Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Nel 2018, un asteroide è esploso nel deserto del Kalahari. Gli scienziati ora sanno da dove proviene

Per la prima volta, gli astronomi hanno seguito il viaggio di un asteroide dalla Terra fino al punto da cui proveniva. Credono che il viaggio sia iniziato 22 milioni di anni fa.

L’asteroide ha colpito l’atmosfera terrestre un giorno di giugno 2018 ed è esploso in piccoli pezzi sparsi nel Kalahari in Botswana.

L’asteroide si chiamava 2018LA, ma da dove veniva? Ora i ricercatori hanno seguito l’intero viaggio.

I primi a scoprire l’asteroide sono stati gli scienziati che monitoravano gli asteroidi per il Programma di difesa planetaria della NASA. Credevano che le dimensioni fossero troppo piccole per rappresentare una minaccia, ma sarebbe stato interessante per ulteriori indagini.

Quando i resti di asteroidi, chiamati anche meteore, sono atterrati, una collaborazione di ricercatori internazionali ha iniziato a trovarli e l’origine dell’asteroide.

Ha viaggiato per 22 milioni di anni

L’astronomo di meteoriti Peter Jenniskins del SETI Institute della NASA negli Stati Uniti è andato in Botswana.

Lì ha incontrato Oliver Musa all’Okavanga Research Institute, e insieme hanno seguito i video di un’esplosione di asteroidi nel cielo, secondo lui. Comunicato stampa del SETI.

Mohutsiwa Gabadirwe (al centro) e Peter Jenniskens (a sinistra) nel sito in cui hanno trovato il secondo pezzo dell’asteroide 2018 LA, Central Kalahari Game Reserve.

Usando i video, Moses e Jenniskins sono andati a esplorare i meteoriti con i geologi della Botswana International University of Science and Technology (BIUST) e del Botswana Institute of Geosciences.

“Il quinto e ultimo giorno di esplorazione, Leside Cichiro del BIUST ha trovato il primo meteorite, a soli 30 metri dal campo”, dice Jenniskins.

Pesava 18 grammi e misurava circa 3 centimetri.

Un totale di 23 meteore di asteroidi sono state trovate sparse nella Riserva del Kalahari Centrale.

Ma da dove vengono?

Segui il volo all’indietro

Gli scienziati della NASA hanno seguito il viaggio dell’asteroide sulla luna, utilizzando telescopi in Arizona e Hawaii.

Ma gli astronomi in Australia hanno immagini dal telescopio SkyMapper nel New South Wales e hanno anche catturato la traiettoria di volo dell’asteroide.

Utilizzando le immagini di tre telescopi in diversi luoghi della Terra, i ricercatori hanno ricostruito l’intero viaggio Watchman. Le tracce hanno portato a Vesta, un asteroide gigante e quasi sferico nella fascia degli asteroidi che suona in un enorme anello attorno al Sole, tra Giove e Marte.

E gli astronomi sapevano già molto su questo asteroide.

Vesta fu scoperta per la prima volta il 29 marzo 1807 e prese il nome dalla dea romana della casa e del focolare. Secondo la NASA.

La sonda Dawn è arrivata a Vesta nel 2011 ed ha esplorato l’asteroide gigante per 14 mesi.

Cratere lì e “il candidato”

Le analisi mineralogiche hanno anche indicato che l’asteroide 2018LA proveniva da Vesta.

Secondo il Guardian, il mix di minerali nei meteoriti del Botswana è quello che gli scienziati hanno creduto a lungo abbia avuto origine da lì.

Mentre il team ha rintracciato la pietra dalla stanza al luogo dell’incidente, sono stati in grado di calcolare un percorso molto accurato che corrisponda all’originale vicino a Vista.

Questo è quanto ha detto al giornale il planetologo Ashley King del Natural History Museum di Londra.

Ci fornisce una delle migliori connessioni che abbiamo tra asteroidi e meteoriti. Sapere da dove provengono i meteoriti mette il modo in cui si sono formati nel contesto, ed è molto importante capire la storia del nostro sistema solare.

Ha viaggiato per 22 milioni di anni

Gli scienziati ritengono che l’asteroide sia decollato da Vesta in una collisione circa 22 milioni di anni fa.

Vesta punteggia le fosse delle scaramucce attraverso i secoli.

Un meteorite con una miscela minerale simile è caduto sulla Turchia nel 2015. Questa meteora e la meteora del Kalahari potrebbero provenire dalla stessa collisione su Vesta?

Le analisi dei meteoriti al Kalahari indicano che la risposta era no – non erano esattamente la stessa cosa. Secondo il comunicato stampa dell’Istituto SETI, i meteoriti in Turchia e nel Kalahari sarebbero probabilmente tornati in due diversi crateri Vesta.

Peter Jenniskins ritiene che il cratere Rubria sia un candidato caldo per l’origine dell’asteroide esploso sul Botswana nel giugno 2018.

Questo cratere ha un diametro di poco più di 10 chilometri e circa 19 milioni di anni, con il chiaro di luna della luna di tre milioni di anni.

Foto di Rubria scattate da Dawn

Foto di Rubria scattate da Dawn

Potrebbe avere diversi fratelli maggiori

Anche i bambini Festa sono già venuti sulla Terra.

Due giganteschi crateri stanno assistendo a collisioni molto precedenti che hanno distrutto fino all’1% di Vesta, secondo NASA.

Gli scienziati ritengono che il sei percento di tutti i meteoriti che troviamo sulla Terra provenga da questi antichi incontri nello spazio.

Ci piacerebbe sentire la tua opinione!

Si prega di contattare qui
Hai commenti, domande, elogi o critiche? O un consiglio su qualcosa di cui dovremmo scrivere?

READ  La prossima partita di sport estremi Ubisoft è stata programmata