Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Nelle forze armate, i leader non hanno posto senza fiducia

Questo è l’argomento di discussione. La pubblicazione esprime le opinioni dell’autore. Invia registri e voci di discussione al forum della difesa qui.

Sistema di notifica apparentemente non funzionante, incolto e croccante. Cerco manager che dimostrino la loro energia e seguano i loro stessi consigli. Voglio presidenti che si impegnino a rispettare i valori fondamentali a cui diamo la massima priorità. Quando ciò non viene fatto, sono prevedibili le conseguenze.

La gestione della difesa si concentra su azioni e procedure semplici, ma è davvero questo il problema? Penso che le persone dietro il sistema siano il problema e la soluzione. Penso che non ci rendessimo pienamente conto di quale fosse effettivamente la sostanza di questi problemi. Il Dipartimento della Difesa sta cercando di risolvere un problema, ma non quello giusto.

già visto

Quando anche la mia prima ondata di casi di notifica è arrivata nel 2017, le forze armate norvegesi, come altre società, sono state colpite. L’ondata ha messo in luce temi come le differenze di genere, l’abuso di potere e le molestie sul posto di lavoro. Come misura, le forze armate norvegesi hanno dovuto rivedere la routine e concentrarsi su valori e atteggiamenti. Cinque anni dopo, si torna all’inizio. perché?

Il capo della difesa ha tenuto colloqui, ha dato seguito alle notifiche e ha implementato nuove routine e procedure operative. Ma basta questo? La risposta è no. Come possiamo aspettarci risultati diversi quando stiamo ancora cercando di risolvere lo stesso problema con le stesse azioni?

Penso che al cuore del problema ci sia qualcosa di più profondo, meno tangibile e più difficile da quantificare. Trattiamo i sintomi. La malattia rimane non trattata.

Quello che non vogliamo dire ad alta voce

Non credo che la soluzione possa essere trovata nei riepiloghi su come notificare. La soluzione non è che i manager debbano seguire un corso e-learning sull’interesse sessuale indesiderato. Penso che la soluzione sia rendersi conto che questa sfida non riguarda solo la notifica.

Sono nell’esercito da più di undici anni e ho avuto molti bravi capi. Tuttavia, voglio sfidare questi stessi capi: le semplici erbacce sono il vero problema o è il sistema stesso?

Penso che una delle sfide abbia a che fare con la gestione, la cultura dell’uomo giusto, la negatività e il desiderio di compiacere i superiori di linea. Credo che questo derivi da un sistema professionale gerarchico di indottrinamento dogmatico, che premia gli ufficiali avanti e indietro all’interno del box, mentre i valori vengono dimenticati nella difficile quotidianità.

READ  Dibattito, demenza | Demenza - l'elefante nella stanza

In una vita frenetica di tutti i giorni in cui non hai tempo per fare quello che devi fare, scegliere di dare la priorità all’invisibile rispetto a giocare bene con il visibile può lasciarci paralizzati e passivi. Immagino che questo sia il motivo per cui gli stati di notifica sono nascosti.

Ci prendiamo cura l’uno dell’altro, nel bene e nel male: cameratismo e lealtà al sistema ci sono. La sfida è quando la lealtà ci acceca. Il tuo capo è il tuo migliore amico. Riusciamo ad essere bravi nelle cose? I colleghi che hanno prestato servizio insieme per decenni sono gli amici dell’accademia militare, poi i fidanzati – poi improvvisamente una festa sulla questione del whistleblowing che devi affrontare da solo.

non istruito

È allarmante che alcune persone non si rendano conto che questa è una cosa incolta. La cultura è troppo radicata, è ingenua, l’amministrazione ha perso il contatto con la terra? Oppure, come dice il capo della difesa Eric Kristofferson, non c’è ambiguità nelle forze armate?

Dalle dichiarazioni della difesa mi sembra che l’amministrazione non capisca il vero problema. Riguardo al caso, il colonnello e le due donne, Elizabeth Nattvig, Capo di Stato Maggiore della Difesa, hanno dichiarato di “non aver riscontrato alcuna circostanza indesiderabile nel modo in cui il caso è stato gestito nel canale di notifica”.

È preoccupante che il Vice Ammiraglio sembri a suo agio nel permettere alla persona in questione di ricevere promozioni e corsi più prestigiosi. La natura della situazione di notifica è grave. La fiducia è stata infranta con tutte le persone coinvolte.

La maggioranza silenziosa

La fiducia nel sistema, l’uno nell’altro e nei capi militari è il cardine della gestione militare. “La gestione basata sul valore è assolutamente necessaria affinché le forze armate ottengano la necessaria fiducia sia nella popolazione che nei nostri clienti. Questa fiducia è la base della legittimità per le forze armate ed è l’ultimo mezzo di potere per lo stato”, Christophersen ha scritto nella pubblicazione “Approccio fondamentale alla gestione delle forze armate”. Dobbiamo poter avere fiducia che il giudizio del manager sia buono e che il manager debba rappresentare, con le sue azioni, i valori che motiviamo.

