sabato, Giugno 22, 2024

Nitido e terrificante sul percorso di Putin verso il potere

Must read

Ernesto Conti
Ernesto Conti
"Scrittore. Comunicatore. Drogato di cibo pluripremiato. Ninja di Internet. Fanatico della pancetta incurabile."

Una tragedia russa: questa settimana è stato pubblicato in norvegese il romanzo di Giuliano da Empoli “Il mago del Cremlino”. Foto: Kaisa Rasmussen / TT / NTB

“Il mago del Cremlino” è sia una favola letteraria che un’analisi politica stranamente accurata.

Regni corrotti, fanatici ideologici e un’intelligenza paranoica.

È uno dei pilastri su cui Vladimir Putin fonda il suo onnipotente impero russo.

Romanzo documentario dell’autore italo-svizzero Giuliano da Empoli “Il Mago del Cremlino” Oggi svela con straordinaria precisione il pensiero, i giochi di potere e le motivazioni economiche che hanno reso possibile il presidente Putin come nuovo re della Russia.

È affascinante e ripugnante allo stesso tempo.

Il narratore del romanzo è una figura periferica nella vita accademica di Mosca.

Ha un forte interesse per il (vero) scrittore Yevgeny Zamzatin e in particolare per il romanzo “Noi” del 1922.

A suo tempo, il libro veniva letto come un confronto con tutti i tipi di dittature, e il narratore fa amicizia con un altro amante di Jemjad che opera sotto uno pseudonimo, nelle zone grigie di Internet.

Giuliano da Empoli è stato uno scrittore, giornalista e professore di politica italo-svizzero. In precedenza è stato consigliere del Primo Ministro italiano. Foto: Kaisa Rasmussen/TT / TT News Agency / NTB

Il narratore si trova faccia a faccia con Vadim Baranov quando i due si incontrano una sera nel magnifico giardino dell’uomo misterioso fuori Mosca. Il consigliere di Putin è Putin, che qualche anno fa è improvvisamente scomparso dai corridoi del potere, e quindi dall’opinione pubblica.

È opportuno menzionare qui che Vadim Baranov potrebbe essere modellato sul vero Vladislav Surkov.

Lo stesso Surkov è stato “accreditato” con la creazione Putinismo La sovranità come ideologia e, per estensione, la democrazia. In altre parole, l’odierno sistema di governo russo autocratico, in cui tutto il potere è concentrato attorno al presidente e ai suoi stretti collaboratori.

READ  Peter e Ventella svelano nuovi dettagli del matrimonio

Nelle lunghe serate e notti davanti al camino, Baranov racconta la sua vita.

Una vita che riflette le pagine più importanti della storia recente della Russia. Egli descrive lo scioccante passaggio dal comunismo al capitalismo della giungla negli anni ’90 come segue:

“Sono cresciuti in una patria e all’improvviso si sono ritrovati in un supermercato.”

Vadim Baranov si lancia nelle possibilità di un mondo nuovo e coraggioso e, dopo una breve carriera come produttore televisivo, unisce le forze con il ricco Boris Berezovsky.

Come gli altri personaggi principali del libro, Berezovsky è una persona reale.

I suoi sforzi per diventare un “kingmaker” hanno aperto la strada all’ascesa al potere del capo dell’FSB Vladimir Putin alla tumultuosa svolta del millennio. Ma invece di essere un burattino della nuova élite capitalista del paese, Putin si sta rapidamente dimostrando un attore di potere più capace di loro.

Incredibilmente accurato

Molti, presi dalla realtà, percorrono la rivista in un flusso costante. Tra loro c’era il “maggiordomo di Putin” e in seguito il leader di Wagner Yevgeny Prigogine. Tutti loro vengono trascinati nella spirale del potere e poi schiacciati.

In piccoli ruoli incontriamo leader stranieri come Bill Clinton e Angela Merkel. Sono rappresentativi della vergogna internazionale della Russia e confermano i sospetti dell’élite al potere secondo cui l’Occidente vuole prendere il sopravvento e controllare la Russia.

Il putinismo è la risposta a questa minaccia immaginaria. Vadim Baranov, il mago di Putin, spiega così i concetti base:

“La politica ha un solo obiettivo: rispondere alle paure della gente… Tutto ciò che fa credere alla gente che sei forte, in realtà ti rende più forte.”

“Il mago del Cremlino” è sia una favola letteraria che un’analisi politica stranamente accurata.

READ  La madre italiana costringe i figli adulti a trasferirsi

Solo alcune scene sentimentali inutili alla fine abbassano un po’ l’atmosfera generale.

Ma se siete interessati a comprendere un po’ la mentalità politica dei nostri aggressivi vicini dell’est, il libro di Giuliano da Empoli è un buon punto di partenza.

More articles

Latest article