita di 443.000 posti di lavoro.

Durante gli orari di apertura di Wall Street, tutti e tre i principali indici sono scesi dall’inizio. Un’ora e mezza dall’inizio delle negoziazioni, l’indice Nasdaq high-tech è aumentato ulteriormente al ribasso.

Il Nasdaq è in calo di oltre l’1% prima delle 17:00 ora norvegese. Il calo è aumentato in linea con un altro aumento negli Stati Uniti di dieci anni, il tasso di interesse sul debito pubblico americano con scadenza a dieci anni. Il bambino di dieci anni si è alzato Forte nei primi giorni del 2022Ora si sta avvicinando all’1,8 per cento.

Un aumento dei tassi di interesse a lungo termine è spesso negativo per le cosiddette società in crescita, che sono società il cui prezzo viene fissato in base agli utili futuri. Pertanto, l’indice Nasdaq basato sulla tecnologia spesso fluttua in linea con i tassi di interesse perché molte società tecnologiche sono considerate società in crescita.

Rumore

Halfdan Grangaard, stratega degli investimenti presso Handelsbanken, pensa che i numeri inferiori alle attese siano facili da interpretare come rumore.

– Mentre i numeri di oggi sono stati inferiori alle attese, anche i mesi precedenti sono stati rivisti al rialzo. Quindi i numeri di oggi sono difficili da interpretare come parte di una tendenza, dice.

READ  - I rischi climatici devono governare - E24

a Novembre, crescita corretta verso l’alto di 210.000 nuovi posti di lavoroA 240K, i numeri rivisti appaiono venerdì.

Il tasso di disoccupazione è sceso dal 4,2 al 3,9 per cento da novembre a dicembre.

Gangård è più preoccupato per la crescita dei salari, che è diminuita meno del previsto a dicembre ed è ora vicina al cinque percento anno su anno.

Date le preoccupazioni sulle prospettive di inflazione e su come influenzerà la politica monetaria, è probabile che il mercato presterà maggiore attenzione a questo. Semmai, i numeri odierni non agricoli supportano il timore di tassi di interesse più elevati a causa dell’aumento dell’inflazione, senza che l’economia reale indichi che i tassi di interesse dovrebbero aumentare molto rapidamente.

Sebbene la crescita sia stata molto più bassa di quanto molti si aspettassero in anticipo, dicembre è stato il 12° mese consecutivo di crescita dell’occupazione negli Stati Uniti. L’indagine, denominata Nonfarm Payrolls, mostra il numero di posti di lavoro creati in tutti i settori del mercato del lavoro statunitense, ad eccezione dell’agricoltura.

In un commento, Knut A. Magnussen, capo economista di DNB Markets, ha attribuito i numeri deludenti a una carenza di manodopera. Indica inoltre che le revisioni degli ultimi due mesi hanno compensato la debole crescita di dicembre.

Da parte sua, sottolinea che la marcata diminuzione della disoccupazione rappresenta un rischio maggiore per il perdurare di un’inflazione elevata.

– C’è motivo di credere che la Banca Centrale sarà più ansiosa di iniziare ad aumentare i tassi di interesse dopo questo rapporto. Il mercato sta ora scrivendo sul primo rialzo dei tassi alla riunione di marzo.

READ  - Qui ci spostiamo dalla tomba alla culla - E24

Seguiamo da vicino

I numeri sull’occupazione negli Stati Uniti sono spesso indicati come “i numeri più caldi del mese”, perché i numeri danno un’indicazione di come stanno andando le cose nell’economia più importante del mondo. La Federal Reserve (Fed) sta seguendo da vicino i numeri e vengono anche osservati da vicino nei mercati finanziari di tutto il mondo.

Il primo “Patrimonio non agricolo” dell’anno arriva pochi giorni dopo la Fed Ho rilasciato il verbale della riunione che ho tenuto a dicembre. Si diceva che la Fed fosse sempre più preoccupata per l’elevata inflazione alla fine dello scorso anno, Contestualmente all’annuncio di tassi di interesse più elevati e di un taglio più rapido degli acquisti di supporto, il tanto discusso.

Se l’inflazione fosse continuata, molti membri della Fed erano preoccupati che la banca centrale sarebbe stata costretta a subire un “contraccolpo”, si legge nel verbale della riunione. Alcuni membri del comitato dei tassi di interesse immaginano che la Fed potrebbe dover aumentare i tassi “prima oa un ritmo più veloce” per tenere il passo con l’elevata inflazione. (Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un collegamento che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.