Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

No, gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. Tina Pro non è scettica sul clima – E24

Il ministro del petrolio e dell’energia Tina Brough

Arndasoca: È tempo di portare più realismo nel dibattito sul clima. Allora si deve porre fine all’etichettatura di coloro che credono che ci siano altre soluzioni oltre alla chiusura dell’industria petrolifera.

  • Hilda Overbeck
    Hilda Overbeck

    Appeso a Stavanger Aftenblad

Inserito: Inserito:

Questo è un commento

Il commento esprime la posizione dell’autore.

Questo fine settimana è stato sufficiente per il Segretario del Petrolio e dell’Energia Tina Brough (H). “Attenzione: arriva un po’ di trambusto”, ha scritto su Facebook. In un post pubblicato anche da Aftenbladet.

“Non ci sono certamente altre soluzioni o discussioni rilevanti per il dibattito sul clima. Va su una traccia, continuamente. Dobbiamo immediatamente interrompere l’esplorazione, impostare una data di scadenza e porre fine del tutto all’industria. Lan Marie Berg nomina coloro che i negazionisti del clima non fanno. crederci.

La risposta di Berg a Bru su Facebook è stata la seguente: «Ho letto che è frustrato dalla polemica sul petrolio. È facile sentirsi frustrati quando si è dalla parte sbagliata della scienza e dei fatti e privi di buoni argomenti”.

Ma qui Bru ha sottolineato una cosa molto importante. Il dibattito politico sul petrolio e sul clima si è intensificato e sembra diventare sempre più polarizzato.

Di recente, gli obiettivi di sviluppo del millennio, in particolare, hanno represso coloro che sostenevano soluzioni diverse da un blocco politicamente concordato.

Leggi anche

Solvang ha contrastato gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio con un rapporto commissionato dalla Oil Lobby

Rapporto sul clima

L’ultimo rapporto sul clima del Comitato per il clima delle Nazioni Unite (IPCC), pubblicato la scorsa settimana, ha mostrato che il riscaldamento globale è destinato a raggiungere 1,5 gradi entro 20 anni. Anche se le emissioni si riducono rapidamente.

Se le emissioni continuano ad aumentare, il riscaldamento potrebbe raggiungere i 5,7 gradi entro la fine del secolo. Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato che questo dovrebbe essere un “colpo mortale” per carbone e combustibili fossili.

Questo ovviamente solleva polemiche sull’industria petrolifera in Norvegia. Dovresti fare lo stesso. Ma il dibattito deve riguardare qualcosa di più della semplice spazzatura. Deve riguardare i fatti.

Si può discutere se le cose sono accadute e stanno accadendo abbastanza velocemente. Ma i mercati del petrolio e dell’energia sia in Norvegia che nel mondo stanno già cambiando radicalmente.

Quando gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio richiedono che i lavoratori del settore petrolifero vengano riqualificati con denaro statale, dovrebbero fare un viaggio nelle realtà che esistono nell’industria petrolifera e nell’industria dei fornitori. Perché questo è qualcosa che sta già accadendo, completamente senza sostegno statale e guida politica.

L’industria deve essere collegata al mondo che ci circonda, come hanno indicato entrambi i nostri mercati più importanti nell’UE attraverso il loro piano climatico. “accordo verde” e iniziativa “adatto per 55” Quelle emissioni dovrebbero essere ridotte drasticamente. Ciò significa eliminare gradualmente carbone, petrolio e gas.

A livello internazionale, investitori, azionisti e mercati finanziari spingono per il cambiamento. E questo autunno c’è un nuovo vertice sul clima a Glasgow, che avrà sicuramente conseguenze per gli sviluppi internazionali.

Leggi anche

L’analista delle materie prime propone l’eolico offshore da 100 miliardi di dollari all’anno: – Dobbiamo pensare molto, molto di più

Più rinnovabile

La nuova industria deve essere costruita sulla vecchia industria. E ci sono molti esempi che la Norvegia, il paese del petrolio, è diventata anche più rinnovabile.

