Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Nintendo ha perso in tribunale: dovrebbe far pentire i giochi preordinati

Nintendo ha perso in tribunale: dovrebbe far pentire i giochi preordinati

La sentenza “norvegese” ha conseguenze per l’intera Unione Europea.

Nintendo ha lavorato con un limite di una settimana prima del lancio per poter annullare un preordine.

Un tribunale tedesco ha ordinato a Nintendo di concedere il diritto di ritirare i giochi prenotati sull’eShop di Nintendo, fino al lancio.

L’attore era il Consiglio norvegese dei consumatori e l’Agenzia norvegese per i consumatori, insieme alle sue organizzazioni tedesche sorelle.

Nella decisione, Nintendo ha ordinato di porre fine alla pratica di richiedere ai consumatori di rinunciare al diritto di annullare i preordini entro 14 giorni.

Nintendo significa che la fornitura del servizio inizia quando qualcuno scarica parti del software. La società aveva originariamente “vinto” in primo grado, con il giudice che ha respinto la causa. E così la Corte d’Appello finì al contrario, tre anni dopo che il caso era stato sollevato per la prima volta.

– È stato un processo lungo, ma siamo contenti del risultato. Il Consumer Council crede da tempo che preordinare non sia la stessa cosa che avviare un servizio digitale, e ora Nintendo ha finalmente ceduto, afferma l’avvocato dei consumatori del Consumer Council Thomas Iversen per PrezzoChi ha citato il caso per la prima volta.

Già lo scorso anno Nintendo ha modificato le regole per i preordini, consentendo cancellazioni fino a sette giorni prima della data di lancio. La sentenza in pratica significa che Nintendo deve consentire le cancellazioni fino alla data di lancio.

Nintendo dovrebbe aver già implementato le modifiche, ma il limite di sette giorni si applica ancora fino a quando non puoi annullarti.

Jørgen Bolling di Bergsala di Nintendo afferma che dovresti contattare l’assistenza clienti per annullare il tuo pre-ordine se ha meno di sette giorni.

La cosa più semplice è probabilmente farlo tramite le pagine Nintendo. Altrimenti, è anche possibile farlo tramite lettera, fax o e-mail, dice Pauling a Tek.no.

Sony e Microsoft stanno inoltre consentendo l’annullamento dei preordini fino alla data di lancio.

Tuttavia, Sony non ti consente di richiedere un rimborso se hai “iniziato a scaricare la maggior parte dell’ordine” e devi anche andare al servizio clienti per un rimborso.

In Microsoft, puoi annullare digitalmente, ma se la tua startup ha meno di dieci giorni, i soldi verranno detratti dal tuo account e dovrai invece richiedere un rimborso.

Abbiamo chiesto a Iversen al Consumer Council se le restrizioni di Sony potessero essere coperte anche dalla sentenza contro Nintendo.

Ufficialmente, la sentenza si applica solo a Nintendo e al mercato norvegese, ma poiché ciò si applica all’interpretazione della legislazione dell’UE, la situazione si applicherà in tutta l’UE/SEE. La prenotazione, anche se parti del gioco sono precaricate, non annullerà il diritto di pentirsi del consumatore entro 14 giorni. Ha scritto in un’e-mail che dobbiamo esaminare attentamente come procedere per garantire che altri attori sul mercato si allineino con questa comprensione.

READ  La nuova PlayStation 5 potrebbe essere peggiore della prima -