Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Natalia Ginsburg – Dagsavessen

Natalia Ginsburg

‘Piccole virtù’ E il «Family Encyclopedia»

Tradotto da Agnete Vossgård e Astrid Nordang

Casa editrice di ottobre

Cara Natalia, smettila di avere figli e scrivi un libro migliore del mio.

Il messaggio era che l’autore italiano Cesar Pavese (1909-1950) inviò una cartolina a Natalia Ginsburg (1916-1991) nel 1941. Ginsburg aveva all’epoca 25 anni, la madre impegnata di un bambino piccolo. .

Non aveva sentito il consiglio di Bob sulla pianificazione familiare. Al contrario, Natalia e suo marito, Leon, hanno dato alla luce un altro bambino tre anni dopo. Prima che potessero ottenere di più, Leon fu torturata a morte in una delle prigioni di Mussolini, per il suo lavoro antifascista.

Era il 1944. Natalia Ginsburg aveva già debuttato come scrittrice, nel 1942. Ma pochi anni dopo la morte di Leon, quando i suoi tre figli erano un po ‘più grandi, aveva già iniziato a scrivere.

E cosa sono diventati i libri! Due di loro ora compaiono nelle nuove traduzioni norvegesi, il che spiega perché Natalia Ginsburg è considerata una delle più eminenti scrittrici italiane del dopoguerra. Non si sa se sia migliore di Cesar Bevsis, perché il suo unico romanzo tradotto in norvegese, “The Moon and Bonfire” del 1967, non è stato stampato molto tempo fa.

La raccolta di articoli di Natalia Ginsburg “Piccole virtù” del 1962 è stata pubblicata per la prima volta in norvegese nel 1992. Ora è stata ristampata dalla casa editrice di ottobre, con una nuova introduzione scritta da Rachel Kosk.

L’opera più famosa e più conosciuta di Ginsburg, il romanzo biografico “Familieleksikon” del 1963, viene ora pubblicato per la prima volta in norvegese. Astrid Norang ha tradotto, Tove Nielsen ha scritto l’introduzione.

“Non c’è bisogno di contesto per leggere Natalia Ginsburg – leggerla ci rende effettivamente consapevoli della quantità di letteratura che spesso sovraccarica l’ambiente sociale e fisico che la circonda. Tuttavia, i suoi testi non sono eccessivamente astratti o filosofici: sono fondamentalmente pratici e personale “, scrive Rachel Cusk in” The Little Virtues “. Questo non è uno stupido riassunto.

Inoltre, Kusk spiega che i saggi su “Piccole virtù” insieme costituiscono la base della biografia di Natalia Ginsburg. Il primo articolo, “Inverno in Abruzzo”, parla di un periodo in cui lei e suo marito, Leon, vivevano in esilio nelle campagne italiane, dove furono esiliati dai fascisti.

Scrive: “Qualche mese dopo aver lasciato il paese, mio ​​marito è morto nel carcere di Regina Coli a Roma. È stato il periodo più bello della mia vita, e solo ora che se n’è andato per sempre, solo ora lo so”. .

In “Familieleksikon” il lettore ottiene una versione più lunga e dettagliata. È una biografia piena di persone, eventi e note. La vita con la sua miscela grande e piccola. Scrive del suo buon padre, scienziato e appassionato di outdoor. Della mamma più moderata, che ama raccontare storie.

Qui ci sono quattro fratelli maggiori, altri parenti, una famiglia allargata, amici, nemici, colleghi e vicini. Molti di loro sono personalità di spicco della storia italiana, e molti di loro non lo sono affatto. La maggior parte di loro sono antifascisti e si attengono costantemente alla legge per questo motivo: Natalia Ginsburg era giovane negli anni ’30 e ’40. Mussolini è stato il “leader” fascista d’Italia dal 1922 al 1943.

Molti hanno pagato prezzi elevati per l’attività. Anche Natalia Ginsburg. Ovviamente, il fatto che la sua famiglia e il marito fossero così non rafforza la loro popolarità presso il governo.

Dopo la morte di Leon, Natalia ha combattuto duramente contro la povertà come unica fonte di sostentamento per tre bambini piccoli. Successivamente ha sposato l’accademico e traduttore Gabriel Baldini. Avevano due figli con gravi disabilità. Il figlio è morto prima del suo primo compleanno. La figlia Susanna ha la testa d’acqua e ha bisogno di molte cure. Natalia Ginsburg si è presa cura di se stessa, a casa. Ma questo è esattamente ciò di cui non ha scritto. Un nuovo successo è arrivato quando il suo secondo marito, Gabriel, è morto all’età di 44 anni.

Tristezza a parole. Ma anche speranza. La capacità di godere delle piccole cose. Volate tutti i giorni della settimana. Scene divertenti, detti divertenti, barzellette interne. “Elementi essenziali pratici e personali”, afferma Rachel Kosik.

L’editoria si inserisce così bene con la buona tendenza degli editori a riscoprire la paternità “dimenticata”, spesso autori che prima non erano presenti in lingua norvegese, anche se sono classici nel loro paese d’origine. In molti casi, ha scritto sulla crescita, la giovinezza e la vita come figlia, moglie e madre.

Un esempio di ciò è Vivian Gornick (nata nel 1935). In libri come “Heftige bånd” scrive anche della sua educazione in un ambiente ebraico, nel suo caso a New York negli anni Quaranta e Cinquanta. Il libro è stato pubblicato dal 1987 in norvegese solo nel 2019.

La brasiliana Clarisse Lesspector (1920-77) è un’altra cosa. Aveva anche un background ebraico: la famiglia è fuggita dai pogrom in Ucraina da bambina. “Near the Wild Heart of Life” del 1943 e “Family Links” del 1960 arrivarono in norvegese alcuni anni fa.

I legami familiari sono anche una delle parole chiave della francese Annie Erno (nata nel 1940), che ora gode di un grande successo con la traduzione norvegese di libri come “Oren” (2008) – un libro che descrive tra le altre cose la sua educazione negli anni ’50 .

Quando la trilogia danese Tove Detelfsen (1917-1976) a Copenaghen, “Childhood”, “Youth” e “Married” (1967-1971) è stata recentemente tradotta in inglese, i libri hanno ricevuto recensioni entusiastiche. Anche qui a casa, la trilogia di Copenhagen, così come Barendomen’s Gate (1944) e They Harm a Child (1941) sono apparse in nuove edizioni.

Questo sottolinea il punto: i buoni libri possono resistere alla prova del tempo. I libri di Natalia Ginsburg sono visti come nuovi, anche se in realtà sono più vecchi di molti lettori.

“Small Virtues” e “Family Encyclopedia” sono ora pubblicati in norvegese.

READ  Gli atleti italiani tornano a casa dai Mondiali di pattinaggio di figura dopo l'infezione da Corona: - Molto delusi