Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

New York respinge la richiesta di Equinor di maggiori aiuti: a rischio i progetti eolici offshore

New York respinge la richiesta di Equinor di maggiori aiuti: a rischio i progetti eolici offshore

I tre grandi progetti eolici offshore erano fuori dallo Stato di New York, negli Stati Uniti, per dimostrare le ambizioni rinnovabili di Equinor e come la società dovesse implementare la transizione verso un futuro più verde. Ha dovuto affrontare seri problemi finanziari dopo il massiccio aumento dei costi.

– Non nell’interesse dei clienti

All’inizio di quest’anno, Equinor e il suo partner, BP, hanno inviato una richiesta alle autorità statali di New York in cui chiedevano migliori condizioni quadro. La risposta è arrivata giovedì.

– La Commissione per il servizio pubblico dello Stato di New York ha respinto oggi le richieste di un gruppo di società eoliche offshore e di un gruppo di difesa delle energie rinnovabili che chiedevano miliardi di dollari in finanziamenti aggiuntivi per quattro progetti eolici offshore proposti e 86 progetti onshore, ha scritto la commissione.

Il comitato ha valutato le conseguenze delle proposte avanzate e ha concluso che non erano “nell’interesse dei clienti”. Le proposte avrebbero comportato un aumento delle bollette elettriche del 6,7% per i clienti del settore privato e del 10,7% per i clienti commerciali.

Le modifiche richieste ai contratti avrebbero richiesto modifiche al di fuori della procedura di gara competitiva. Questo tipo di mitigazione è fondamentalmente incoerente con la politica di lunga data del Comitato. La Commissione ha ripetutamente affermato che la concorrenza nel processo di appalto è necessaria per proteggere i clienti e rappresenta l’approccio più logico per raggiungere importanti obiettivi statali in modo affidabile ed economicamente vantaggioso. Ed è quello che stiamo facendo con la decisione di oggi, afferma il presidente della commissione Rory M. Cristiano, nella sua dichiarazione.

– Si siede troppo dentro

Il Piano A mira ancora a sviluppare i tre parchi eolici offshore, ha dichiarato il direttore delle energie rinnovabili di Equinor, Pål Eitrheim, in un’intervista a Dagens Næringsliv alla fine di settembre. Eitrheim ha confermato che l’importo totale di risoluzione dei contratti ammonterà a poco meno di 180 milioni di corone norvegesi per Equinor.

Il valore contabile dei progetti Empire e Beacon è di circa 400 milioni di dollari, ovvero 4,3 miliardi di corone ai tassi di cambio attuali. Ciò include quanto Equinor ha pagato per la regione fuori Long Island e quanto l’azienda ha investito in progetti fino ad oggi.

-Il valore contabile ad oggi è relativamente limitato. Tale valore aumenterà in linea con gli investimenti in progetti. I valori totali inclusi sono molto più alti, ha detto Etterheim.

READ  Salmar galleggia sulla debole Oslo Borse - E24

È noto, tra gli altri, che Equinor e BP hanno scelto Vestas come fornitore di turbine, Maersk Supply Service come nave di installazione e Nexans come fornitore di cavi. Per la maggior parte dei contratti non viene menzionato alcun valore e vengono forniti molti meno dettagli sui termini di risoluzione.

La nostra ambizione è realizzare questi progetti e speriamo che, insieme alle autorità di New York, saremo in grado di trovare buone soluzioni. È molto improbabile che noi e tutti gli altri ci rivolgiamo alle autorità per chiedere condizioni migliori. Ma questo è necessario, ha detto Etterheim alla fine di settembre.

Nessun aggiustamento dell’inflazione

DN ha scritto in precedenza delle forti reazioni degli acquirenti di energia nello Stato di New York ai requisiti di Equinor. Un’ampia coalizione di questi attori ha calcolato che Equinor e BP hanno effettivamente richiesto 160 miliardi di corone norvegesi di entrate aggiuntive oltre alle garanzie di prezzo già in vigore.

Etterheim non ha confermato questi numeri, ma ha detto di essere a conoscenza del fatto che si trattava di “importi significativi”.

Equinor ha citato l’aumento dell’inflazione, l’aumento dei tassi di interesse, l’interruzione delle catene di approvvigionamento globali e la guerra in Ucraina nei documenti del governo statale.

“Ciò ha avuto un impatto negativo su un’ampia gamma di settori, compreso quello energetico”, hanno scritto Equinor e BP.

Empire Wind 2 e Beacon Wind 1 non sono stati adeguati all’inflazione, all’epoca le condizioni quadro erano tali ed era impossibile prevedere la crisi che da allora ha colpito il settore, ha spiegato Etterheim in un’intervista a DN.

READ  Il risultato record manda i norvegesi in borsa - NRK Norge - Una panoramica delle notizie da diverse parti del paese

L’esplosione dei costi per Empire Wind 1 e 2 e Beacon Wind si unisce a una tendenza preoccupante del settore. Equinor ha abbandonato a maggio i suoi piani per il progetto eolico offshore Trollvind sulla piattaforma continentale norvegese per lo stesso motivo.

-Dobbiamo avere progetti che possiamo difendere. È necessario un livello minimo di redditività, ma con gli aumenti dei costi a cui abbiamo assistito ciò non è giustificato dal punto di vista finanziario. “Non possiamo spendere soldi per progetti che non soddisfano i requisiti di redditività di base”, ha detto a DN il direttore delle energie rinnovabili di Equinor, Pål Eitrheim.

(condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vorremmo che condivideste i nostri casi utilizzando collegamenti che conducano direttamente alle nostre pagine. Non è consentita alcuna copia o altro utilizzo di tutto o parte del Contenuto se non con il consenso scritto o come consentito dalla legge. Per ulteriori termini vedere qui.