Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Non sappiamo come andrà a finire – E24

La paura dell’inflazione si sta diffondendo nei mercati azionari globali. Il prezzo del mercato azionario è da qualche parte tra il 1929 e la bolla delle dotcom, afferma il capo dell’analisi, Pal Ringholm.

Pål Ringholm, Head of Analysis presso Sparebank 1 Markets, ritiene che lo shock inflazionistico degli Stati Uniti e i dubbi sul comportamento futuro della Federal Reserve statunitense stiano pesando sul mercato azionario.

Cecily S Anderson / E24

Pubblicato:

Dopo che mercoledì i nuovi numeri hanno rafforzato la paura dell’inflazione nel mercato azionario, i mercati azionari hanno continuato a diminuire nel loro giorno rialzista.

La spiegazione data è che gli investitori temono che l’aumento dell’inflazione porterà la Federal Reserve statunitense ad aumentare nuovamente i tassi di interesse prima di quanto avessero immaginato. Il mercato azionario ha vissuto con tassi di interesse zero per quasi un anno e il denaro della banca centrale immesso nel mercato ha ricevuto molto credito per i mercati azionari che hanno stabilito molti record durante la pandemia, nonostante chiusure e restrizioni rigorose.

I tassi di interesse elevati sono negativi, soprattutto per le società in crescita, dove i profitti sono in anticipo rispetto al previsto. E queste società, comprese diverse società tecnologiche, sono state le più colpite di recente.

Mentre la Borsa di Oslo e altre borse valori nordiche sono chiuse, le azioni puntano verso il basso sul mercato azionario internazionale.

Tra le borse più importanti in Europa, Londra è stata la peggiore, con un calo di oltre il 2%. All’alba, c’è stato un ampio e pesante calo in Asia, con la Borsa di Tokyo che è stata colpita più duramente poiché è scesa del 2,5%.

Il grafico seguente mostra come l’S & P 500 si è sviluppato negli Stati Uniti nell’ultimo mese.

Head of Analysis Department Pål Ringholm presso Sparebank 1 Markets Utilizza una prospettiva di 100 anni come sfondo per spiegare cosa sta succedendo oggi nel mercato azionario.

Dopo un notevole rally dalla fine di marzo dello scorso anno, il prezzo del mercato azionario è stato da qualche parte tra il 1929 e la bolla delle dot-com, dice Ringholm al telefono all’E24.

Prima del crollo del mercato azionario nel 1929 e nella bolla delle dot-com all’inizio degli anni 2000, il mercato azionario era caratterizzato da prezzi in forte aumento.

L’ampio e importante indice azionario statunitense S&P 500 è diminuito per tre giorni consecutivi. L’indice è sceso del 4% finora questa settimana.

Quanto durerà?

Le turbolenze del mercato possono essere temporanee, ma il problema dell’inflazione continuerà. Non sappiamo come andrà a finire, dice Ringholm.

Leggi anche

Forte calo a Wall Street dopo i dati sull’inflazione

Dubbi sulla tenuta della banca centrale

Giovedì il calo del mercato azionario statunitense si è diffuso a livello globale. In Europa, le borse di Francoforte e Parigi sono scese rispettivamente dell’1,7 e dell’1,6%. A Wall Street, si sta dirigendo verso un nuovo minimo, ma il pre-scambio indica un calo un po ‘più moderato dopo il forte calo del giorno precedente.

All’inizio della giornata, c’è stato un notevole calo nei mercati azionari asiatici. L’Hang Seng a Hong Kong è in calo dell’1,7%, il Kospi a Seoul è in calo dell’1,3%, lo Shanghai Composite è in calo dello 0,9%, l’indice FTSE Straits Times a Singapore è in calo dello 0,67% e l’ASX 200 a Sydney è in calo dello 0,9% .

Da singole azioni, Softbank è diminuita secondo Reuters Dopo che la società ha abbandonato un’estensione del suo programma di riacquisto da 23 miliardi di dollari. Il prezzo è sceso del 7,8%. Softbank è diventata uno dei più potenti investitori tecnologici al mondo e ha recentemente investito in diverse società norvegesi, come Kahoot, Autostore e Oda.

Ringholm indica i numeri complessivi che sono stati mostrati negli ultimi giorni. I dati di mercoledì hanno mostrato che l’inflazione negli Stati Uniti era al livello più alto da aprile.

I numeri erano completamente al di fuori di ciò che gli economisti avevano immaginato. Nessuno si è avvicinato a indovinare il 3 per cento, dice Ringholm.

Indica l’inflazione di fondo, cioè l’inflazione indipendentemente dai prezzi di cibo ed energia. Era il 3 per cento, mentre gli economisti secondo Ringholm avevano previsto fino al 2,5 per cento.

Su base mensile, il tasso di inflazione core era dello 0,9 per cento. Questo è il più grande aumento mensile dall’aprile 1982, secondo il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

Dopo i dati sull’inflazione di ieri, gli investitori stanno diventando più scettici sul comportamento futuro della Federal Reserve, secondo Ringholm, il che significa che gli investitori non sono sicuri di cosa farà la Federal Reserve statunitense la prossima volta.

Gli investitori potrebbero dover aspettare fino alla caduta per vedere come si svilupperà l’inflazione, ma se l’inflazione si ferma, la Fed non può dire che è temporanea, dice Ringholm.

I grandi escrementi arrivano quando l’economia entra nel fossato ed è difficile vederlo accadere ora. Al contrario, sta riaprendo in diversi posti nel mondo. Molto probabilmente è una correzione che può durare alcune settimane.

Surriscaldamento nell’economia

Mercoledì, a Wall Street, il calo è stato intenso e ampio. L’indice Dow Jones è sceso dell’1,99%, il Nasdaq del 2,67% e lo Standard & Poor’s del 2,15%. Quest’ultima ha avuto la sua giornata più pesante da febbraio.

L’inflazione è aumentata negli Stati Uniti, mentre la più grande economia mondiale è in forte ripresa, grazie ai vaccini e alla riapertura dopo la pandemia.

L’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti ha registrato una crescita annuale del 4,2% ad aprile, la più grande da settembre 2008. La crescita mensile da marzo ad aprile è stata dello 0,8%. Questo è aumentato dallo 0,6% di crescita mensile a marzo.

Il prezzo del petrolio è stato colpito, con il petrolio Brent del Mare del Nord in calo del 2% oggi, a 67,6 dollari al barile.

La corona si indebolisce leggermente rispetto alle principali valute. Il prezzo del dollaro è di 8,4 corone, mentre il tasso di cambio dell’euro è di 10,1 corone.

Leggi anche

La più grande inflazione negli Stati Uniti da quasi 13 anni

Continua a leggere per E24 +

Scommesse su Oda, Autostore e Kahoot: questo è Softbank

Pubblicato:

READ  - Ha dovuto sopportare molto odio