Vita: in ultima istanza, a seconda della nostra capacità di emettere giudizi, ordiniamo ai nostri soldati di uccidere o sacrificare le loro vite, ha scritto lo scrittore del post.

Alla fine, a nostro giudizio, ordiniamo ai nostri soldati di uccidere o sacrificare la propria vita. È necessario fidarsi della capacità di giudizio del manager. La mancanza di fiducia nel leader ha una conseguenza diretta su quanto siamo efficaci nel conflitto. Cosa facciamo quando l’integrità di un leader è in dubbio? Come possiamo fidarci di una persona che sfida direttamente gli stessi valori che sollecita?

READ  Le specie esotiche minacciano le anguille

Penso che la maggioranza silenziosa dovrebbe mettersi alla luce e prendere una posizione ferma su questo tema. Come nel circolo dei bulli del cortile della scuola, abbiamo il bullo e la vittima e tutti gli altri stanno guardando. Abbiamo una scelta. Se scegliamo negativo, siamo parte del problema. Se scegliamo di essere invadenti, rischiamo di distinguerci, ma fermiamo il bullismo. La società se lo aspetta e i soldati se lo aspettano. Sappiamo tutti cosa è giusto, ma possiamo farlo?

Il potere dei modelli di ruolo

I leader a tutti i livelli richiedono che i subordinati seguano i valori fondamentali delle forze armate norvegesi di rispetto, responsabilità e coraggio. Ai miei occhi, il comandante delle Guardie di Sua Maestà, il tenente colonnello Trond Robert Voorbridged, mostra il potere dell’azione e rispetta, responsabilità e coraggio quando 30 soldati vengono congedati dopo l’abuso di droghe.

“Non mi fido dei 30 che hanno confessato di fare uso di droghe illegali”, Maschio Forbregd per NRK.

Per me, Forbregd è il potere di un modello. Ispira fiducia, non solo nel comandante della guardia, ma nelle forze armate. Non vedo la volontà della leadership difensiva di sottomettersi a qualcosa di diverso dai processi formali e dai sistemi burocratici. Penso che abbia a che fare con la cultura.

Non ho fiducia in un regime che sceglie di dimenticare che i leader oi dipendenti militari sono stati condannati per stupro, molestie sessuali e abuso di potere. Non mi fido dei leader che promuovono chi abusa del potere e danno loro posti a scuola, promozioni o posizioni che avanzano nella loro carriera. Non mi fido dei leader che stanno davanti all’Assemblea ed esortano i valori, ma allo stesso tempo molestano e abusano delle loro posizioni per favori sessuali.

READ  UV invita i giovani a partecipare ai club scientifici messicani

caso di difesa

Promuovendo le erbacce, gli spazi scolastici e altri vantaggi, non è solo accettazione, ma una ricompensa. Questo è inaccettabile e chiedo al top management delle forze di difesa norvegesi di aderire ai nostri valori fondamentali. Per iniziare a ricostruire la fiducia, la leadership della difesa deve mostrare azione e prendere le conseguenze per aver violato i nostri valori fondamentali. Coloro che hanno sfidato devono andare.

Questa non è una questione femminile. Questo è un caso di difesa. La società mette in dubbio i valori delle forze armate. Rispondiamo gestendo adeguatamente le situazioni di notifica in conformità con i nostri requisiti e linee guida uniformi.

Non si tratta solo di casi di notifica. Riguarda ciò che rappresentiamo quando ci vestiamo e portiamo la bandiera sulla spalla. Riguarda la nostra fiducia nelle forze armate e la fiducia della società in noi. Se non lo vediamo, abbiamo già perso.

forza per il cambiamento

Incoraggio tutti a farsi coinvolgere, perché penso che questa sia la cosa più importante che rappresentiamo: i valori norvegesi. Credo che a un livello basso possiamo influenzare il sistema e abbiamo il potere di cambiare, non accettando. Dobbiamo dimostrare che il rispetto, la responsabilità e il coraggio non sono qualcosa di cui i leader parlano quando fa al caso nostro. È qualcosa di cui dobbiamo vivere, sempre, e non solo quando ci fa comodo.

Non lavoriamo come ufficiali. noi lui è ufficiali. Nell’ambito della professione militare, vengono poste richieste elevate a soldati, comandanti e ufficiali. Se non soddisfi questi requisiti, non c’è posto per te in questa professione. Non è un diritto umano essere un soldato professionista. Ogni volta che riduciamo i requisiti, indeboliamo anche il nostro orgoglio e la nostra integrità professionale.

Nelle forze armate, i leader non hanno posto senza fiducia.