I fornitori di energia eolica offshore norvegesi potrebbero raddoppiare le entrate a 100 miliardi di NOK nel 2030, secondo un recente rapporto di I partner energetici norvegesi introdotti ad Arendalsuka.

Questo accade perché i progetti sia a livello internazionale che in parte in Norvegia aumenteranno notevolmente nei prossimi anni.

Un certo numero di società norvegesi ha promesso investimenti significativi nell’eolico offshore, comprese le tradizionali società fornitrici di petrolio come Aker Solutions, Aibel e Fred. Olsen e Kongsberg Maritime. C’è stata una risposta massiccia alle aree di energia eolica del Mare del Nord e del Nord di Utsira a sud, e in breve tempo il governo ha preparato una guida ai venti offshore in Norvegia.

Leggi anche

I giovani dopo il rapporto sul clima: abbandonati, annoiati e arrabbiati

nuove opportunità

Odfjell Drilling e la sua consociata Odfjell Oceanwind, con l’aiuto di nuove tecnologie e competenze dell’industria petrolifera, hanno Sviluppate turbine eoliche offshore galleggianti e mobili che può essere utilizzato per ridurre le emissioni degli impianti di perforazione e degli impianti di perforazione ed eventualmente trasportato in aree eoliche offshore aperte sulla piattaforma norvegese.

Ciò significa che può essere un’alternativa migliore e più economica all’elettricità utilizzando l’elettricità da terra.

Inoltre, Equinor è coinvolta in diversi progetti di energia eolica in diversi paesi, che creano nuovi posti di lavoro nell’azienda.

Ci sono molti altri esempi di come il settore si sta trasformando e sta cercando nuove opportunità. Tutti loro stanno già utilizzando l’esperienza dell’industria petrolifera. Numerose start-up nel settore delle energie rinnovabili, nella tecnologia solare, eolica e delle batterie, sono costituite anche da dipendenti con esperienza nel settore petrolifero.

Questa settimana, gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio Berg hanno anche affermato che è ora È tempo di eliminare gradualmente tutti i programmi di studio mirati al petrolio e al gas. La verità è che anche le università sono consapevoli che siamo in uno stato di cambiamento, e quindi hanno già cambiato nome e contenuto di questa formazione.

Leggi anche

Erna Solberg dubita di nuove esplorazioni petrolifere

Più cooperazione

Piuttosto che discutere una data di fine, la discussione dovrebbe concentrarsi su ciò che serve per far accadere le cose, più velocemente e in modo più efficiente.

Una maggiore cooperazione, a livello politico, a livello governativo, tra ministeri, nell’industria e tra paesi, è stata notata come importante da molti nel settore e dagli esperti nelle discussioni durante la settimana di Arendal.

Secondo l’ultimo rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia, la cooperazione tra i paesi è così importante che, se non ci riusciamo, la ristrutturazione verrà ritardata di 40 anni e l’obiettivo di un massimo di 1,5 gradi di riscaldamento globale non sarà raggiunto.

Secondo Sintef e NTNU, che ad Arendalsuka hanno dato consigli ai politici su cosa serve per realizzare una trasformazione verde nel Mare del Nord, anche l’accettazione della popolazione è fondamentale. Non deriva dal fatto che metti etichette a chi ha un’opinione diversa su soluzioni e strumenti.

È altrettanto importante ascoltare la ricerca sul clima quanto ascoltare coloro che si trovano nel mezzo della transizione e osservare i fatti. Quindi smettila di chiamare Tina Pro una scettica sul clima, cosa che chiaramente non fa. Il dibattito sul clima merita più obiettività e realismo di così.

Continua a leggere E24 +

Esperti di retorica: ecco perché Left e Sp sono nel vento

READ  Abbiamo bisogno di una nuova umanità?